“Verso il referendum per l’unificazione”: pienone per l’assemblea di Pro Marotta Unita

di 

6 febbraio 2014

MAROTTA – Si è svolta ieri sera con una grande partecipazione di pubblico l’assemblea pubblica organizzata dal Comitato pro Marotta Unita dal titolo “Verso il referendum per l’unificazione”.

Nella sala dell’Hotel Garden che ha ospitato la manifestazione si sono succeduti diversi interventi tra i quali quello del presidente del Comitato Gabriele Vitali, Raffaele Tinti, Riccardo Morbidelli, Sergio Sgammini e il presidente dell’assemblea legislativa della Regione Marche Vittoriano Solazzi.

Molti gli argomenti trattati tra i più importanti l’opportunità storica per Marotta di avere finalmente un’identità socio-culturale che territoriale, poter programmare il territorio con un unico piano regolatore e permettere uno sviluppo organico della città. Molto apprezzato l’intervento di Riccardo Morbidelli che ha posto l’accento sulle criticità di avere una città divisa al centro dell’aggregato urbano. Due piani regolatori, due piani spiaggia, due piani acustici e molti altri provvedimenti disgiunti hanno determinato nel corso degli anni disservizi e costi per i cittadini.

Dettagliato invece il confronto che Sergio Sgammini ha fatto delle  imposte applicate ai cittadini marottesi dalle due amministrazioni comunali di Fano e Mondolfo. La IUC, la nuova imposta patrimoniale che entrerà in vigore tra qualche mese (composta dall’Imu, la Tasi e la Tares), nel Comune di Fano è mediamente superiore del 15-30 % rispetto a Mondolfo, l’addizionale Irpef che tutti i lavoratori dipendenti si trovano in busta paga a Fano è del 0,80% a Mondolfo 0,70% quindi il 12,5% in più. Il costo per il trasporto degli studenti – s’è detto altresì – è nettamente superiore nel Comune di Fano come la rendita catastale che rappresenta il valore fiscale utilizzato per determinare tutte le tasse. Sono stati descritti anche molti esempi pratici per comprendere le differenze importanti tra le imposte comunali applicate ai negozi  artigianali, ristoranti e alberghi di Marotta di Fano che mediamento sono maggiori di circa il 40%.

Oltre agli interventi sono state proiettate immagini storiche, video e slides che hanno rappresentato tutto il percorso fatto fino ad oggi dal Comitato pro Marotta Unita per arrivare a questo appuntamento storico per Marotta.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>