“I musicanti di Brema”, “InPerfetto Equilibrio Precario”, “Oh Orfeo”: appuntamenti a teatro a Fano, San Costanzo e Macerata Feltria

I Musicanti di Brema

I Musicanti di Brema

FANO – Domenica 2 febbraio, alle ore 17, al Teatro della Fortuna primo appuntamento fanese con la rassegna di teatro per bambini Andar per fiabe, organizzata da Provincia di Pesaro e Urbino, dal Comune di Fano, Amat in collaborazione con la Fondazione Teatro della Fortuna di Fano, Regione Marche e il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Pesaro.

Il bravissimo Riccardo Rombi (nel ruolo del direttore d’orchestra) e il virtuoso ensemble musicale Camillocromo (Alberto Becucci alla fisarmonica, Enrico Chiarini al clarinetto, Giordano Geroni al sassofono, Francesco Masi alla tromba, Rodolfo Sarli al trombone, Gabriele Stoppa alla batteria, Francesca Taranto al basso) danno vita ad una delle più celebri fiabe scritte dai Fratelli Grimm: I Musicanti di Brema.

Nella divertentissima rilettura scenica scritta e diretta da Riccardo Rombi, sei scatenati e irriverenti musicisti-animali irrompono nel Teatro dell’Opera di Brema dove un compassato direttore d’orchestra si prepara a eseguire la “famosa” opera “Mein Lieben Bremen” e nella vana attesa dei veri musicisti accetta di dirigere i sei strampalati musicanti.

Si tratta però di un’impresa impossibile: l’improbabile disciplina austro ungarica si scontra con la multietnica follia musicale dei protagonisti.

Gli animali provenienti dalla strada, con un approccio alla musica di tipo istintivo e popolare, nell’esecuzione della sinfonia faranno emergere la loro provenienza stravolgendo i brani classici con i colori dei loro paesi di origine: un gallo francese, un cane balcanico, tre gatti sud americani e un asino romagnolo daranno vita ad una nuova sinfonia, basata non su uno spartito, ma sull’incontro delle diverse culture.

E alla fine la musica diventa un linguaggio universale, strumento d’intercultura che scavalca i confini e le differenze tra i popoli in una sinfonia finale che abbraccia lingue e paesi diversi.

Lo spettacolo fa parte della rassegna lirico musicale FORTUNA OPERA FESTIVAL, Il Teatro e la Musica 2014

Come a ogni appuntamento di Andar per fiabe, dalle ore 16.00 vi aspettano a  teatro, oltre alla piccola mascotte PUK creata dalla ditta Bartolucci, venduta per beneficienza a sostegno dell’Associazione Onlus I Bambini di Simone:

– i lettori volontari di Nati per leggere con tante emozionanti Storie…ad alta voce,
– la libreria Le foglie d’oro con splendidi  libri da sfogliare e da acquistare,
– il laboratorio creativo ManiFatto e la mostra Mani pensanti con straordinari manufatti dei nostri artigiani, a cura di Confartigianato.
Biglietti: posto unico numerato adulti € 8,00 e bambini € 5,00

-in prevendita (con maggiorazione di € 1,00 a biglietto):
– Biglietteria Teatro Rossini, Piazza Lazzarini, Pesaro tel. 0721 387621
orario: da mercoledì a sabato 17.00-19.30
– Biglietteria Teatro della Fortuna, P.zza XX Settembre, 1 Fano tel. 0721 800750
orario: tutti i giorni (escluso i festivi) 17.30-19.30; mercoledì e sabato anche 10.30-12.30
-domenica 2 febbraio:
– Biglietteria Teatro della Fortuna di Fano dalle 15.00 tel. 0721 800750
info: www.amat.marche.it    reteteatripu@amat.marche.it    tel. 366.6305500

Pietro Sparacino

Pietro Sparacino

A SAN COSTANZO IL LAVORO “MOBILITA” L’UOMO

Scenaridens, rassegna teatrale organizzata dalla Rete Teatrale della provincia di Pesaro e Urbino e nata dalla collaborazione tra Provincia, Amat e Comune di San Costanzo, diverte e intrattiene gli amanti del teatro comico ormai da molti anni.

Teatro che ama ridere e sorridere, quello della Concordia di San Costanzo, che sabato 1 febbraio alle ore 21.15, propone InPerfetto Equilibrio Precario di e con Pietro Sparacino.

Uno dei più interessanti esponenti della nuova comicità italiana, il siciliano Pietro Sparacino, reduce anche dall’avventura televisiva di Colorado Cafè, è il protagonista di questo divertente e pungente monologo satirico.  Uno spettacolo che punta a fotografare l’attuale situazione lavorativa italiana dando voce a dati, notizie e storie. Storie del nostro paese, il belpaese, l’Italia.

“In Italia un giovane su tre sta a casa con i genitori, gli altri due sono i genitori. Trovare un lavoro oggi è come ricercare il Santo Graal. Un giovane viene catapultato nell’universo lavorativo passando da stage in stage, da periodi di prova a contratti a progetto; il lavoro mobilita l’uomo. Se vuoi lavorare devi accontentarti di fare un lavoro che non ti piace, spesso in nero, spesso pericoloso e se vuoi il tuo sogno lo custodisci nel cassetto. Poi una mattina ti svegli e scopri che la cassettiera te l’hanno pignorata. L’Italia è una repubblica democratica fondata sul lavoro? L’Italia è il paese d’Europa con la percentuale più alta di morti sul lavoro. E non è certo un buon modo per eliminare la disoccupazione. In Italia si perde il lavoro vivendo, e si può perdere la vita lavorando” racconta lo stesso attore.

Lo spettacolo fa parte della mini rassegna di teatro civile che la Rete Teatrale ha ideato per il 2014. Il progetto Scuola di platea: E’ di scena la sicurezza nasce a fianco della stagione di prosa, per accompagnare gli studenti delle scuole superiori alla visione di tre spettacoli che hanno come tema i diritti e la sicurezza dei lavoratori: InPerfetto Equilibrio Precario, Arbeit, Vita d’Adriano.

La proposta è inserita nel grande progetto provinciale dedicato alla sicurezza Il destino non c’entra e organizzato da Amministrazione provinciale di Pesaro e Urbino, INAIL, ASUR Area Vasta, Direzione Territoriale del Lavoro, Vigili del Fuoco, ANMIL, Ufficio Scolastico Regionale e prevede incontri nelle scuole, incontri con le compagnie e visione degli spettacoli.

Un modo nuovo e stimolante per sviluppare nei giovani  consapevolezza e senso di responsabilità nei confronti di temi importanti e complessi come i diritti e i doveri del mondo del lavoro.

Come ad ogni appuntamento di Scenaridens, nel foyer del teatro, verrà organizzato un Aperitivo a Km 0, a cura dei ristoratori e bar di San Costanzo. Il costo della degustazione è di € 5.00.

Inoltre, grazie a Confartigianato e alla mostra Mani pensanti, si potranno ammirare, sempre nel foyer, straordinari manufatti della nostra provincia.

BIGLIETTI – Settore A (platea e palchi centrali), intero Є 15 (ridotto Є 12). Settore B (palchi laterali e loggione)  intero Є 10 (ridotto Є 8). Hanno diritto alla riduzione gli spettatori fino a 25 anni e oltre i 65. Potranno inoltre usufruire delle riduzioni per la Stagione della Rete Teatrale 2013/14 i possessori di Carta Musei

Marche e Tessera Plus Rete Servizi Bibliotecari di Pesaro e Urbino (www.cartamusei.marche.itwww.cultura.pesarourbino.it)

BIGLIETTI E ABBONAMENTI POTRANNO ESSERE ACQUISTATI:
– in prevendita (con maggiorazione di € 1,00):
biglietteria Teatro Rossini, P.zza Lazzarini, 1- Pesaro, tel. 0721 387621
orari: dal mercoledì al sabato dalle 17.00 alle 19.30
biglietteria Input, via Rossini, 41 – Pesaro, tel. 0721 1836768
orari: martedì e giovedì 10.00-13.00; mercoledì, venerdì, sabato e domenica 10.00-13.00 e 16.00 –19.00. Chiuso il lunedì
biglietteria Teatro della Fortuna, P.zza XX Settembre, 1, Fano, tel. 0721 800750
orari: tutti i giorni (escluso i festivi) 17.30-19.30; mercoledì e sabato anche 10.30-12.30
– il giorno stesso dello spettacolo
Biglietteria Teatro della Concordia, San Costanzo tel. 0721 950124 dalle ore 17.00

INFO
Amat – Rete Teatrale della provincia di Pesaro e Urbino
tel. 0721 – 3592515  cell. 366 6305500 reteteatripu@amat.marche.it  www.amat.marche.it
Facebook Rete Teatrale PesaroUrbino Amat Twitter Rete Teatro Amat PU

Oh Orfeo

Oh Orfeo

OH ORFEO A MACERATA FELTRIA

Domenica 2 febbraio, alle ore 17.00, al Teatro Battelli di Macerata Feltria appuntamento con la rassegna di teatro per bambini Andar per fiabe, organizzata da Provincia di Pesaro e Urbino, dal Comune di Macerata Feltria, Amat in collaborazione con la Regione Marche e il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Pesaro.

La compagnia Teatro Linguaggi, in collaborazione con il Teatro del Canguro, presenta la favola in musica Oh! Orfeo.

Liberamente tratta da L’Orfeo di Claudio Monteverdi, su libretto di Alessandro Striggio lo spettacolo vedrà in scena gli attori Sandro Fabiani e Giulia Bellucci, da anni impegnati nel teatro per ragazzi.

Orfeo, il grande cantore ha perso la voce. Non riesce più a cantare, né a raccontare la sua storia e di conseguenza nemmeno a spiegare perché non ha più voce. Forse ha sudato troppo all’inferno? Magari un colpo d’aria? O è stato uno spauracchio nel regno delle ombre? Ha pianto troppo per Euridice che lo ha lasciato? O forse è la sua voce non si sente più perché c’è troppo chiasso intorno? Come fare, chi lo può aiutare?

Chi, se non i i bambini del pubblico che lo aiuteranno a ripercorrere tutte le sue avventure alla ricerca del motivo per cui non riesce più a cantare.

Lo spettacolo è realizzato attraverso una narrazione che mescola tradizione teatrale e virtualità giocando l’immaginario della macchineria barocca. Un viaggio per gli occhi e per le orecchie dei bambini, tra musica e teatro, nella “meraviglia” del barocco attraverso l’opera di Monteverdi, inventore del melodramma (ovvero dell’opera). Un viaggio nella storia immortale del giovinetto che per amore della bella Euridice sfida il buio, scende nel regno delle ombre e armato solo della sua musica affronta e placa le divinità infernali.

Biglietti posto unico non numerato 5,00 €
-in prevendita (con maggiorazione di € 1,00 a biglietto):
– Biglietteria Teatro Rossini, Piazza Lazzarini, Pesaro tel. 0721 387621
orario: da mercoledì a sabato 17.00-19.30
– Biglietteria Teatro della Fortuna, P.zza XX Settembre, 1 Fano tel. 0721 800750
orario: tutti i giorni (escluso i festivi) 17.30-19.30; mercoledì e sabato anche 10.30-12.30
-domenica 2 febbraio:
– Biglietteria Teatro Battelli dalle 16.00
info: www.amat.marche.it    reteteatripu@amat.marche.it    tel. 366.6305500

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>