Alfredo Lungarini: “Ecco come e perché mi ero allontanato dalle aziende del gruppo”

di 

28 gennaio 2014

FANO – Alfredo Lungarini, imprenditore fanese nel settore delle costruzioni coinvolto nell’indagine della Guardia di finanza, interviene con un comunicato. Ricordiamo che i Lungarini, Francesco e Alfredo, sono accusati di aver creato fondi neri per corrompere Angelo Balducci, al fine di ottenere l’aggiudicazione di svariati appalti gestiti da strutture ed enti diretti dal citato ex alto funzionario delle opere pubbliche.

Ve lo riportiamo integralmente:

 “Nel 2005 la Nuova Infrastrutture Srl si aggiudica una gara d’appalto per l’esecuzione di interventi emergenziali sul Gran Sasso.

A inizio 2006 interveniva come ditta sub appaltatrice la Redim2002 del Gruppo Anemone; da quel momento sono iniziati i primi screzi con i miei ex soci, che sono culminati a Novembre dello stesso anno, quando sono venuto a conoscenza che era stata formata una società, la Alpi Srl, dove era socia la figlia di Francesco Lungarini, Margherita, assieme a Di Saverio Alessandra, la moglie di Diego Anemone (in chiaro il conflitto di interesse con le società del Gruppo Lungarini).

Da quel momento è stato molto difficile dialogare con i miei ex soci Francesco e Paolo Lungarini; avendo io solo il 50% delle azioni del gruppo, l’altro era di proprietà di Paolo e Francesco, non avevo la forza sufficiente per imporre il giusto andamento per le aziende che rappresentavo.

Dopo avergli spedito numerose lettere di diffida, mi sono reso conto che le imprese del Gruppo Lungarini, stavano andando lentamente in stallo, con il grosso rischio che a breve avrebbero potuto perdere tutte le certificazioni che in tanti anni di duro lavoro avevamo ottenuto e quindi con conseguente forte diminuzione del loro valore economico.

Dopo tanti anni dedicati con passione e successo alle aziende che con orgoglio rappresentavo, visto che i mei ex soci ormai erano orientati a collaborare con personaggi (Anemone) con i quali per più motivi non volevo avere rapporti, con grande dispiacere ho preferito allontanarmi dalle aziende del gruppo”

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>