Biogas, risposta critica del Comune di Fano: “Revoca della autorizzazione delle due centrali di Tombaccia e Caminate”

di 

22 gennaio 2014

L'assessore Serfilippi

L’assessore Serfilippi

FANO – E’ fortemente critica la risposta del Comune di Fano alla proposta di legge regionale con cui si mette mano all’annosa vicenda degli impianti a Biogas. Di questa mattina la presa di posizione dell’assessore all’ambiente Luca Serfilippi. “Con la DRG n.1682/2013 – ha detto l’assessore – la regione rinnova le autorizzazioni per gli impianti a biogas permettendo ai privati di procedere con la VIA (la valutazione di impatto ambientale, ndr) entro 60 giorni. La legge regionale arriva in seguito alla sentenza della corte costituzionale che aveva dichiarato incostituzionali gli allegati in quanto non conformi alla comunità europea, ed ora la Regione tenta così di risolvere la cosa”. Il Comune di Fano ad oggi in sostanza chiede “la revoca delle autorizzazioni delle due centrali a Biogas di Tombaccia e Caminate, in quanto decadute per il mancato inizio dei lavori da parte della ditta entro l’anno dal rilascio dell’autorizzazione. Per i due impianti, inoltre, non sono state stipulate le polizze fidejussorie a garanzia del comune”. Il Comune si dice contrario a questa proposta e lo fa anche concretamente attivandosi e chiedendo che venga inserito nel prossimo direttivo Anci un ordine del giorno sull’argomento. Infine, da parte dell’assessore, è arrivato un appello ai consiglieri di maggioranza e minoranza “affinché non cedano agli ordini di partito e valutino secondo coscienza questa proposta di legge”. Serfilippi chiederà infine un incontro urgente con il Presidente della Commissione Ambiente Enzo Giancarli.

Tags: , , ,

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>