Cascino propone la cittadinanza onoraria per il professor Lucarelli

di 

4 gennaio 2014

Piergiorgio Cascino*

PESARO – L’intervento dei giorni scorsi sulla figura del Prof. Lucarelli, e sulla sconfitta subita da Pesaro con il suo passaggio a Roma, riporta una centralità di discussione sulla nostra sanità. A ben vedere, la decadenza, il depauperimento e l’assalto alla nostra diligenza sanitaria, da parte anconetana, si può far risalire allo scontro sull’Ircss ed alla figura del Prof. Guido Lucarelli. Con il suo allontanamento e con l’arroganza della gestione sanitaria da parte dei dirigenti regionali è cominciato lo smantellamento della nostra sanità. L’impoverimento tecnico e sociale, oggi, è evidente a tutti i pesaresi. Dietro la favola dell’ospedale unico si nasconde, ancora una volta, il potenziamento anconetano sia nelle strutture che nella direzione sanitaria. Un assessore regionale pesarese ma, inutile ai pesaresi, ha assecondato tutte le politiche volte al disfacimento. Siamo diventati una struttura di supporto e di transito verso altre strutture, con un costo folle per le uscite dal territorio. La Sanità ha necessità di un ripensamento a 360 gradi, con l’allontanamento di questi assessori e dirigenti. Per tornare al Prof. Lucarelli, Pesaro, nella sua direzione amministrativa cittadina e provinciale, e non nella popolazione, deve fare ammenda e chiedere scusa per il torto inflitto e subito. Presenterò un ordine del giorno in consiglio comunale che prevede la concessione, tanto per cominciare, della cittadinanza onoraria al Prof. Guido Lucarelli. Piccolo ma importante risarcimento morale per lui e per la gente di Pesaro che è sempre stata solidale con il progetto del Prof.

*Consigliere comunale

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>