Interquartieri, i grillini fanesi: “Chiudiamo viale Italia durante le ore di scuole, mettiamo alberi al posto delle barriere e facciamo ciclabili”

di 

18 gennaio 2014

Da Hadar Omiccioli, candidato sindaco di Fano a cinque stelle, riceviamo e pubblichiamo il seguente comunicato stampa:

Il progetto interquartieri Fano (dal sito della Provincia)

Il progetto interquartieri Fano (dal sito della Provincia)

FANO – Il nostro amico Massimo Seri si è accorto, stranamente a 4 mesi dalle elezioni amministrative, che, tra Via Roma e il quartiere Trave-Poderino, stanno costruendo una strada. E che strada! Nientepopodimeno che la famosissima interquartieri. Quella strada cioè che da decenni dovrebbe collegare i vari quartieri di Fano, tratto per tratto, per dare respiro al sempre più tentacolare traffico cittadino. Si-può-fare! Un progetto mutante, avulso e slegato dal progetto del casello di Fano nord, in cui si sono cimentati una serie lunghissima di tecnici e politici, i quali hanno partorito il solito Frankenstein junior all’italiana, che andrà a terrorizzare la popolazione nel cul de sac in cui morirà (Via Trave). Senza entrare nuovamente nel merito tecnico della questione, cosa che per altro il Movimento 5 stelle ha già fatto in tempi non sospetti e continua a fare con interpellanze, osservazioni minuziose (carta canta) e sostegno e ascolto degli abitanti delle zone in discussione, ci poniamo il quesito principe che marca stretto il Richard Gere della politica fanese, anche su tutte le altre problematiche del Comune di Fano: che cosa ha fatto Seri per il problema dell’interquartieri e per tutte quelle vicissitudini che colpiscono e colpiranno i cittadini dei quartieri presi in considerazione? La risposta è sicuramente retorica e varrà ovviamente per tutte le domande a lui poste! Fano ululì, interquartieri ululà! Noi per migliorare il progetto suggeriamo di chiudere Viale Italia nelle ore di traffico scolastico, mettere alberi e non barriere fonoassorbenti, utilizzare asfalto fonoassorbente e rallentatori orizzontali di traffico e creare una rete di piste ciclabili e pedonali che uniscano interquartieri e strade intersecanti. A proposito, alla commissione lavori pubblici (assemblea pubblica e aperta a tutti) indetta il 16 gennaio, tra tecnici comunali, assessore e comitato cittadini sulle tematiche dell’Interquartieri, l’assessore provinciale e candidato sindaco Seri non c’era! Lo invitiamo, allora, a studiarsi bene le carte della vicenda che, pensa un pò, sono tutte in Provincia!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>