La perdita della ferrovia Fano-Urbino nel docufilm del Fatto Quotidiano

di 

30 gennaio 2014

FANO – “L’irragionevolezza al potere, un governo senza luce e senza visione ( ed anche senza connessione sentimentale con i luoghi)  produce una disperazione e una riscrittura dei territori ed anche una sua afasia”

Con queste parole Antonello Caporale, giornalista di punta del Fatto Quotidiano, percorrendo la via Flaminia nei pressi  di Fossombrone commenta la perdita della ferrovia Fano Urbino.

La quarta e ultima puntata del docu-film “La vita è un treno” un atto sentimentale ed una denuncia civile sul sito .

http://lavitaeuntreno.ilfattoquotidiano.it

 

L’inchiesta – come si legge sul sito http://www.ferroviafvm.it/ –  ha illustrato con un viaggio  attraverso  i binari arrugginiti di alcune tratte ferroviarie dismesse, un’ Italia in soffitta, una  Nazione  consegnata  all’oblio, ferita, abbandonata.  Eppure, scrive il giornalista,  il treno è l’unico vettore ad essere connettore di comunità.
Si chiede Caporale ” come mai  fosse  maturata con gli anni l’idea che non fosse più utile, opportuno ed intelligente collegare con il treno le grandi metropoli ai piccoli borghi, la campagna alla città, il piccolo al grande.”
Solo un Paese irresponsabile   sceglie l’asfalto,  i viadotti,  le opere faraoniche infinite,  accarezza ogni scempio come fosse figlio ,  legittima ogni spreco e giudica “solo il treno”  un costo insostenibile.
Si perde, così, persino il senso della geografia.
Le stazioni abbandonate sono testimonianze mute di una distanza che aumenta tra  campagna e  città, monumenti di una maestosa dismissione civile e culturale:
– il treno è costoso, le strade no.
– il treno porta deficit, l’asfalto crea valore economico.
Per una parte dell’Italia il treno è divenuto una spesa insostenibile. Meglio allora il bus.

L’Associazione FVM ha collaborato con Antonello Caporale per le riprese del video ed ha testimoniato che anche in questo territorio esistono persone che non si arrendono a  questo falso teorema.

La ferrovia Fano Urbino non solo è stata progettata e costruita con caratteristiche tecniche eccezionali  ma  realizza , con il suo tracciato, la minor percorrenza chilometrica di tutte le altre infrastrutture viarie, della Valle del Metauro.  Tutto ciò con il minimo impatto possibile sul paesaggio , anzi…. la ferrovia, attraversando il Metauro e le vallate con armoniosi  ponti in pietra e mattoni,  lo ha  addirittura abbellito.

Ultimamente abbiamo assistito sui media nazionali ad un buon numero di servizi sulle ferrovie abbandonate o sottoutilizzate in tutta Italia .
Non  sarebbe una grande sorpresa se si tornasse indietro rispetto a decisioni prese in modo troppo “superficiale od interessato” diversi anni fa.  Se nei  Comuni  della Valle  metaurense  il trasporto su rotaia non  dovesse tornare ad essere  argomento di  sviluppo territoriale  potrebbe accadere che solo qui da noi , con una ferrovia che  possiede i numeri per essere un successo sia commerciale  che turistico, non succeda nulla.  Con ulteriore  danno per il rilancio della locale economia e  la salute di noi tutti .

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>