Omicidio della badante Svetlana, ore contate per il marito “tradito” dal cellulare

di 

3 gennaio 2014

PIOBBICO – Carabinieri, interpol e della polizia moldava sarebbero ormai sulle tracce di Nicolae Roset, 51 anni, marito di Svetlana, la badante moldava ritrovata morta lo scorso 26 dicembre in una cisterna d’acqua. Sarebbe lui, secondo gli inquirenti, l’assassino. Sempre lui, dopo aver agito con premeditazione, forse per soldi e gelosia, avrebbe poi occultato il cadavere. Fondamentale, per rintracciare i primi spostamenti dell’uomo, passato da Ferrara dove abita la figlia e arrivato il Moldavia con un pulmann, il tracciato del suo cellulare.

La salma della povera Svetlana, intanto, è partita per Moldavia dove sarà seppellita. La donna lascia due figli, un maschio e una femmina, che hanno raggiunto la Moldavia per preparare i funerali.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>