Tassa sulla pubblicità, le precisazioni di Ippaso (Confcommercio)

di 

31 gennaio 2014

Davide Ippaso*

PESARO – A seguito degli articoli usciti ultimamente, sugli organi di stampa locali, riguardanti la Tassa sulla Pubblicità, la Confcommercio intende fare alcune precisazioni. Prima di tutto come associazione abbiamo iniziato da tempo un franco e costruttivo rapporto di collaborazione con l’Amministrazione comunale per trovare una soluzione concertata che riesca a rendere “sensibile”, o flessibile, una tassa che non lo è affatto.

Davide Ippaso

Davide Ippaso

E’ logico che non è di facile soluzione, ma il fatto che un assessore come Antonello Delle Noci e il massimo dirigente della ICA Alberto Carrani abbiano deciso comunque di sedersi ad un tavolo per discutere le problematiche inerenti a questa Tassa, che da molti viene considerata iniqua, rigida e non comprensibile, fa capire che anche da parte dell’ente impositore si è compreso che c’è qualcosa che non va.

La settimana prossima è stata indetta una riunione per trovare quel punto di accordo che soddisfi tutti, che dia respiro alle imprese (che stanno soffrendo pesantemente la crisi che sta attanagliando il nostro Paese), che permetta loro di evitare spiacevoli multe, con addizionali varie (che tra tasse, sopratasse e interessi moratori arrivano a cifre pesanti), che in certi casi tagliano le gambe a chi ha già mille problemi.

Discutere, concertare e trovare una soluzione non vuol dire però voler sanare tutti i casi, che negli ultimi mesi si sono presentati o si presenteranno in futuro, anche perché la Legge stessa non ammette ignoranza. Ci teniamo a rimarcare questo concetto perché ci sono tanti operatori che hanno dovuto ricorrere alla nostra Associazione per risolvere controversie nate da piccole dimenticanze, ma in totale buona fede. Può capitare che in un anno un imprenditore possa commettere errori (anche perché nel mondo complesso della Tassazione italiana non ci capisce manco chi ha creato le stessi Leggi) e quando la buona fede è stata accertata, abbiamo ricevuto un ottimo rapporto di collaborazione dalla ICA pesarese.

Crediamo di aver trovato la soluzione possibile e saremo felici di comunicarla presto a tutti gli operatori commerciali del nostro territorio. Di sicuro non annullerà la rigidità della tassa nel suo essere, ma ne attenuerà le problematiche e le responsabilità ad essa inerenti.

*Segretario Confcommercio Pesaro

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>