Massimo Seri è certo: “Coesione sociale, la vera sfida”

di 

8 gennaio 2014

Massimo Seri*

FANO – L’intervista del presidente provinciale delle ACLI entra nel vivo della drammatica questione sociale che sta vivendo la comunità cittadina.

Il dramma delle famiglie senza più sostegni economici e di assistenza da parte degli Enti pubblici, massacrati dalle politiche statali dei tagli alla spesa, è la vera emergenza insieme a quella del lavoro.

Massimo Seri

Massimo Seri

Del resto sempre più famiglie con la presenza anziani al loro interno fa si che la spesa per il mantenimento del nucleo familiare aumenti in misura esponenziale.

ACLI, CARITAS e tutte quelle associazioni per il volontariato che intervengono nell’assistenza agli anziani vanno sostenute dagli Enti Locali e dalle Fondazioni Bancarie, tenuto conto che solo una rete così capillare e diffusa – insieme al privato no profit – può mantenere in vita lo stato sociale del nostro paese.

Ma la condizione per cui lo stato sociale possa rimanere vitale ed al servizio delle famiglie va ricercata in una politica da parte dello Stato segnata da un forte intervento finanziario a favore di tutte le fragilità: da quelle dell’infanzia a quelle dei minori fuori delle famiglie di origine, dagli anziani non autosufficienti e dell’assistenza domiciliare integrata per anziani e non autosufficienti.

Vanno inoltre sviluppati tutti quei processi di confronto e condivisione con il settore dell’associazionisno e del no profit che, soli, potranno produrre politiche rivolte ad un reale sostegno del disagio non solo socio economico, ma anche relazionale.

“Queste sono misure che consentirebbero un aiuto alle famiglie in difficoltà e attiverebbero contestualmente molto lavoro a differenza di inutili e vuote ricette”.

*Candidato sindaco di Fano, assessore provinciale alle Politiche attive per il lavoro e la Formazione professionale, attività sportive, gioco, sport per tutti, partecipazione

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>