Baldolini si racconta a pu24.it: “Nel 2013 ho imparato cose nuove… spero che Babbo Natale mi porti un contratto per il prossimo anno”

di 

16 dicembre 2013

Alex Baldolini, pilota pesarese impegnato nella Supersport, racconta in esclusiva per pu24.it il 2013 su cui è calato il sipario. Baldolini è tra i centauri che nel 2014 collaboreranno col nostro portale inviando emozioni, sensazioni e accadimenti di proprio pugno da ogni circuito planetario.

 

 

Alex Baldolini

Alex Baldolini

di Alex Baldolini

E anche questa stagione è terminata (anche da un po’ effettivamente…); che dire di questo 2013? Di sicuro non è stata tra le stagioni più esaltanti per me a livello di risultati sportivi, ma di sicuro è stato un anno dove ho imparato tante nuove cose (eh sì, dopo più di 10 anni di gare si continuano ad imparare cose… chi lo avrebbe mai detto?). Dopo un inverno un po’ “turbolento”, ho trovato una sistemazione in extremis con il Team Lorini in sella ad una CBR, siamo partiti senza test ma già da subito non sono riuscito a sentirmi a “casa” nel team, nonostante dei piazzamenti a punti nelle prime gare il mio malcontento cresceva gara dopo gara e dopo il round di Monza in comune accordo con il team abbiamo deciso di dividere le nostre strade. E’ difficile da spiegare come si sia arrivati a questo, mi trovavo bene con le persone all’interno del team, ma non so perché non riuscivo a trovare a mio agio nelle “scelte tecniche” e questo si trasportava poi in sella, in definitiva non mi sono mai sentito a mio agio al 100% in sella alla CBR…

Alex Baldolini in piega

Alex Baldolini in piega

Nemmeno a farlo apposta dopo la gara di Monza si sono create le opportunità per poter tornare nella mia “seconda casa” (nel mondiale Supersport), nel team Suriano. Non ho voluto farmi scappare l’opportunità e, anche se sapevo che sarei salito in sella ad una moto giovane e che fino al momento non aveva dimostrato un granché, avevo piena fiducia in una persona che nel 2012 mi ha valorizzato come nessuno: Ninetto Suriano. A Donington sono salito in sella per la prima volta alla Suzuki GSX-R (versione Supersport) e ho subito notato una sensazione che avevo perso nelle prime gare e da lì in poi ho avuto la certezza che finalmente sarei tornato a divertirmi in sella. Le gare sono state tutte un crescendo fino a concludere veramente vicinissimi ai primi (parliamo di Kawasaki ufficiali, Yamaha R6 e Mv Agusta…), un risultato che ha premiato l’enorme sforzo fatto dal team durante l’anno visto che è stato fatto tutto in casa senza nessun aiuto dalla casa madre. Abbiamo archiviato due partenze in seconda fila (5 in Russia e 6 a Jerez), vari risultati nella top ten e purtroppo nell’ultima gara di Jerez sono scivolato quando ero in 5 posizione per cercare di rimanere aggrappato al gruppo di testa; volevo un ottimo risultato per il team, ma purtroppo quando si viaggia al limite sono cose che succedono.

In mezzo a questa stagione ci ho aggiunto pure la 24 ore di Le Mans, conclusa al 7° posto generale (e 5° della classe Superbike); devo dire che è stata una delle esperienze più incredibile che ho avuto da quando corro, davvero indescrivibile… adrenalina a 1.000 per 24 ore! Quando abbiamo tagliato il traguardo mi sono commosso, è stato uno sforzo enorme ma ne è valsa davvero la pena. Spero di poter ripetere queste esperienze nei prossimi anni.

Alex Baldolini in gara

Alex Baldolini in gara

Sono comunque felice di questa stagione 2013, che non dimenticherò; sono successe tante cose belle: ho potuto partecipare alla 24 ore di Le Mans, ho avuto la conferma che tanta gente ha un enorme rispetto e stima verso di me (sia a livello personale che di pilota), ho trovato delle amicizie sincere tra piloti che mai avrei immaginato potessero esistere; purtroppo questo 2013 mi ha anche segnato (per la terza volta… prima Shoya Tomizawa, poi il mio amico Marco Simoncelli ed infine Andrea Antonelli) nel cuore, abbiamo perso un altro pilota, un amico, un ragazzo; sono già 3 in pochi anni (e li conoscevo tutti e 3 bene), una tristezza immensa che ogni volta che ci penso mi vengono i brividi, cercherò di portarli comunque sempre con me dentro il cuore, perché queste sono cose che non si devono dimenticare…

E la prossima stagione? Me lo chiedono in molti. Beh, non è così semplice come sembra, stiamo cercando una sistemazione e spero di poterla trovare prima possibile, per poter poi concentrarmi al 100% e prepararmi a dovere per Phillip Island; spero davvero che Babbo Natale mi porti un contratto per la stagione 2014, in fin dei conti credo di essere stato abbastanza buono in questo 2013!

4 Commenti to “Baldolini si racconta a pu24.it: “Nel 2013 ho imparato cose nuove… spero che Babbo Natale mi porti un contratto per il prossimo anno””

  1. SMANETTONE scrive:

    Darei la falange del mignolino per dargli il gas che gli dai tu, in ogni caso quello che ho letto è un bel resoconto della tua stagione, bello perchè non accusi nessuno e racconti con sinceritò quanto hai vissuto. Grazie Alex

  2. Smanettone scrive:

    Il rispetto per un pilota, uno che un tempo chamavano cavaliere del riscchio, è per un motociclista sacro, quindi l’apprezzamento per te e per chi come te gareggia in pistra è doveroso, come è doveroso non considerare quelli che in moto stupidamente fanno i piloti per strada.
    Ciao Alex

  3. Núria scrive:

    Bravo Alex!!!! Bellissime parole, raccontato tutto perfetto :) VAAAAIIII

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>