Maria Pecchia non ce l’ha fatta: morta l’onorevole, moglie dell’ex sindaco Tornati e per anni simbolo delle donne pesaresi. Il cordoglio della città

di 

7 febbraio 2014

PESARO – Maria Augusta Pecchia, 76 anni, due volte parlamentare del Pci, moglie dell’ex sindaco di Pesaro ed ex parlamentare Giorgio Tornati, è deceduta dopo essere stata investita da uno scooter lo scorso 30 gennaio, lungo la Flaminia all’altezza dell’edicola Flaminia. Stava attraversando la strada per comprare il giornale: dopo una settimana di coma il suo corpo non ha retti.

Maria Pecchia nella foto ufficiale della Camera dei Deputati

Maria Pecchia nella foto ufficiale della Camera dei Deputati

“La morte dell’on. Maria Augusta Pecchia – spiega Luca Ceriscioli, sindaco di Pesaro –  ha suscitato vasta eco e un sincero cordoglio in tutta la città di Pesaro. Nella sua attività di educatrice (insegnante al liceo scientifico), negli incarichi amministrativi (assessore provinciale alla Istruzione e poi, per un anno, assessore comunale alla Sanità, Assistenza sociale e Sport), nel costante impegno civile, nell’appassionata militanza politica nel PCI-Pds, nella attività di Deputato pesarese al Parlamento dal 1976 al 1983, ha suscitato attorno a se tanta stima, amicizia e ammirazione.

Maria Pecchia è stata una delle donne che più di altre hanno lasciato un segno nella storia civile e politica di Pesaro: per il suo impegno a difesa e promozione dei diritti e della dignità delle donne, con le battaglie per il rinnovamento della scuola e per la promozione della cultura, per l’attenzione alle problematiche sociali e dell’assistenza pubblica, con speciale riferimento agli anziani, all’infanzia, alle famiglie. Il tratto inconfondibile dell’immagine di lei che conserviamo è il sorriso che accompagnava ogni cosa che faceva: fosse una conversazione privata o un duro confronto politico. Il ricordo di una politica che era entusiasmo e gioia, che voleva dire occuparsi delle persone e dei loro problemi, per risolverli. Una eredità che dobbiamo saper innestare nel tempo presente”.

“E’ con grandissimo dispiacere – scrive l’onorevole Alessia Morani – che apprendo la notizia della prematura scomparsa Maria Pecchia e mi stringo ai familiari in questo momento di grande dolore. Maria era una grande donna che ha svolto i suoi incarichi pubblici con passione, onestà e profondo impegno civile. Le sue battaglie per la promozione dei diritti  e della dignità delle donne e per la difesa dell’istruzione e della cultura hanno lasciato un profondo segno. Maria Pecchia rimarrà un esempio per tutte le donne in politica”.

Cordoglio di Matteo Ricci per la scomparsa di Maria Pecchia. Il presidente della Provincia ha inviato un telegramma al marito, Giorgio Tornati: “Mi unisco al vostro dolore per la scomparsa di Maria, persona laboriosa e piena di valori sinceri, espressi in ogni ambito della sua vita”. Aggiunge Ricci: “E’ stata sempre dalla parte dei più deboli. Una donna ammirata da tutti per l’impegno educativo, civile e amministrativo. Ha rappresentato la nostra comunità in parlamento con dedizione e attenzione, scandendo un periodo storico importante per la città di Pesaro e la provincia. Il suo tratto umano resterà sempre con noi”.

Un commento to “Maria Pecchia non ce l’ha fatta: morta l’onorevole, moglie dell’ex sindaco Tornati e per anni simbolo delle donne pesaresi. Il cordoglio della città”

  1. Daniela Tagliatesta scrive:

    Daniela Tagliatesta partecipa al grande dolore della famiglia e degli amici per la prematura e drammatica morte di Maria. L’affido all’amore misericordioso di Dio Padre, chiedendo per lei la gioia e la pienezza di quella vita eterna, rivelata promessa e manifestata da Cristo Risorto, nell’attesa certa di rivederci. Quello che desideriamo è molto di più di quanto riusciamo a realizzare in questa vita, ma tutto ci sarà dato con larghezza! Ciao Maria

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>