Eccellente allenamento per il Volley Pesaro con il Team 80 Gabicce: protagoniste le ragazze che giocano meno, con Trinci scatenata

di 

5 febbraio 2014

VOLLEY PESARO: Spadoni, Carraro, Boriassi, Micheletti (L), Zuccarini, Natale, Fiesoli, Salvia, Battistelli (L), Trinci, Sacchi, Gioia. All. Bertini
TEAM 80: Capponi, Battistoni, Scola, Magi (L), Luminati (L), Parodi, Borelli, 11 Franchi Alice, Ghiandoni, Franchi Elena, Fabbretti, Coppi. All. Moretti
ARBITRI: Santin e Magistrelli

Le ragazze che giocano meno si sono divertite molto

Le ragazze che giocano meno si sono divertite molto

Nella serie B1 Girone C, il Volley Pesaro sarà di scena a Todi alle ore 17,30 di domenica. Mezz’ora più tardi, nella serie B2 Girone F, Gabicce giocherà in casa dell’Omg Galletti Ponte Valleceppi. Le tuderti sono reduci da un probante successo sulla Lardini Filottrano, l’Omg Galletti ha un sol punto di vantaggio sull’11^ piazza ed è impegnata nella lotta per non retrocedere.

Doveva essere una normale amichevole, ma le precarie condizioni fisiche di alcune giocatrici, hanno indotto Matteo Bertini a proporre al collega Maurizio Moretti di disputare un allenamento con rotazioni bloccate, partendo dal 20 pari, con un incremento di un punto ogni due realizzati consecutivamente.

E’ stato, tutto sommato, un allenamento interessante, soprattutto per il Volley Pesaro, ma – crediamo – anche per la squadra gabiccese, seconda in classifica, che ha evidenziato alcune spiccate personalità e mostrato momenti di bel gioco. Non sono mancate le difficoltà, che coach Moretti ha stigmatizzato con grande carisma: “Ragazze, zero punti, zero muri, zero attacchi e zero difesa. E’ il caso che ci muoviamo?”. Positiva la risposta, anche se – nell’occasione – si è fatta sentire la differenza di categoria. A fare la differenza sono state soprattutto le ragazze che giocano meno, le “grandi assenti” dell’amichevole della scorsa settimana con San Giovanni in Marignano.

In grande evidenza Eva Trinci, utilizzata da opposto in sostituzione di Caterina Gioia, rimasta a casa con un po’ di febbre e qualche problema intestinale. Assente anche Valentina Salvia, colpita da influenza nei giorni trascorsi a casa; la centrale toscana è rientrata a Pesaro in serata. Malgrado qualche linea di febbre, Alessia Fiesoli ha dimostrato di essere il “capitano”, rispondendo sì alla chiamata dell’allenatore, che altrimenti si sarebbe trovato nell’impossibilità di mantenere l’impegni concordato con il Team 80.

Dunque, in grande evidenza Eva Trinci, che è passata a piacimento dalle sue altezze praticamente irraggiungibili, trovando raramente l’opposizione del muro. Dopo un inizio così e così è salita di tono anche Claudia Natale, che dal posto 4 ha centrato attacchi davvero interessanti, chiudendo con un colpo di… testa. Bene anche Giulia Micheletti, caparbia su ogni palla, efficace Sofia Spadoni, con Elena Sacchi a dirigere il gioco con autorevolezza, come del resto – nel Team 80 – la fanese della Snoopy, Ilaria Battistoni. Qualche indecisione nell’intesa tra Carraro e Boriassi, con la centrale toscana fallosa al servizio, ma l’alzatrice veneta ha mostrato lampi di classe.

Insomma, un bell’allenamento durato 12 mini set. Come detto, si partiva dalla parità a 20. Il Volley Pesaro ne ha vinti 10, mentre ilo Team 80 si è fermato a 2.

Nel primo, concluso 25-22, degno di nota un gran muro di Sofia Spadoni. Il secondo nel segno di Eva Trinci, ma anche di tanti “cambi palla”: 25-21. Nel terzo, Bertini ha chiamato in causa Elena Sacchi al posto di Carraro e il risultato non è cambiato: 25-21 per le pesaresi. Una fast di Spadoni ha aperto il 4° parziale vissuto ancora con lo stupore per gli attacchi stellari di Trinci. Nel frangente, Gabicce ha segnato solo un attacco vincente che non è riuscita a bissare per conquistare almeno un punto: 25-20.

Sul 4-0 per il Volley Pesaro, coach Moretti, bravo ed esperto, ha stimolato la reazione delle sue ragazze, che hanno risposto impedendo a Fiesoli e compagne di segnare almeno un punto: 20-25.

Un muro di Trinci ha aperto il 5° mini set. In campo anche Natale molto cercata dalla sua alzatrice. E’ stato il parziale più combattuto, con le due squadre ora a inseguire, ora a condurre. Con Pesaro avanti 24-22, grande reazione gabiccese e 24-25. A menare le danze per le locali soprattutto Trinci da posto 2 e Natale da posto 4. Pesaro ha pareggiato prima ed è passata a condurre poi: 26-25. Ma Gabicce ha risposto colpo su colpo: 27 pari. Due muri di Trinci hanno chiuso sul 29-27. Nei fatti si è giocato quasi un vero set.

Pesaro ha allungato ancora con Carol Zuccarini di nuovo in campo: 25-22. Un grande attacco di Fiesoli, un ace di Carraro, un attacco di prima intenzione di Spadoni, ancora Zuccari8ni, Fiesoli e Trinci e anche l’ottavo parziale è andato in archivio: 25-20. Sotto 7-1, il Team 80 ha reagito, conquistando il nono parziale: 22-25. Il decimo mini set ha fatto infuriare Moretti: la sua squadra non ha messo giù un attacco vincente, meno che meno ha obbligato all’errore le pesaresi, che hanno chiuso (Zuccarini) sul 25-20. Si è proseguito sulla stessa falsariga, con Fiesoli che prima ha incantato con un super pipe, poi ha chiuso con un pallonetto: 25-21. Dopo oltre 1 ora e 40 di gioco, i due coach si sono accordati per giocare un altro parziale, che ha regalato soddisfazioni alla solita Trinci e a Claudia Natale, autrice di pregevolissimi attacchi, ma anche nel punto finale: bloccata dal muro gabiccese è stata colpita in testa dalla palla che è ritornata beffardamente nel campo avversario, cadendo a terra per il 25-21.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>