“Centro storico, lavoro, sicurezza e cementificazione. Pesaro, attenzione ai parolai…”

di 

2 febbraio 2014

Fabio Arrigoni*

PESARO -E’ bello comunque sapere, che nonostante tutti i problemi anche gravi che affliggono la nostra città, le preoccupazioni principali si concentrano sulla decisione o meno di assegnare la segreteria regionale di partito a Ceriscioli, se concedergli inoltre una proroga per un eventuale terzo mandato da sindaco, o della campagna elettorale di Ricci….

Mentre la provincia felice va in malora, buongiorno Pesaro….Ricordo solamente alcuni fatti recenti che riguardano la nostra provincia: A Fossombrone un ragazzo è stato aggredito dopo l’uscita da un locale nella piazza del paese dove festeggiava un compleanno con la fidanzata e gli amici della compagnia riportando ferite fisiche permanenti oltre a quelle psicologiche. A Montecchio un’altra vittima di una storia simile a cui dopo il pestaggio brutale è seguito il furto dell’auto. Dunque le istituzioni hanno perso il controllo del territorio oltre ad essersi allontanate dal cittadino. Gli uomini e le donne delle forze dell’ordine sono in numero sempre più esiguo per far fronte all’emergenza, vedendosi inoltre ridurre gli strumenti per poter svolgere al meglio il loro lavoro; ma per questo il presidente della provincia non ha tempo…..

 

Troppo impegnato a portare avanti la propria campagna elettorale per diventare sindaco di Pesaro snocciolando statistiche, numeri e risultati raggiunti ( che vede solo lui) a suo dire….In realtà le aziende della nostra provincia tutta sono gravemente sofferenti per le congiunzioni economiche del momento e arrancano sempre di più, ma dalla provincia nessun segnale, nessun provvedimento, e nessun supporto ai nostri imprenditori locali che purtroppo stanno cedendo uno dopo l’altro sotto una pressione insostenibile con costi di produzione esponenziali e una pressione fiscale asfissiante….. Lo stiamo dicendo da mesi, ma come già detto, dalla provincia nessun segnale di vita….

 

Troppo impegnati a ragranellare i voti dai loro feudi. Restringendo il campo, la situazione non mi pare diversa ne tanto migliore in città. Mi piacerebbe essere smentito dal nostro sindaco, ma anche lui è indaffaratissimo nella corsa alla segreteria regionale di partito (di qualche giorno fa la notizia della sua bocciatura),ma da ieri sarà impegnato nel ricorso in merito alla sua esclusione dopo che per settimane, e mesi interi aveva promesso e ripromesso che a fine mandato sarebbe tornato alla sua vita e al suo lavoro. Da tempo il sindaco Ceriscioli, ha chiuso ogni canale con i cittadini per dedicarsi alla ricerca spasmodica di una nuova carica (sempre che non riesca poi a beneficiare della proroga richiesta per un eventuale terzo mandato da sindaco). Il risultato anche in città mi pare sia evidente: Piano sicurezza del tutto insufficiente con conseguente avanzamento della micro criminalità e criminalità sul territorio; manutenzione stradale, dell’arredo urbano dei vari servizi pagati salatamente dai cittadini assolutamente inefficienti, piano del decoro assolutamente inadeguato, inesistente e scandalosamente improvvisato.

 

Passeggiando nella nostra città a partire dal tardo pomeriggio, si rimane sconcertati e colpiti duramente come da un pugno allo stomaco, girando tra il festival della monnezza con sacchi vari posizionati ad ogni portone. Probabilmente la riduzione dell’illuminazione serve anche a mascherare e nascondere il pattume e le vie di quello che dovrebbe essere il prestigioso salotto della città:Il centro le cui vie sono devastate come fossimo in un sobborgo di Beirut dopo i bombardamenti, serve a nascondere tutte le brutture dei cantieri aperti e lasciati in stato di abbandono con la giustificazione del “mettere in sicurezza” Sempre a proposito del centro storico, potremmo parlare di un centro storico prestigioso e bellissimo se solo lo si valorizzasse a dovere, ma che invece viene lasciato morire lentamente.

 

Ancora una volta questa amministrazione ha pensato al proprio tornaconto attraverso la cementificazione selvaggia, togliendo sempre più spazi verdi ai pesaresi invece che usare le strutture già presenti in città che potrebbero essere ripristinate e riutilizzate per eventi culturali, di intrattenimento o attività varie, che però non sono altrettanto redditizie….Dunque attenzione ai parolai, perché mai come adesso è necessario osservare attentamente la nostra città, la nostra provincia, e confrontarla con la stridente versione che ci viene propinata da chi mira ancora una volta a mantenere le mani sulla nostra città”.

 

4 Commenti to ““Centro storico, lavoro, sicurezza e cementificazione. Pesaro, attenzione ai parolai…””

  1. Fabio scrive:

    Una precisazione: Non faccio più parte di Futuro e Libertà Pesaro da oltre tre anni non condividendone più le linee politiche con la formazione del terzo polo, ne tantomeno con Destra Civis con la quale vi è stata una breve collaborazione momentanea legata ad un progetto comune…. Questo per chiarezza e onestà. Parlo e scrivo da cittadino comune.

    Fabio Arrigoni

  2. Aldo Amati scrive:

    Sembra che il sig. Arrigoni abbia bisogno di chiarisi le idee che sembrano piuttosto frutto di disinformazione, di scarsa conoscenza delle norme o delle leggi(come fa a dire che Ceriscioli sta cercando una deroga per fare un terzo mandato da sindaco quando i due mandati sono tassativamente imposti dalla legge dello stato?!) e di uno sguardo sulla realtà delle cose che non seleziona, non separa il grano dal loglio(non ho scritto male l’olio, ma il loglio che è una erbaccia), uno sguardo rancoroso sulla sua città che non rivela un grande amore per la stessa. Nonostante la precisazione sull’abbandono di varie liste o movimenti elettorali, si può solo presumere che tanto livore sia finalizzato ad una campagna elettorale; perchè solo in una campagna elettorale qualunquista si possono dire tante cose non corrispondenti al vero sperando che la gente non se ne accorga. “le strade di Pesaro come quelle di Beirut dopo i bombardamenti” è una affermazione vecchia quanto il periodo della guerra in Libano(20/30 anni) ed è stata usta tantissimo in quel periodo da propagandisti elettorali della DC e del MSI. Ma attento, che gli elettori le cose le vedono e le capiscono. Quegli elettori che “devono osservare attentamente la nostra città” sono quegli stessi che nei sondaggi nazionali attribuiscono a Pesaro livelli alti di qualità della vita e al sindaco Ceriscioli livelli di gradimento crescenti fino a collocarlo ai livelli più alti d’Italia. E il turismo che a Pesaro, a differenza di altre città, ha retto alla crisi? e la raccolta differenziata(a questo servono i bidoni di notte davanti alle porte) in cui pesaro ha raggiunto livelli alti?
    Se per il sig. Arrigoni Pesaro è quel luogo di perdizione e di invivibilità che dice, per il suo bene e per la sua serenità sarebbe da consigliargli di trovare una residenza in qualche altra città “dove si sta meglio”. Tanto noi non abbiamo problemi di popolazione: ci sono tanti, anche personaggi che per lavoro hanno girato l’Italia, che quando vengono a Pesaro se ne innamorano e comprano casa qui. Perchè qui si sta meglio! E’ accaduto anche in questi giorni.
    Dice che Ceriscioli è distratto e pensa alle sue candidature. Cosa sa lui di quante ore del giorno e della notte, quante riunioni, quanti incontri con i cittadini, colloqui con autorità nazionali e regionali, il sindaco Ceriscioli, anche in questi giorni, dedica ai problemi che dice Arrigoni e su tanti altri che Arrigoni non sa nemmeno che esistono?
    Matteo Ricci vedrà se vale la pena di Rispondergli. Ma non può essere scandalo se uno che ha delle idee per pesaro si candida a diventarne sindaco e se per questo fa campagna elettorale. Come tutti i candidati!

  3. Fabio Arrigoni scrive:

    Egregio Sig. Amati,
    Mi sarei stupito se avesse detto esattamente il contrario…..D’altra parte la sua storia inevitabilmente la porta a schierarsi com’è lecito per quella parte che le ha permesso di godere di quelle cariche di cui stanno godendo da oltre sessant’anni i suoi compagni di partito.

    Ha ragione, la legge prevederebbe solo due mandati, come del resto pone dei limiti anche ai parlamentari, ma esistono poi delle deroghe che permettono di rimanere più a lungo…. Del resto per quel che riguarda la Bindi, la Finocchiaro, e moltissimi altri personaggi sono in parlamento da ben più tempo di quanto la legge (come lei mi insegna permetterebbe). Per la par condicio potrei nominare anche Formigoni ad esempio alla guida della regione Lombardia, andato anch’egli ben oltre il secondo mandato, ma torniamo pure alla dimensione cittadina nostrana. L’amore che ho io per questa città, è molto più forte e pulito che lei vorrebbe lasciar intendere di avere, in quanto il mio livore deriva dal fatto che una città intrisa di storia, di cultura, di un centro storico importante e prezioso viene lasciata morire lentamente, e addirittura in diverse zone soffocata dalla cementificazione selvaggia che questa amministrazione opera indistintamente….. Ribadisco poi la mia contrarietà parlando di piano del decoro cittadino vedendo ogni sera non bidoni come lei dice, ma sacchi bianchi, gialli o buste di carta (esposte all’assalto di topi, gatti e animali vari). Come dicevo poc’anzi, il mio livore nasce dal fatto che vedo una città abbandonata a sé stessa, con il degrado che avanza, poco sicura nelle ore notturne, un centro storico agonizzante che se valorizzato potrebbe essere un luogo di lustro e prestigio per la città e quant’altro….. Forse farebbe bene ad ascoltare anche i cittadini, i commercianti del centro e tutte quelle persone che non hanno una tessera di partito in tasca, e non fanno parte della schiera di sudditi che hanno assistito allo show pomeridiano di ieri sera…..

    Riguardo poi la precisazione a cui fa riferimento, è stata scritta semplicemente perché chi aveva pubblicato il mio scritto mi aveva erroneamente indicato come vice coordinatore di Fli e referente di destra civis, salvo poi togliere la dicitura correttamente dopo che ho segnalato l’imprecisione per rispetto degli amici e delle persone oggi impegnate in quel partito. A mia volta quindi ho precisato in calce l’inesattezza dovuta alla mia rinuncia ai compiti suddetti ben oltre tre anni fa per semplice correttezza d’informazione solo che a quel punto non sono riuscito a cancellare anche la mia precisazione appunto…. La tranquillizzo comunque chiarendole che ad oggi non faccio parte di alcun partito, non dispongo di alcuna tessera, ne tantomeno concorro in qualche lista elettorale…Quindi dorma pure tranquillo, nessuna campagna elettorale in vista ma delle riflessioni da cittadino sdegnato per un territorio bellissimo e prezioso portato nel baratro.
    Riguardo al sondaggio a cui fa riferimento, beh….. sorrido, da uomo politico navigato sa benissimo meglio di me che valore possano avere certi sondaggi e da chi sono commissionati qualche mese prima delle elezioni, ma anche questo in fondo non è importante se non ai fini della polemica…. Le voci che mi giungono dai cittadini reali con cui parlo ogni giorno, mi dicono ben altro, ma vero è che io non sto a Villa Fastiggi, e questo potrebbe avere una certa rilevanza.

    Riguardo il tempo che il sindaco dedica alle riunioni, mi sta a cuore e mi spiace che dopo tanta dedizione non si riescano a risolvere i disservizi cittadini. Per citarne solo qualcuno: Estate, emergenza idrica, acquedotto ciclicamente guasto con disagi frequenti e prolungati a turisti e cittadini, inverno emergenza pioggia con conseguente blocco della statale causa frana ardizio e quant’altro (dove tra l’altro vorreste farci pure un ospedale), ma non solo…. E’ che poi mi accusa di diventare rancoroso e livoroso, quindi per chi ha desiderio di rivedere il testo qui sopra potrà trovare anche altri disservizi….Lo stato delle strade, ( ma a questo punto è quello che meno preoccupa) è sotto gli occhi di tutti, per cui se questa è una città ben amministrata, non oso pensare quali traguardi possa raggiungere se fosse male amministrata….

    Con stima
    Fabio Arrigoni

  4. Aldo Amati scrive:

    La legge stabilisce i due mandati solo per i Sindaci (e per i Presidenti di Provincia che però non ci saranno più). Preciso che io “ho goduto” del ruolo di Sindaco per soli 5 anni, prendendo 1.350.000 lire!! lordi, senza pensioni ne liquidazioni e senza nemmeno i contributi per la pensione INPS!
    Il sondaggio citato non è “commissionato da chi sa chi, prima delle elezioni” ma è il sondaggio che il Sole 24Ore, giornale di confindustria, svolge ogni anno e non per le elezioni.
    Comunque brindiamo insieme alla città che amiamo e che tutti vogliamo migliorare, con iniziative concrete.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>