Criminalità in provincia, 1671 furti in abitazione nel 2013: Pesaro epicentro. Il Prefetto: “Ora, avanti con l’utilizzo di telecamere nelle vie d’accesso alle città”

di 

17 gennaio 2014

Un momento della conferenza del Prefetto

Un momento della conferenza del Prefetto

PESARO – Una diminuzione dei reati complessivi, ma anche un aumento di quelli che destano più allarme sociale, ovvero i furti in abitazione. E’ un “grido di dolore meno acuto dello scorso anno” quello del Prefetto della provincia di Pesaro Urbino, Attilio Visconti, che questa mattina ha incontrato la stampa per tracciare un bilancio dell’andamento della criminalità nel nostro territorio. Nel 2013 complessivamente sono stati 11471 i reati commessi, contro i 12140 del 2012. La diminuzione totale è quindi di 669 unità, con un 5,51 in meno. Un dato che sotto alcuni aspetti può definirsi in miglioramento, a cui in un’analisi approfondita va però affiancato quello dei furti in appartamento, per i quali c’è stato un aumento di 53 unità, pari al 3,28%. Nel 2013 i casi di furti nelle case in provincia sono stati 1671, mentre nell’anno precedente si erano verificati 1618 episodi. L’aumento in particolare si è verificato a Pesaro, dove sono ben 569 gli appartamenti svaligiati negli ultimi 12 mesi, con un aumento rispetto all’anno precedente di 174 unità. A Fano e Urbino invece si registra un piccolo calo di questo tipo di reati, con rispettivamente 390 episodi nella città adriatica contro i 405 dell’anno precedente, e 58 casi rispetto ai 66 nella città ducale. In provincia complessivamente rimane pressoché stabile il dato totale delle rapine, con l’aumento di una sola unità, ma calano quelle in banca e ai danni degli esercizi commerciali. Calano anche i furti di auto, le lesioni dolose ed anche gli episodi di sfruttamento della prostituzione. In mattinata il Prefetto ha ricordato come la nostra provincia sia un modello del “fare sistema”, plaudendo alle modalità di azione e sinergia tra le forze dell’ordine. Un plauso infine è andato anche ai sindaci delle varie amministrazioni, per aver recepito positivamente gli appelli sull’importanza di investire nella sicurezza, argomento per cui è stato chiesto un passo avanti nell’anno appena iniziato con il possibile utilizzo di nuove strumentazioni video che permettono di verificare tutti i mezzi in entrata ed uscita dalle principali vie di accesso alle città.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>