Dopo un primo set sofferto, il Volley Pesaro riprende la marcia vincente. Alla fine dell’andata, la soddisfazione di Sorbini

di 

26 gennaio 2014

VOLLEY PESARO – FORTITUDO CITTA’ DI RIETI 3 – 0

 

PESARO: Spadoni ne, Carraro, Boriassi 7, Micheletti (L) ne, Zuccarini 16, Natale ne, Fiesoli 12, Salvia 8, Battistelli (L), Trinci 1, Sacchi, Gioia 12. All. Bertini.

 

RIETI: Miotti 4, Pavone, Voith 4, Lunardi 5, Sammartano 9, Sechi ne, Carrara 12, Iosco 10, Fornai ne, Severi (L), Pentuzzi ne, Lestini ne. All. Simone.

 

ARBITRI: Traversa di Gioia del Colle e Rucli di Padova.

 

PARZIALI: 28-26 (32′); 25-17 (25′); 25-21 (26′) in 83 minuti.

 

NOTE: Pesaro: battute vincenti 4, battute sbagliate 6; muri fatti 7, muri subiti 4. Spettatori circa 300. In tribuna una rappresentanza del PesaroFano di calcio a 5.

 

PESARO – Il Volley Pesaro dimentica Olbia, ma per un set non ricorda che nel Girone C di serie B1 non ci sono partite facile e rischia di iniziare nel peggiore dei modi.

 

Il Volley Pesaro torna a sorridere

Il Volley Pesaro torna a sorridere

PRIMO SET: Pesaro parte bene, ma Rieti reagisce e dopo il 3-1 interno piazza un 10-4 che sa tanto di film visto e rivisto al PalaCampanara. Fiesoli, assecondata da Salvia, propizia la rimonta con due belle diagonali. Dal 7 a 11 si passa al 17-16. Poi il secondo momento difficile: le ragazze di Bertini regalano punti preziosi con due errori in attacco di Gioia e Zuccarini e con un orrore di squadra, da raccontare. Accade che su un attacco laziale toccato dalle pesaresi, la palla vola via, in alto, lontana. Carraro è brava a raggiungerla e a tenerla in gioco con un bagher alto, ma le compagne sembrano belle statuine: si guardano e magari si dicono… tanto tocca a… Sì, tocca, ma a… terra. La Fortitudo va sul più 3 (20-23), con un parziale di 5 a 1, e vede il primo traguardo a portata di mano. Una prima intenzione di Boriassi interrompe il break. Bertini coglie l’attimo e cambia Trinci per Carraro e Sacchi per Gioia. Sacchi va al servizio, Boriassi mura e Trinci inventa un attacco malefico. Parità! Iosco non ci sta e regala una palla set alle reatine, azzerata da un errore offensivo di Carrara. Zuccarini inventa un ace che vale il suo settimo punto personale e la palla set, ma sbaglia la battuta successiva. Fiesoli ne

guadagna un’altra, cancellata da Carrara che inventa una parallela – da ovazione – in extra rotazione. Ottavo punto (mani fuori) di Zuccarini e 27-26. Il servizio di Carraro è insidioso per la ricezione avversaria, Salvia sfrutta e mette a terra di prima intenzione: 28-26. E’ il parziale che cambia la partita. Pesaro lo chiude con 2 ace e altrettante battute sbagliate, ma anche 3 muri fatti e 2 subiti. Per Rieti, 1 ace e 2 errori al servizio. Zuccarini migliore realizzatrice con 8 punti.

 

SECONDO SET: Rieti va sotto 5-3, pareggia e sorpassa, ma è avanti per l’ultima volta sul 6-7, che Pesaro recupera, andando via (13-9). Un margine che difende senza alcuna difficoltà, pure facendo arrabbiare Bertini sul 24-17, in un parziale caratterizzato da tante invasioni, compreso il punto del 25-231 interno.

 

TERZO SET: Pesaro in controllo (9-6), ma poi subisce la reazione laziale (14-15). Si va al secondo time-out tecnico con una prima intenzione di Salvia. Il divario si dilata lievemente (17-15). Due punti di margine che Rieti recupera impattando a 19. Due grandi colpi di Gioia e Zuccarini per il nuovo mini break, ma Rieti non molla (22-21), cedendo solo quando Sammartano sbaglia l’attacco, punita successivamente da una prima intenzione di Salvia che sfrutta il servizio insidioso di Boriassi. Il muro-difesa concede la palla a Fiesoli che mette giù l’ultimo punto, che restituisce tre punti che mancavano da tempo. Non è stata una partita da ricordare, non sono mancati gli errori (tanti, troppi) e gli orrori, ma Carraro non era al massimo e in alcune occasioni si è visto, anche se alcune incomprensioni portano pure la colpa delle compagne. In ogni caso, tra Carraro e Carrara, sorride la prima.

 

Una vittoria piena che ripropone il Volley Pesaro a un passo dalla zona playoff, complice la clamorosa – ma non troppo, visto l’equilibrio che regna nel girone C – sconfitta di Olbia caduta a Loreto. A proposito di sorprese: ancora più clamorosa quella arrivata da Cagliari, dove l’Edilrossi Bastia, fresca vincitrice del derby umbro con Perugia, ha avuto bisogno di ricorrere al 5° set per superare l’Alfieri Cagliari che ha cambiato allenatore e perso altre due giocatrici.

 

Dopo avere ceduto Valentina Calì, opposto mancino di 16 anni, all’Igor Volley Trecate, squadra di serie B2 che è controllata dall’Igor Novara di Luciano Pedullà, la società cagliaritana ha perso – e i motivi non sono ancora chiari – Vanessa Mereu, palleggiatrice di quasi 29 anni, ed Elena Gargiulo, schiacciatrice 25enne. Salutati Walter Langiu e il vice Roberto Falchi, quel che rimane della squadra è stata affidata ad Andrea Loi, che allenava la squadra di serie C. Si vocifera di frizioni in seguito alla possibile cessione di una giocatrice. Comunque Cagliari ha reagito, gelando Bastia che pure conduceva 2 set a 0.

 

Eccellente, invece, la prestazione dell’Azzurra Casette d’Ete, che ha espugnato Firenze, tornando a casa con 3 punti in più da una trasferta difficile.

 

Nella più assoluta normalità la vittoria di Perugia, che dopo il ko a Bastia non ha avuto alcun problema nell’altro derby umbro con Trevi.

 

Gli altri risultati della 13^ giornata:

Alfieri Cagliari – Edilrossi Bastia 2-3 (14-25; 22-25; 25-20; 25-23; 8-15)

Volley Loreto – Angeli del fango Olbia 3-2 (25-20; 20-25; 27-29; 27-25; 15-13)

San Michele Firenze – Azzurra Casette d’Ete 1-3 (25-22; 22-25; 22-25; 17-25)

Gecom Security Perugia – Lucky Wind Trevi 3-0 (25-20; 25-20; 25-16)

Lmd Pagliare – Valdarno Volley Figline 3-1 (25-13; 25-17; 22-25; 25-22)

Domenica 26:

Ore 17,30: Todi Volley – Lardini Filottrano.

La classifica:

Perugia 31

Olbia 30

Pesaro 29

Casette 28

Filottrano (*) e Bastia 27

Firenze 20

Loreto 16

Rieti 14

Figline Valdarno 12

Todi (*) e Pagliare 11

Trevi 10

Cagliari 4

(*) una partita in meno

Il campionato osserverà una settimana di riposo. Si riprenderà l’8 e 9 febbraio, quando il Volley Pesaro sarà di scena (il 9, alle ore 17,30) a Todi.

Dopo 13 giornate, il giudizio della società è del co-presidente Giancarlo Sorbini.

“Siamo contenti. La nostra è una squadra giovane e un po’ imprevedibile, e a volte ci adeguiamo al livello delle avversarie. Noi ci aspettiamo sempre la vittoria, ma non dobbiamo dimenticare che questo gruppo non è stato costruito per vincere il campionato, ma per lavorare e crescere tecnicamente. I margini di miglioramento ci sono ancora. Adesso abbiamo una settimana di pausa per confrontarci e ricaricarci. Sono convinto che questo gruppo possa dare ancora tanto di più”

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>