La gratitudine della città di Pesaro a Rotella, Mariani e The Mat Mat

di 

10 gennaio 2014

Foto di gruppo dei premiati

Foto di gruppo dei premiati

 

PESARO – Venerdì 10 gennaio, alle ore 11.30, nella sala Rossa del Comune, il sindaco Luca Ceriscioli e il vicesindaco Enzo Belloni hanno consegnato attestati di “Gratitudine della città di Pesaro” e di “plauso della città”, a due esercenti – Mario Rotella e Maria Rosa Mariani, pizzeria Otello – e allo storico gruppo musicale dei “Mat Mat”.

Ecco le motivazioni:

Mario Rotella

Mario Rotella

a Mario Rotella
che bazzica con gli orologi da più di 60 anni, avendo cominciato come ragazzo di bottega nel negozio di Annibale Del Monaco (cugino del grande tenore) a soli 9 anni, nel 1952. Li dentro, per otto anni, senza essere pagato, ha imparato il mestiere di mettere le mani negli orologi e rimetterli a posto. Con maestria. Del resto, tre fratelli Rotella sono stati famosi orologiai di Pesaro: Onorato, immaturamente scomparso; Enrico, dopo anni di orologiaio ha finito la sua attività lavorativa in diverse industrie del territorio; anche Mario, dopo l’apprendistato è andato a guadagnar da vivere in rinomati mobilifici pesaresi. Poi nel 1967 la non sopita passione per la sua arte, lo porta ad aprire la Orologeria Rotella in Via Giordano Bruno, dove tutt’ora opera dal mattino alla sera. Non solo è un bravo orologiaio (forse l’ultimo degli orologiai veri), capace di riparare l’irriparabile; ma è conosciutissimo in tutta la città, cercato e stimato, ed amico di tantissimi. Il suo negozio è anche un punto di incontro con questi amici. A lui, e indirettamente anche ai suoi fratelli
la riconoscenza e la gratitudine della città di Pesaro.
Il sindaco Luca Ceriscioli

 

Maria Rosa Mariani

Maria Rosa Mariani

a Maria Rosa Mariani “Pizzeria Otello”
Da una vita è l’anima della nota pizzeria di Via Zongo. Ha cominciato 57 anni fa lavorando nella pasticceria/pizzeria aperta da Otello Fulvi in via Cavour nel 1955. Due anni dopo sposò Otello divenendone attiva e creativa compagna di gestione fino alla morte del marito nel 1986. Da titolare unica si avvalse della preziosa collaborazione del figlio Gabriele al quale da alcuni anni ha ceduto il timone. Ma ancora alla bella età di quasi 77 anni continua a passare delle ore dietro il banco e in cucina quasi a voler veder crescere la creatura che ha contribuito a rendere conosciuta e apprezzata in tutta la città. Trasferitasi al numero 33 di via Zongo nel 1969 e all’attuale numero 11 vent’anni fa, la pizzeria è diventata anche ristorantino ricercato per la qualità dei prodotti e del servizio improntato alla più calda e amichevole accoglienza. Per questo è frequentatissimo dai dipendenti di enti ed aziende del centro storico nella pausa pranzo.

la riconoscenza e la gratitudine della città di Pesaro.
Il sindaco Luca Ceriscioli

 

The Mat Mat

The Mat Mat

il plauso della città Paolo Del Maestro, Silvano Baldi, Idilio Mazzoli, Luigi Vincenzi THE MAT MAT
Da 50 anni insieme, uniti da una comune passione: la musica beat di allora. Da subito apprezzati, hanno suonato nei più noti locali della Riviera Adriatica. Il successo in molteplici concorsi, la partecipazione al Festival di Castrocaro, la presenza diffusa nei locali della Riviera, l’incontro con i big della musica di allora, rafforzarono la loro popolarità. Un successo che si è sviluppato lungo i decenni combinando il rinnovamento musicale con la capacità di trasmettere ancora oggi le emozioni dei “favolosi anni ’60”. Di qui la loro intensa attività che perdura con presenze nei locali delle Marche, dell’Italia e oltre confine. Ma proprio perché consapevoli delle loro radici popolari, da alcuni anni sono impegnati in attività sociali, in particolari con concerti di successo per raccogliere fondi per la locale Caritas, grazie anche alla preziosa collaborazione di Bruno Patrignani.
Il sindaco Luca Ceriscioli

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>