Ottima pallavolo e grande carattere, Urbino schianta Frosinone. LE FOTO DI ANDREA CECCARINI

di 

19 gennaio 2014

ROBUR TIBONI URBINO – IHF VOLLEY FROSINONE  3 – 0 

 

( 25 – 21;  26 – 24;  35 – 33)

 

ROBUR TIBONI URBINO URBINO:  Brcic 5 Santini 11, Leggs 11,  Kostic 13, Negrini 18,  Thibeault 6, Carocci (L) Casoli   . Escobar 3  n.e. Guidi ,Giombetti , Zecchin,  All. Micoli – 2° All. Nibbio

 

IHF VOLLEY FROSINONE: Agostinetto 4, Angeloni 12, Spataro 3 ,  Gioli 17, Kidder 3, Frigo 4, Ruzzini L,  Parcan  ,  Bonciani, , Astarita 8,    Non entrate: Vico Bicchieri,  All. Martinez.

 

Arbitri Sessuolo, Satanassi.

 

NOTE Spettatori  550 circa. Incasso 1094 Durata set: 25’, 28’, 42’ tot. 95’. ROBUR TIBONI URBINO battute sbagliate 10, vincenti 3, muri 19, 2ª linea 9, errori 13 IHF VOLLEY b.s. 10 b.v. 2 muri 8 2ª linea 12,  e. 18

 

URBINO – Urbino mette in mostra la migliore pallavolo soprattutto grande prova di carattere. Dopo il boato emerso dal  muro su Gioli, di Frosinone, giocatrice simbolo della formazione ospite. L’incontro casalingo è una grande prova della determinazione e della forza messa in campo da una ‘vera’ squadra. Ci sono individualità che vengono annientate dall’incredibile perseveranza palla dopo palla, situazione dopo situazione. Se si vuole mettere da parte l’incertezza arbitrale sul 23 – 22 nel terzo set, non si dovrebbero analizzare i vantaggi infiniti che hanno portato l’incontro ad il pubblico ad assistere a della bella pallavolo. Se a  Frosinone la palla spesso è per Gioli ed Angeloni, ad Urbino ‘sempre mamma’ Chiara Negrini non si perde nei punti di ogni parziale, ma guida la formazione alla vittoria di questa sera, in grado di fare ben sperare per i play off, oltre che per la quasi certa salvezza. Il primo set vede le Aquile Ducali, sempre sostenute da I Fedelissimi, un po’ incerte. Frosinone dopo avere perso il primo set cresce, costante, mentre Urbino aumenta il suo livello. Da entrambe le parti si assiste a degli scambi incredibili, di durata infinita, che vedono Luna Carocci in antitesi a Ruzzini. Il secondo set ai parziali, grazia alla velocità della palla spinta da Brcic, il terzo set e l’incontro sono la vittoria della squadra e della fiducia nei propri mezzi. La fase di andata è conclusa. Una domenica di riposo e si ricomincia a Piacenza.

M. Novella Ferri

 

LE FOTO DI ANDREA CECCARINI FOTOMODERNA:

Tags: , ,

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>