Conclusi i test a Sepang. Marquez abbatte il record di Stoner, Rossi vola: è 2° davanti a Lorenzo e Espargarò! Fuochi d’artificio tutti nella prima ora

di 

6 febbraio 2014

SEPANG. L’ultimo giorno dei test è sempre un po’ speciale. Perché non sai mai che cosa ti aspetta. A Sepang il caldo, ad esempio, è il nemico peggiore che ti possa trovare davanti. Il fresco della mattinata lascia ben presto il posto a un clima prima afoso, poi torrido con l’umidità si taglia con il coltello.

Questo vuol dire una cosa sola: che se vuoi provare a fare un gran tempo, non devi perdere tempo, devi scendere subito in pista e darci dentro come un matto.

Questo doveva essere il programma di Marquez: anzi, lo aveva anticipato ieri sera poco prima di andare a cena: “Domani se voglio provarci, devo scendere in pista subito e vedere he cosa si può fare. Con il passar del tempo potrebbe non essere più possibile”.

Lorenzo avvisa i naviganti: "Ci sono anche io!"

Lorenzo avvisa i naviganti: “Ci sono anche io!”

Quello che non aveva previsto, il buon Marc, è che un altro pilota avrebbe avuto la stessa idea: Jorge Lorenzo. Sì signori, proprio quel ragazzo spagnolo che fino a stamattina si era preso delle belle sberlone dal trio Honda Marquez-Pedrosa-Bradl.

Ebbene: alle 10,13 ora locale, cioè 13 minuti dopo il via delle prove, Lorenzo aveva già frantumato il record del giorno prima di Marquez (1’59”926) piazzando uno stratosferico 1’59”866. Della serie: prendi su e porta a casa.

Valentino Rossi quest'anno va di fretta a Sepang

Valentino Rossi quest’anno va di fretta a Sepang

Fuochi d’artificio finiti? Ma neppure per sogno perché Valentino Rossi deve avere avuto la stessa pensata di Lorenzo e Marquez e sapete che ha fatto? Piazza il secondo tempo di giornata con un magnifico 2’00”250 cioè altri due decimi limati via al tempo di ieri. Quanto basta per tenersi alle spalle Bradl e un Aleix Espargarò che ormai è diventato talmente bravo con la sua Yamaha Open delle polemiche, da non fare quasi più notizia.

Abbiamo finito? Neppure per sogno. Passano altri 5’ ed ecco la notizia bomba: Aleix Espargarò scende pure lui sotto il muro dei 2’, fa segnare un magnifico 1’59”998 e si piazza secondo dietro a Lorenzo. Altri due minuti e nuova rivoluzione: questa volta tocca a  Marquez a salire in vetta, ma non passano che due minuti ed ecco la notizia meravigliosa: Valentino Rossi si supera, vola sui rettilinei di Sepang e, bom!: sale sul trono con un eccezionale 1’59”727!

Marquez ha battuto il record che apparteneva a Stoner

Marquez ha battuto il record che apparteneva a Stoner

Ma non c’è neppure il tempo di gioire, perché Marquez , punto sul vivo, a perdere non ci sta e piazza un fantasmagorico 1’59”533, si riprede la testa della classifica e dice addio al grande record stabilito da Casey Stoner (1’59”607) nell’ormai lontano 2012.

Sono passati soltanto 28’ dall’inizio delle prove ed è già successo di tutto: quattro piloti sotto i 2’ (Marquez, Rossi, Lorenzo e A. Espargarò), un Bradl al 5° posto e, udite udite, un Andrea Dovizioso che piazza la sua Ducati al 6° posto con un ottimo 2’00”370 che vuol dire trovarsi a soli 8 decimi da Marquez.

Logico che, per strappare questi tempi, i big abbiano usato le migliore diavolerie che i tecnici hanno loro portato a Sepang: pneumatici freschi e di ultima generazione e moto con assetti ed elettronica di prim’ordine. Insomma, quanto di meglio offre oggi il ricco convento di Honda Yamaha e Ducati.

Anche Pedrosa è arrivato sui primi della classe

Anche Pedrosa è arrivato sui primi della classe

Se nel gruppo incuriosisce (ma neppure troppo) la presenza di Aleix Espargarò, non preoccupa l’assenza di Dani Pedrosa. Lui, si sa, ha il passo di un Diesel e si sa che ci mette un po’ più di tempo a carburare. Ma state tranquilli che al momento opportuno ci sarà anche lui.

Diamo una sguardo all’orologio: alle 10,40 i fuochi d’artificio hanno termine. I piloti rientrano ai box per rinfrescarsi mentre i meccanici iniziano a mettere le mani su quei bolidi di fuoco per apportare modifiche. Ormai pare di capire che il meglio questi test, dal punti di vista delle prestazioni cronometriche, lo hanno dato. Il sole scalda a più non posso, è tempo di riprendere il cammino e di portare a termine il programma stabilito ieri sera. C’è chi prova un nuovo telaio, chi si concentra sul cambio, chi sui freni e chi affina l’elettronica. E c’è pure chi simula un long run per vedere come vanno tutte le cose a inizio, a metà e alla fine di una simulazione di Gran Premio. Il risultato lo avremo solamente alla fine della giornata, quando a parlare saranno i protagonisti.

Marc Marquez alza sempre di più l'asticella

Marc Marquez alza sempre di più l’asticella

La prima impressione generale di quanto successo a Sepang è che, appena qualcuno prova a fare dei tempi eclatanti, (come Valentino, come Lorenzo), ecco che arriva Marquez ad alzare sempre di più l‘asticella. E’ una corsa durissima per gli avversari e pensiamo che anche Valentino cominci a soffrire questo problema di dover rincorrere un ragazzotto che, incurante dell’età di un 9 volte campione del mondo, continui irriverente a sfuggirgli dalle mani ogni qual volta lui pensa di riaverlo acciuffato.

Dovizioso finalmente aggressivo: buona notizia per Ducati

Dovizioso finalmente aggressivo: buona notizia per Ducati

Dopo la pausa pranzo, come avevamo facilmente previsto, anche il signor Dani “diesel” Pedrosa ha fatto capolino tra i big, piazzandosi al sesto posto, dopo Bradl e prima di Dovizioso. Tra i “ritardatari” di giornata, ci mettiamo pure Andrea Iannone, che dopo 5 ore è al 9° posto, alle spalle di Pol Espargarò con la Yamaha Tech3, ma ben davanti a Bautista, Smith e Pedrosa. Solo sei i piloti racchiusi in un secondo (Rossi, Lorenzo Espargaro, Bradl, Pedrosa e Dovizioso), gli altri un po’ più indietro.

Per Abraham invece, i test sono finiti i anticipo: con la spalla ancora disastrata e dolori troppo forti da sopportare, ha deciso di chiudere e di ritornare a curarsi.

I tempi finali di oggi

Pos

 

Pilota

Team

Tine

Gap

Giri

1 MARQUEZ, Marc Repsol Honda Team 1:59.533 10 / 40
2 ROSSI, Valentino Yamaha Factory Racing 1:59.727 0.194 11 / 55
3 LORENZO, Jorge Yamaha Factory Racing 1:59.866 0.333 2 / 65
4 ESPARGARO, Aleix NGM Mobile Forward Racing 1:59.998 0.465 7 / 43
5 BRADL, Stefan LCR Honda MotoGP 2:00.112 0.579 11 / 38
6 PEDROSA, Dani Repsol Honda Team 2:00.223 0.690 29 / 55
7 DOVIZIOSO, Andrea Ducati Team 2:00.370 0.837 10 / 40
8 ESPARGARO, Pol Monster Yamaha Tech 3 2:00.655 1.122 8 / 65
9 IANNONE, Andrea Pramac Racing 2:00.725 1.192 13 / 57
10 BAUTISTA, Alvaro GO&FUN Honda Gresini 2:00.788 1.255 3 / 63
11 SMITH, Bradley Monster Yamaha Tech 3 2:00.896 1.363 10 / 65
12 CRUTCHLOW, Cal Ducati Team 2:01.057 1.524 58 / 58
13 HAYDEN, Nicky Drive M7 Aspar 2:01.514 1.981 21 / 59
14 EDWARDS, Colin NGM Mobile Forward Racing 2:01.731 2.198 41 / 47
15 PIRRO, Michele Ducati Test Team 2:01.782 2.249 12 / 67
16 AOYAMA, Hiroshi Drive M7 Aspar 2:02.383 2.850 61 / 66
17 DE PUNIET, Randy Suzuki Test Team 2:02.486 2.953 17 / 67
18 HERNANDEZ, Yonny Energy T.I. Pramac Racing 2:02.556 3.023 31 / 65
19 AKIYOSHI, Kosuke HRC Test Team 2:02.619 3.086 3 / 58
20 NAKASUGA, Katsuyuki Yamaha Factory Test Team 2:02.788 3.255 13 / 38
21 REDDING, Scott GO&FUN Honda Gresini 2:02.833 3.300 42 / 60
22 LAVERTY, Michael Paul Bird Motorsport 2:03.187 3.654 12 / 41
23 BARBERA, Hector Avintia Racing 2:03.204 3.671 49 / 54
24 PARKES, Broc Paul Bird Motorport 2:03.402 3.869 40 / 43
25 DI MEGLIO, Mike Avintia Racing 2:04.516 4.983 28 / 58
26 AOKI, Nobuatsu Suzuki Test Team 2:05.686 6.153 10 / 12
27 ABRAHAM, Karel Cardion AB Motoracing 2:05.974 6.441 6 / 12

 

 

I tempi finali di ieri

Pos

 

Pilota

Team

Time

Gap

Giri

1 MARQUEZ, Marc Repsol Honda Team 1:59.926 38 / 65
2 PEDROSA, Dani Repsol Honda Team 2:00.336 0.410 12 / 62
3 BRADL, Stefan LCR Honda MotoGP 2:00.339 0.413 13 / 52
4 ROSSI, Valentino Yamaha Factory Racing 2:00.464 0.538 18 / 61
5 ESPARGARO, Aleix NGM Mobile Forward Racing 2:00.547 0.621 16 / 42
6 LORENZO, Jorge Yamaha Factory Racing 2:00.573 0.647 27 / 49
7 SMITH, Bradley Monster Yamaha Tech 3 2:00.603 0.677 27 / 66
8 IANNONE, Andrea Pramac Racing 2:00.855 0.929 9 / 49
9 BAUTISTA, Alvaro GO&FUN Honda Gresini 2:00.897 0.971 51 / 55
10 ESPARGARO, Pol Monster Yamaha Tech 3 2:01.061 1.135 4 / 49
11 DOVIZIOSO, Andrea Ducati Team 2:01.146 1.220 8 / 45
12 CRUTCHLOW, Cal Ducati Team 2:01.396 1.470 11 / 48
13 PIRRO, Michele Ducati Test Team 2:02.177 2.251 6 / 56
14 HAYDEN, Nicky Drive M7 Aspar 2:02.287 2.361 25 / 58
15 EDWARDS, Colin NGM Mobile Forward Racing 2:02.545 2.619 8 / 35
16 HERNANDEZ, Yonny Energy T.I. Pramac Racing 2:02.675 2.749 13 / 45
17 AKIYOSHI, Kosuke HRC Test Team 2:02.692 2.766 8 / 68
18 AOYAMA, Hiroshi Drive M7 Aspar 2:02.825 2.899 65 / 66
19 NAKASUGA, Katsuyuki Yamaha Factory Test Team 2:02.970 3.044 49 / 56
20 DE PUNIET, Randy Suzuki Test Team 2:03.064 3.138 73 / 96
21 REDDING, Scott GO&FUN Honda Gresini 2:03.117 3.191 39 / 53
22 LAVERTY, Michael Paul Bird Motorsport 2:03.528 3.602 37 / 41
23 BARBERA, Hector Avintia Racing 2:04.551 4.625 2 / 37
24 PARKES, Broc Paul Bird Motorport 2:04.619 4.693 42 / 43
25 ABRAHAM, Karel Cardion AB Motoracing 2:05.261 5.335 21 / 32
26 DI MEGLIO, Mike Avintia Racing 2:05.355 5.429 4 / 34

 

3 Commenti to “Conclusi i test a Sepang. Marquez abbatte il record di Stoner, Rossi vola: è 2° davanti a Lorenzo e Espargarò! Fuochi d’artificio tutti nella prima ora”

  1. smanettone scrive:

    Che bello di prima mattina, alle 8 ora italiana, accendere il computer, andare su 24 e scoprire che c’è già la cronaca dei test di Sepang. Grazie pu24, grazie Biondi che- alle 4 di mattina ora italiana- ci aggiorna su quanto accaduto a Sepang se poi dietro a Marquez c’è subito Vale è ancora più bello e leggere un pezzo di tale spessore- agile, scorrevole e anche spiritoso- è davvero un bel modo di iniziare la giornata.

  2. JOE BAR scrive:

    Ragazzi la vera notizia di oggi è che Biondi è impazzito!!! Ci sta fornendo notizie in diretta streaming a tutto spiano facendo concorrenza a Gazzetta dello Sport e compagnia bella. Per quanto mi rigurda PU24 sta diventando il sito di riferimento per seguire gli aggiornamenti della MotoGP con commenti agili, “veloci” e scritti da una persona oltre misura competente.
    Grazie ancora a Biondi e a tutto lo staff di PU24.

    P.S. Una rondine non fa primavera ma al momento … forza Vale e forza Dovi!

  3. Enrico Biondi scrive:

    Grazie Joe Bar, troppo buono. Il segreto è… aver bisogno di poche ore per dormire e saper leggere bene il live timing. E dopo 20 anni di lavoro sul campo penso di saperlo fare ancora bene… P.s. Mi sa che quella rondine comincia a fare primavera davvero!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>