Economia o politica? Otto lezioni alla Libreria il Catalogo

di 

26 gennaio 2014

PESARO – E’ la politica a governare l’economia o viceversa? La crisi economica ci riguarda tutti, chi più o chi meno. A noi stanno a cuore i più deboli, quelli che possono perdere, insieme al diritto al lavoro, anche la loro dignità. Ci toccano le vite di quelli che, sempre più numerosi, non hanno un tetto sotto cui dormire. La categoria è molto ampia e variegata, Don Gaudiano l’ha sintetizzata con la parola: “gli ultimi”. Le lezioni tenute dal Dott. Mario Maoloni, presso la Libreria Il Catalogo di Via Castelfidardo 58 a Pesaro, possono aiutarci a capire dove sono le radici dell’attuale depressione economica. 8 lezioni, confronto e dibattito, per 8 lunedì. Lunedì scorso si è svolta la prima lezione intitolata “1929 La grande crisi”. Domani alle ore 18,00 (oggi per chi legge) si parlerà di “1944-1945 La seconda Guerra Mondiale e il trattato di Bretton Woods, Piano Marshall”. Mario Maoloni è laureato in economia ma per lui questa scienza è soprattutto una passione che coltiva da sempre. Dice delle sue lezioni: “questi appuntamenti non hanno alcuna pretesa accademica – sono volutamente impostati come se fossero un colloquio tra amici”. Il ministro dell’economia Fabrizio Saccomanni, a chi gli ha recentemente chiesto se l’Italia corra il pericolo di cadere in deflazione, ha risposto: “Direi di no”. Prima di tutto ho riflettuto sull’uso del condizionale da parte del ministro. Poi ho preso in mano il “Dizionario di politica economica” di Luciano Barca, Editori Riuniti, 1974 e, alla voce “Deflazione”, vi ho trovato: “Si ha quando l’insieme dei mezzi di pagamento (biglietti di banca, assegni ecc), detto anche liquidità, è insufficiente rispetto alle esigenze della vita economica. In tal caso si ha una diminuzione dell’attività produttiva, dell’occupazione (recessione) e, in mercati particolarmente concorrenziali, diminuzione anche dei prezzi”. Che siamo nel “mercato globale” lo sappiamo. Ora, il trattato di Bretton Woods del secondo dopoguerra, uno dei temi trattati domani sera (oggi per chi legge), viene considerato il vero pilastro su cui poggia la nascita della moneta unica europea. Forse è il caso di recarsi al “colloquio fra amici” tenuto da Mario Maoloni …

 

Un commento to “Economia o politica? Otto lezioni alla Libreria il Catalogo”

  1. armanda ziosi scrive:

    “Beati gli ultimi se i primi sono stati discreti” …oppure scomodando sempre il vangelo, la parabola del figliol prodigo ora l’aggiornerei come la parabola del” Padre Prodigo” ..vale a dire che noi Grandi della vecchia generazione abbiamo speso male i nostri soldi, investito zero per il futuro dei nostri giovani e sperperato a volonta’….quindi chi semina male poco produrra’, anzi io direi non produrra’ niente! ciao! armony

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>