Volley Pesaro travolto a Olbia: è la prima sconfitta in trasferta della stagione

di 

18 gennaio 2014

ANGELI DEL FANGO OLBIA – VOLLEY PESARO 3-0
ANGELI DEL FANGO OLBIA: Cecchi, Iannone, Facendola, Faedda, Panucci, Caboni (L), Degortes (L), Baldelli, Formisano, Budroni, Camarda. All. Secchi
VOLLEY PESARO: Spadoni, Carraro, Boriassi, Micheletti (L), Zuccarini, Natale, Fiesoli, Salvia, Battistelli, Trinci, Sacchi, Gioia. All. Bertini
ARBITRI: Di Dio di Enna e Montironi di Lodi
PARZIALI: 25-18; 25-22; 25-19.

 

Dopo la grande rimonta con Casette, un sabato da dimenticare per Volley Pesaro (dalla pagina Facebook)

Dopo la grande rimonta con Casette, un sabato da dimenticare per Volley Pesaro (dalla pagina Facebook)

OLBIA – Alla 12^ giornata di andata arriva la seconda sconfitta stagionale del Volley Pesaro, che per la prima volta torna a casa senza alcun punto in valigia. Una sconfitta pesante, perché cancella le certezze acquisite una settimana fa nella rimonta vincente con Casette e insinua dubbi sul momento della compagine allenata da Matteo Bertini. Una cosa è certa, più che davanti agli Angeli, Volley Pesaro si è trovata davanti ai… diavoli.

Se il 3-0 mortifica le ambizioni di Pesaro, dà una gran carica alle ragazze di coach Secchi. La loro vittoria è inattesa, ma meritata, e più facile di ogni rosea speranza. Finora, in casa, gli Angeli del fango avevano fatto il pieno solo con Firenze (prima giornata) e Cagliari (ultima in classifica), concedendo almeno un set anche a Trevi. Pesaro ha perso l’occasione nel secondo set, quando ha pagato il solito corto circuito che ne accompagna la stagione. Contro squadre esperte come Olbia non è facile rimediare. E adesso Pesaro rischia di perdere il terzo posto, perché Filottrano, staccata di due lunghezze, difficilmente si farà sfuggire l’occasione che le propone il derby casalingo con Pagliare.

 

PRIMO SET: il parziale è equilibrato fino all’8-7, poi Sintoni e compagne se ne vanno (21-16), aumentando il vantaggio nella parte conclusiva del set: 25-18.

SECONDO SET: il secondo set inizia male. In campo solo gli Angeli del fango, che dal 5-3 raddoppiano il vantaggio al primo time-out tecnico: 8-4. Olbia è in completo controllo e il divario s’allarga: 11-6. Sotto 13-9, grande reazione pesarese, con sorpasso sul 14-15. Pesaro è ancora avanti al secondo time-out tecnico: 15-16. Poi arriva il solito momento di buio che regala un 5-1 interno (20-17). Tre punti che Olbia difende con le unghie e con i denti, anche quando Pesaro si riporta a un punto (23-22). Poi un 2-0 interno e anche il secondo set va in archivio.

TERZO SET: l’avvio è in perfetto equilibrio, con Pesaro sempre ad inseguire la lunghezza che la separa dalla squadra di Secchi. Il sorpasso riesce al tie-break: 7-8. Ma le ragazze  di Bertini vivono la partita con grande difficoltà. Le olbiensi sorpassano (9-8) e allungano decisamente: 14-10 prima, 16-11 poi. Il parziale tra i due time-out tecnici è pesante: 9-3 per gli Angeli che puntano decisamente a fare il pieno di punti e di morale. Pesaro accorcia (17-13), ma subisce la replica immediata (20-14) e dà la sensazione di alzare bandiera bianca. Arriva anche il 23-16 che anticipa il finale: 25-19.

 

Ci scusiamo con i nostri lettori, ma per il momento non siamo in grado di proporre (almeno) il tabellino con i punti individuali e le più elementari statistiche di squadra.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>