Muraglia, aggredita in casa e picchiata a sangue senza un motivo

di 

22 dicembre 2013

PESARO – Vilma Ciaroni, 67 anni, imprenditrice del gruppo Spar mobili di Pesaro, è stata picchiata a sangue da un rapinatore all’interno della sua abitazione, a Muraglia, alle 21.30 di mercoledì scorso. Come ha ricostruito nel dettaglio il Carlino la signora, che in ospedale si è vista dare una prognosi di 25 giorni, ha riportato un occhio nero, tre punti di sutura in viso e una costola rotta. Un’aggressione selvaggia, su cui stanno indagando i carabinieri, senza escludere l’ipotesi di un sicario. Perché non le ha chiesto niente, non ha preso nulla: ha solo iniziato a picchiarla. “Mi sono salvata solo perché gli ho dato una spinta e in quel momento ho afferrato il telecomando collegato con l’allarme”. La settimana prima, come ha raccontato la signora,   uno sconosciuto col passamontagna si era introdotto nella sua serra e aveva tagliato i fili della caldaia: la pronta chiamata ai carabinieri lo aveva messo in fuga. A distanza di una settimana, l’aggressione.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>