Mediateca, le parole della giustizia nella filosofia, nella letteratura, nella società. Giovedì 3incontro con la regista Laura Viezzoli e Mina Welby

di 

28 gennaio 2014

FANO – Prosegue la rassegna “Con le parole giuste”, organizzata dal Comune di Fano, Mediateca Montanari – Memo, Biblioteca Federiciana, Fondazione Federiciana, in collaborazione con l’Associazione Nazionale Magistrati – Sezione Marche.

 

Giovedì 30 gennaio, alle ore 18.00, la Memo ospiterà un incontro dedicato alla parola “Dignità – Prigionieri del corpo”, in collaborazione con la Fondazione Marche Cinema Multimedia. Interverrano la regista Laura Viezzoli e Mina Welby, moglie di Piergiorgio, divenuto il simbolo di una lunga battaglia contro la distrofia muscolare e le leggi dello Stato che non gli permettevano di rifiutare l’accanimento terapeutico.

 

Clicca per ingrandire

Clicca per ingrandire

Mina Welby, diplomata al liceo classico, ha insegnato per qualche anno a Merano nelle scuole medie. Trasferitasi a Roma ha sposato Piergiorgio Welby, affetto da distrofia muscolare. Ha insegnato in scuole private la lingua tedesca. Dal 2003 è iscritta nell’Associazione Luca Coscioni e a Radicali Italiani. Dopo la morte del marito Piergiorgio ha raccolto il suo testimone e continua con la sua testimonianza nei dibattiti pubblici a far riflettere sui temi dell’autodeterminazione della persona, scelte di vita e fine vita, nonché sull’importanza di una assistenza adeguata alla persona malata e la vita indipendente e possibilità di lavoro della persona disabile.

A distanza di quasi sette anni dalla morte del marito, ad Ancona, Mina Welby, ha partecipato ed accolto con entusiasmo la presentazione del progetto della regista marchigiana Laura Viezzoli che ha realizzato un film sulla vita e sulla battaglia di Piergiorgio, dal titolo “La natura delle cose”, ed ha vinto il bando di sostegno alla produzione audiovisiva regionale della Fondazione Marche Cinema Multimedia – Marche Film Commission.

 

Laura Viezzoli, nata ad Ancona nel 1979, si laurea al Dams di Bologna per poi specializzarsi in regia e produzione alla Scuola del Documentario di Milano. Ha collaborato con il gruppo Sky e con la fondazione Cinemovel per il progetto di cinema itinerante in Marocco: “Karovan du film au livre”. Attualmente vive e lavora tra Ancona e Milano, collabora con la casa di Produzione Invisibile Film, con la casa di Produzione Heyzoom e con il Festival Corto Dorico per il matchmaking CortoPro.

Ha realizzato due cortometraggi: “Cross Roads” selezionato al Fano International Film Festival, Premio Dams, ed “Io il mare non lo sento” selezionato al San Francisco IndieFest, Estoninan International Film Festival, e tre documentari: “Civico Venti”, “Si Vola” e “74 Miglia”. Al momento è nella fase di produzione del suo primo lungometraggio “La Natura delle Cose”. Ha inoltre creato, assieme al regista Roberto Nisi, il percorso di Alta Formazione Residenziale in Cinema Documentario Conero Doc Campus.

 

 

La rassegna “Con le parole giuste”, inaugurata lo scorso 18 ottobre con la mostra di Guido Scarabottolo e Ferruccio Giromini, vedrà di volta in volta ospiti personalità di spicco nei campi dell’impegno civile, della filosofia e della letteratura, per riflettere su alcune parole chiave che in ambito giudiziario hanno un significato, ma che in altri settori assumono senso e peso diversi. Per discutere del valore del linguaggio da prospettive eccentriche. Con le parole giuste. Le parole che daranno vita agli incontri di questa terza edizione sono: comunicazione, resistenza, dignità, coraggio, identità, coerenza, segreto, vittime, isolamento.

 

 

 

Programma completo della rassegna “Con le parole giuste” sul sito del Sistema Bibliotecario della Città di Fano:

http://www.sistemabibliotecariofano.it/eventi/con-le-parole-giuste-iii-edizione/#c54514

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>