Fano, ansia da prestazione: con la Recanatese è solo 0-0. Infortunio muscolare per Stefanelli

di 

12 gennaio 2014

ALMA JUVENTUS FANO – RECANATESE 0-0

ALMA JUVENTUS FANO (4­-4-­2): Ginestra; Clemente, Nodari, Santini, Cesaroni; Bracci, Lunardini, Sassaroli, Coppari (24’st Antonioni); Stefanelli(1’st Shiba), Cicino. A disp.: Marcantognini, Righi, Favo, Fatica, Gravina, Marconi, Forabosco. All.: Omiccioli.

RECANATESE (4-­2-­3-­1): Verdicchio; Spinaci, Narducci, Committante, Brugiapaglia; Di Iulio, Cianni(41’st Piraccini); Garcia(30’st Moriconi), Sebastianelli, Palmieri (32’st Gigli); Galli. A disp.: Pandolfi, Di Marino, Monachesi, Latini, Agostinelli, Bartomeoli. All.: Amaolo.

ARBITRO: Cavallina di Parma Ammomizioni: Clemente, Commitante, Garcia, Cicino, Di Julio, Shiba Corner: 2­1

Recuperi 0’+4’

Cicino, Fano

Cicino, Fano

FANO – Un pari che muove la classifica di Fano e Recanatese anche se, vista la graduatoria, per entrambe oggi servivano più i tre punti. Ma come spesso accade quando la posta in palio é alta per entrambe le formazioni in campo, aumentano di molto le probabilità che le contendenti impattino. Regola confermata anche al Mancini di Fano dove granata locali e giallorossi ospiti hanno pareggiato per 0­0. Recanatese vicina alla rete all’11 con Sebastianelli la cui semirovesciata viene neutralizzata da Ginestra. Al 13′ Narducci fallisce un’ottima occasione sugli sviluppi di un calcio piazzato, mancando il bersaglio. Al 21′ ancora ospiti pericolosi con Sebastianelli che non concretizza un’altra limpida chance per sbloccare il risultato. Il Fano reagisce ed al 41′ Stefanelli di testa sfiora la porta su spiovente di Bracci. Ma sul finire del primo tempo é ancora la Recanatese a rendersi pericolosa con la verticalizzazione di Galli per Palmieri, al quale Ginestra sbarra provvidenzialmente la strada in uscita.

Al ritorno dagli spogliatoi il Fano si presenta senza Stefanelli, bloccato da un problema muscolare, ed al suo posto c’è Shiba. E’ proprio dell’albanese al 18’, seppure larga, la prima e unica conclusione fanese della ripresa, che riserva sbadigli complice la paura di perdere di entrambe le contendenti. L’ultimo spavento è ancora per il pubblico di casa al 42’, con il neoentrato Gigli che spara al lato dal limite dell’area.

INTERVISTE

Tra Alma e Recanatese ci scappa un pareggio che premia più gli ospiti che portano a casa un punto che muove la classifica e fa morale. L’Alma ha messo in campo tanta determinazione e molto agonismo, ma ciò non è bastato per ottenere la vittoria. L’attaccante Luigi Cicino, che è sceso in campo dal primo minuto, commenta così il risultato finale.

 

“Ho avuto una grande occasione all’inizio che potevo sfruttare meglio. Ho portato palla per 20 metri, ma all’ultimo controllo mi si è allungata favorendo l’uscita del portiere. A mente fredda avrei potuto cercare il rigore attraverso il contatto con il numero uno ospite. Per il resto ci abbiamo messo tanto impegno e tanta aggressività. Purtroppo i tre punti non sono arrivati, ma se continueremo così prima o poi raccoglieremo i frutti sperati”.

 

Sulla classifica, Cicino spiega: “Non la guardiamo perché siamo consapevoli che ogni gara per noi deve essere vissuta come una finale. Sappiamo che non stiamo affrontando un buon momento, però prima o poi il vero valore di questo gruppo verrà fuori”. Anche il direttore sportivo Roberto Canestrari vede il pareggio come il bicchiere mezzo vuoto.

 

“Oggi è stata una prestazione scialba, in cui non siamo riusciti ad esprimerci al meglio. Giocare con l’ansia da prestazione non è facile, da martedì torneremo a lavorare, perché solo con l’impegno e il sacrificio si possono superare queste situazioni delicate”.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>