Le vittorie di Gianni Morbidelli finiscono al museo delle Mille Miglia

di 

21 dicembre 2013

Gianni Morbidelli su Audi

Gianni Morbidelli su Audi

BRESCIA – E’ la vettura che ha vinto più corse tra quelle mai schierate da Audi Sport Italia: dodici vittorie messe in fila una dietro l’altra nel corso di due brillanti stagioni di gare Superstars, col primo successo festeggiato a Donington Park il 20 maggio 2012 e l’ultimo ottenuto in Franciacorta lo scorso 27 ottobre.

Una dozzina di successi tutti firmati da Gianni Morbidelli, cui il pesarese quest’anno ha aggiunto i titoli internazionale ed italiano della categoria per vetture V8. Senza dimenticare quattro pole position e la bellezza di quindici giri più veloci. Con la RS 5 Morbidelli ha fatto perfino meglio del totale di successi che era riuscito a siglare Emanuele Pirro con la splendida A4 quattro che nel Superturismo dell’ormai lontano 1995 riuscì a portare a casa ben undici coppe del vincitore, oltre al titolo tricolore.

A partire da questa settimana l’Audi RS 5 nata nell’officina di Emilio Radaelli sarà visibile al pubblico nel Museo Mille Miglia, che ha sede presso l’ex-Monastero di S. Eufemia nella zona est di Brescia. La cornice d’eccezione non è casuale, visto il ruolo di primo piano nella vita del Museo (di cui è stato Socio Fondatore) del cavalier Attilio Camozzi, il fondatore dell’azienda i cui colori hanno contraddistinto l’Audi numero 45 nel corso delle  due passate stagioni agonistiche.

Un commento to “Le vittorie di Gianni Morbidelli finiscono al museo delle Mille Miglia”

  1. Brusco 54 scrive:

    Grande Gianni grazie per averci fatto divertire con una stagione fantastica. Buone Feste a te, alla tua famiglia e un particolare affettuoso abbraccio al tuo babbo, al mitico Giancarlo, che ci ha regalato successi indimenticabili dalla redazione di pu24.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>