Marquez-marziano: sotto il muro dei 2′, tre Honda in prima fila, ma Rossi (quarto) si migliora ancora. Ducati sorride con Iannone

di 

5 febbraio 2014

SEPANG (Malesia) – Il secondo giorno di test che si sono conclusi da pochi minuti hanno fatto registrare fuochi d’artificio incredibili da parte della Honda e dei suoi  piloti, capaci di migliorare ancora in modo pazzesco i tempi di riferimento della prima giornata.

Marquez sotto il muro dei 2' a Sepang

Marquez sotto il muro dei 2′ a Sepang

Nella mattinata era stato Dani Pedrosa a scavare un solco tra se e gli altri, dimostrando di essersi preso, ieri, solo un momento di relax, giusto per togliersi di dosso la ruggine dell’inverno e ritrovare la voglia di correre. Il piccolo Dani si era messo al comando della classifica, limando il tempo di Marquez e portando il limite a 2’00”336, cioè mezzo decimo meglio del suo compagno di squadra. E nell’impresa si era portato dietro Stefan Bradl, mai così positivo come in questi giorni, segno che il campione tedesco ha ben assimilato i segreti della sua moto ed ora è in grado di competere, almeno sui tempi, con i migliori.

Come sempre bravo e positivo Valentino Rossi. Anche oggi è risultato lui l’alfiere della Yamaha. Soprattutto bravo al mattino, quando si era piazzato a soli 128 millesimi da Pedrosa dando l’impressione, positiva, di non guardare troppo il cronometro. Buon segno, perché proprio in questo modo vengono fuori le prestazioni migliori.

Rossi super: si migliora costantemente ed è anche il miglior pilota Yamaha in classifica generale

Rossi super: si migliora costantemente ed è anche il miglior pilota Yamaha in classifica generale

Tutto questo era avvenuto al mattino perché dopo la pausa pranzo le cose sono radicalmente cambiate almeno per quanto riguarda Marc Marquez, che sino a quel momento era “solo” quarto, incollato a Valentino.

Non sappiamo cosa abbia mangiato a pranzo “el señor” Marquez, ma qualsiasi cosa sia gli ha fatto un gran bene. E’ sceso in pista, si è chiuso il casco e ha cominciato a “cannoneggiare” la truppa. Veloce, pulito, semplicemente perfetto. Il tempo? Mostruoso: 1’59”926 che vuol dire primo posto, ma soprattutto nuovo record della pista con conseguente abbattimento del muro dei 2’e di un nulla vicino al limite stabilito da Casey Stoner quando si correva con le 800cc. Roba da non credere.

Il simpatico Aleix Espargarò, vera sorpresa di questi primi test a Sepang

Il simpatico Aleix Espargarò, vera sorpresa di questi primi test a Sepang con la Yamaha Open NGM Forward

E gli altri? Aleix Espargarò ha continuato la scalata ai vertici, portando la sua Open Yamaha NGM in quinta posizione e soprattutto limando i tempi di riferimento su Marquez. La sua moto intanto, sta scatenando un piccolo pandemonio ai box, visto che per la Honda si tratta della moto di Crutchlow del 2013 e quindi Open manco per niente, mentre la NGM dice esattamente il contrario. E assai probabile che la verità stia nel mezzo, nel senso che con 24 litri a disposizione e gomme performanti si possono ottenere tempi quasi simili a quelle delle Factory.

La Honda comunque pare avere il dente avvelenato perché le sue Open proprio bene non vanno. Insomma, siamo tornati alle care, vecchie, guerre tecnologiche di una volta, con le due massime Case produttrici che ricominciano a scornarsi.

Lorenzo non è contento della sua Yamaha che giudica difficile da domare (foto MotoGp.com)

Lorenzo non è contento della sua Yamaha che giudica difficile da domare (foto MotoGp.com)

Quanto a Lorenzo, che ha chiuso sesto dietro a Espargarò e davanti a Smith per 30 millesimi, una giornata positiva proprio non lo è stata. Ha provato a migliorare il tempo sino a qualche minuto prima della fine, ma senza riuscirci. Chiudere dietro a Valrntino per il secondo giorno consecutivo non è da lui: fossimo nei tecnici e meccanici Yamaha non dormiremmo sonni tranquilli, questa notte.

E adesso le Ducati, che tornano a sorridere grazie alle prestazioni di Andrea Iannone. Il pilota romagnolo oggi ha abbassato di sette decimi il tempo di ieri, il suo divario da Marquez è sotto il secondo (0,929) e porta il sorriso anche a tutta la squadra per tempi che finalmente scendono come ci si aspetta. E questo nonostante Dovizioso e Crutchlow siano ancora un po’ indietro ma pronti a fare tesoro delle specifiche tecniche che Iannone fornirà loro. Alle spalle di Andrea, da segnalare Barberà con la Honda Gresini Go&Fun che solo negli ultimissimi minuti delle prove è riuscito pure lui a entrare nella ristretta cerchia di chi sta sotto il secondo di ritardo da Marquez.

Iannone felice e molto positivo con la nuova Ducati

Iannone felice e molto positivo con la nuova Ducati

Come accennato prima, infine, chi fatica da matti sono le Open Honda, sebbene oggi Hayden abbia abbassato di più di un secondo il tempo di ieri. Semmai la soddisfazione per l’americano è quella di chiudere davanti a Aoyama ed Hernandez.

Domani ultimo giorno di test: molte squadre approfitteranno per testare le altre moto che sono ancora imballate nei box, mentre altri team, quelli un po più a posto, potrebbero tentare anche la via di long run per vedere il comportamento delle moto in configurazione gara. Staremo a vedere e, soprattutto, vi terremo informati!

Questi i tempi finali di oggi

 

Pos

 

Pilota

Team

Time

Gap

Giri

1 MARQUEZ, Marc Repsol Honda Team 1:59.926 38 / 65
2 PEDROSA, Dani Repsol Honda Team 2:00.336 0.410 12 / 62
3 BRADL, Stefan LCR Honda MotoGP 2:00.339 0.413 13 / 52
4 ROSSI, Valentino Yamaha Factory Racing 2:00.464 0.538 18 / 61
5 ESPARGARO, Aleix NGM Mobile Forward Racing 2:00.547 0.621 16 / 42
6 LORENZO, Jorge Yamaha Factory Racing 2:00.573 0.647 27 / 49
7 SMITH, Bradley Monster Yamaha Tech 3 2:00.603 0.677 27 / 66
8 IANNONE, Andrea Pramac Racing 2:00.855 0.929 9 / 49
9 BAUTISTA, Alvaro GO&FUN Honda Gresini 2:00.897 0.971 51 / 55
10 ESPARGARO, Pol Monster Yamaha Tech 3 2:01.061 1.135 4 / 49
11 DOVIZIOSO, Andrea Ducati Team 2:01.146 1.220 8 / 45
12 CRUTCHLOW, Cal Ducati Team 2:01.396 1.470 11 / 48
13 PIRRO, Michele Ducati Test Team 2:02.177 2.251 6 / 56
14 HAYDEN, Nicky Drive M7 Aspar 2:02.287 2.361 25 / 58
15 EDWARDS, Colin NGM Mobile Forward Racing 2:02.545 2.619 8 / 35
16 HERNANDEZ, Yonny Energy T.I. Pramac Racing 2:02.675 2.749 13 / 45
17 AKIYOSHI, Kosuke HRC Test Team 2:02.692 2.766 8 / 68
18 AOYAMA, Hiroshi Drive M7 Aspar 2:02.825 2.899 65 / 66
19 NAKASUGA, Katsuyuki Yamaha Factory Test Team 2:02.970 3.044 49 / 56
20 DE PUNIET, Randy Suzuki Test Team 2:03.064 3.138 73 / 96
21 REDDING, Scott GO&FUN Honda Gresini 2:03.117 3.191 39 / 53
22 LAVERTY, Michael Paul Bird Motorsport 2:03.528 3.602 37 / 41
23 BARBERA, Hector Avintia Racing 2:04.551 4.625 2 / 37
24 PARKES, Broc Paul Bird Motorport 2:04.619 4.693 42 / 43
25 ABRAHAM, Karel Cardion AB Motoracing 2:05.261 5.335 21 / 32
26 DI MEGLIO, Mike Avintia Racing 2:05.355 5.429 4 / 34

 

E questi i tempi finali di ieri

Pos

 

Pilota

Team

Time

Gap

Giri

1 MARQUEZ, Marc Repsol Honda Team 2:00.286 52 / 62
2 ROSSI, Valentino Yamaha Factory Racing 2:00.804 0.518 58 / 61
3 PEDROSA, Dani Repsol Honda Team 2:00.906 0.620 73 / 75
4 LORENZO, Jorge Yamaha Factory Racing 2:01.082 0.796 26 / 47
5 BAUTISTA, Alvaro GO&FUN Honda Gresini 2:01.240 0.954 48 / 52
6 BRADL, Stefan LCR Honda MotoGP 2:01.320 1.034 31 / 61
7 ESPARGARO, Aleix NGM Mobile Forward R. 2:01.419 1.133 19 / 26
8 IANNONE, Andrea Pramac Racing 2:01.538 1.252 38 / 44
9 ESPARGARO, Pol Monster Yamaha Tech 3 2:01.634 1.348 42 / 48
10 SMITH, Bradley Monster Yamaha Tech 3 2:01.876 1.590 54 / 55
11 EDWARDS, Colin NGM Mobile Forward R. 2:02.483 2.197 25 / 26
12 DOVIZIOSO, Andrea Ducati Team 2:02.497 2.211 21 / 27
13 PIRRO, Michele Ducati Test Team 2:02.552 2.266 47 / 48
14 CRUTCHLOW, Cal Ducati Team 2:02.860 2.574 16 / 38
15 HERNANDEZ, Yonny Energy T.I. Pramac Racing 2:02.891 2.605 28 / 49
16 NAKASUGA, K. Yamaha Factory Test Team 2:03.126 2.840 14 / 35
17 HAYDEN, Nicky Drive M7 Aspar 2:03.319 3.033 53 / 56
18 AOYAMA, Hiroshi Drive M7 Aspar 2:03.328 3.042 49 / 51
19 DE PUNIET, Randy Suzuki Test Team 2:03.893 3.607 47 / 75
20 AKIYOSHI, Kosuke HRC Test Team 2:04.267 3.981 27 / 64
21 REDDING, Scott GO&FUN Honda Gresini 2:04.431 4.145 41 / 48
22 BARBERA, Hector Avintia Racing 2:04.922 4.636 34 / 44
23 DI MEGLIO, Mike Avintia Racing 2:05.825 5.539 50 / 51
24 PARKES, Broc Paul Bird Motorport 2:05.889 5.603 32 / 40
25 LAVERTY, Michael Paul Bird Motorsport 2:06.070 5.784 14 / 14
26 ABRAHAM, Karel Cardion AB Motoracing 2:06.755 6.469 21 / 41

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>