Alma-Maceratese è anche Favo contro Favo

di 

12 dicembre 2013

Vittorio Favo

Vittorio Favo

FANO – Il calcio riserva strani incroci. Destini e partite che giocano uno bizzarro scherzo, offrendo un risultato che non riusciresti mai ad ottenere, nemmeno a farlo apposta. Sabato al Mancini l’Alma affronta la Maceratese. Sulla panchina biancorossa siede Max Favo, mentre il figlio del tecnico Vittorio, milita tra le fila della squadra granata. Complice l’infortuno di Sassaroli, Vittorio potrebbe, con molta probabilità, partire dal primo minuto. Per lui sarebbe la prima volta al Mancini, tra l’altro con le telecamere puntate addosso, visto che la gara sarà trasmessa in diretta su Rai Sport.

Una grande responsabilità per il giovane metronomo fanese che però, in questi primi mesi ha saputo dare prova di grande carattere. Lo stesso carattere che ha contraddistinto Papà Massimiliano che vanta, anche, 10 presenze in serie A con il Napoli insieme a Diego Armando Maradona. Mica roba da poco.

“La viviamo con professionalità – afferma Vittorio Favo – Qualche volta scherziamo, ma poi ognuno pensa per il bene della propria squadra. Non nascondo che sia una sfida particolare, diversa perché il lato affettivo contrasta con quello professionale. Ovviamente in casa cerchiamo di non parlarne affinché non ci sia imbarazzo o tensione”. E la mamma per chi tifa? “Addirittura – risponde Vittorio – non voleva venire nemmeno allo stadio, siamo stati costretti ad obbligarla”.

Dovendo fare un bilancio, il centrocampista granata afferma: “Posso dire solo bene. In questi mesi penso di essere cresciuto tanto grazie, anche, ai consigli dei giocatori più grandi ed esperti che rappresentano un esempio. Nel mio ruolo c’è uno che si chiama Lunardini che ha giocato in serie A, quindi in ogni allenamento cerco di carpire qualcosa, cercando di costruire la mia strada”. Se dovessi giocare? “Mi metto a disposizione come ho fatto sin qui, deciderà il mister se e quando impiegarmi”. Insomma, Favo contro Favo, per un sabato in cui conterà solo il colore della maglia. Proprio strana la vita.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>