Hai tra i 16 e 18 anni? Corso biennale gratuito per operatore ai servizi vendita ideato da Provincia con l’Iper Pesaro

di 

17 gennaio 2014

PESARO – E’ un corso innovativo e con vari sbocchi professionali quello promosso dalla Provincia di Pesaro e Urbino, che ha coinvolto l’ipermercato “Iper La grande I” di Pesaro (gruppo Finiper) per offrire un’opportunità a giovani “in dispersione scolastica”, vale a dire ragazzi e ragazze tra i 16 ed i 18 anni che hanno assolto l’obbligo di istruzione (10 anni di scuola) e frequentato almeno un anno di scuola superiore, ma che hanno abbandonato gli studi prima di conseguire una qualifica professionale triennale o un diploma. Il percorso biennale, che formerà 15 “Operatori ai servizi di vendita”, si caratterizza non solo per la possibilità di ottenere un titolo di studio, ma anche per la forte componente pratica, visto che metà delle lezioni si svolgeranno all’interno dell’Iper Pesaro, così come lo stage, in un settore in cui l’allievo vorrà specializzarsi.

 

Un momento della conferenza stampa

Un momento della conferenza stampa

C’è tempo fino al 28 gennaio per iscriversi al corso, presentato in conferenza stampa dall’assessore provinciale alla Formazione e Lavoro Massimo Seri, dal responsabile Area formazione della Provincia Claudio Andreani, dal responsabile formazione e selezione “Iper, La grande I” Fausto Caravello, dal direttore dell’Iper di Pesaro Fabio Dorigo e dallo psicologo consulente di orientamento scolastico/professionale Andrea Severini, che ha affiancato Provincia e Iper nel progetto.

 

“Come già avvenuto in altre occasioni – ha spiegato l’assessore Massimo Seri – il corso è frutto della collaborazione tra pubblico e privato e dimostra l’importanza di fare sistema per offrire sempre maggiori possibilità ai giovani. In questo caso, 15 minorenni potranno assolvere il diritto/dovere all’istruzione e formazione professionale, facendo al tempo stesso un’esperienza importante a contatto col mondo del lavoro”.

 

“Nel nostro territorio – ha detto Claudio Andreani – la dispersione scolastica e formativa si aggira intorno al 20%, dato in linea con quello nazionale. E’ un fenomeno grave, perché è stato accertato che i giovani che abbandonano gli studi prima del tempo hanno poche possibilità di crescita sociale e culturale, spesso cadono in depressione o in altri problemi. Tra i compiti dei Centri per l’impiego c’è anche il recupero della dispersione scolastica e lavorativa, creando opportunità: siamo dunque felici di aver trovato nell’Iper un interlocutore sensibile e attento a questo tema”.

 

“L’Iper la grande I – ha spiegato Fausto Caravello – è un gruppo totalmente italiano, uno dei fondatori della grande distribuzione nel nostro Paese. La sfida che vogliamo cogliere e vincere con i ragazzi è quella di farli appassionare ad un mondo articolato, che presenta al suo interno tanti settori, dall’elettronica alla pasticceria e panetteria, fino al ciclo delle merci e amministrazione. I giovani saranno coinvolti all’interno dell’Iper Pesaro in un vero e proprio laboratorio, dove impareranno a svolgere compiti legati al processo commerciale, dall’ingresso e stoccaggio in magazzino fino alla vendita. Tutte competenze che potranno essere impiegate in molti versanti: dai piccoli negozi ai ristoranti e alberghi fino alla grande distribuzione, compreso lo stesso Iper Pesaro. Pur non essendo previsto nel progetto, è chiaro che abbiamo tutto l’interesse, dopo aver formato e conosciuto per due anni gli allievi, ad inserire i più validi in alcune delle nostre sedi”.

 

Ad inquadrare la realtà in cui i 15 allievi svolgeranno gran parte del percorso formativo e di stage è stato il direttore dell’Iper Pesaro Fabio Dorigo. “All’interno del mondo degli Ipermercati ci sono molte possibilità e professionalità. Nell’Iper Pesaro abbiamo il compito di soddisfare un milione e 600mila clienti che si presentano ogni anno. Diamo grande importanza alla qualità e al territorio, valorizzando le produzioni locali e realizzando al nostro interno tutte le merci del comparto del fresco: basti pensare alle 133 tonnellate di pane e ai 90mila tranci di pizza prodotti ogni anno. E se prestiamo così tanta attenzione ai prodotti, a maggior ragione lo facciamo verso le persone. Crediamo molto in questa attività sociale a favore dei giovani in dispersione scolastica: sappiamo trasmettere una passione e due anni sono il giusto tempo per imparare un mestiere”.

 

“Mentre nei corsi classici i laboratori si svolgono all’interno delle scuole – ha evidenziato Andrea Severini – in questo caso si tratta di ‘laboratori per compiti reali’, articolati nelle diverse aree del punto vendita: gli addetti dell’Iper trasmetteranno tutto il loro sapere ed i ragazzi potranno fare esperienza in una vera e propria struttura aziendale”.

 

Quanto al corso, nel primo anno sono previste 1.050 ore, di cui 526 di pratica presso Iper Pesaro, 364 di teoria nei locali del Centro per l’impiego di Pesaro (via Luca della Robbia 4) e 160 di stage nel punto vendita Iper Pesaro, in un settore dove l’allievo vorrà specializzarsi. Al termine, verrà rilasciato un attestato di qualifica professionale triennale F18 “Operatore servizi di vendita”, corrispondente al terzo livello europeo di istruzione.

 

Martedì 21 gennaio, alle ore 18, al Centro per l’impiego di Pesaro si terrà una presentazione pubblica per illustrare nei dettagli il corso ai ragazzi interessati e alle loro famiglie. Le domande di iscrizione vanno presentate entro il 28 gennaio, compilando i moduli disponibili al Centro per l’impiego di Pesaro (via Luca della Robbia 4) o sul sito www.provincialavoro.it. Info e iscrizioni: Franco Fraternali (tel. 0721.3592052, dal lunedì al sabato dalle 8.30 alle 13.30); Marta Patrignani (tel. 0721.3592052 il lunedì dalle 8.30 alle 13.30 e tel. 0721.3592827 il mercoledì e giovedì dalle 8.30 alle 13.30); Numero Verde 840.000.676 o sito www.provincialavoro.it

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>