“Io sfrattata per un consiglio sbagliato del Sunia”

di 

10 febbraio 2014

PESARO – Da Maria, una nostra lettrice pesarese di 44 anni, riceviamo e pubblichiamo la seguente lettera:

“Leggo ultimamente del numero sempre in crescita degli sfratti. Io sono stata sfrattata a febbraio 2013 e non certo perché non avevo i soldi anzi avevo pagato di più di quello dovuto, ma perché mi sono rivolta al Sunia di Pesaro dove il loro legale, non presentandosi in udienza e invitandomi a non andarci nemmeno io, ha portato il giudice a farmi convalidare lo sfratto. Ho fatto presente al loro presidente dell’accaduto ma non è stato preso nessun provvedimento. Ho fatto presente anche al Sunia a livello nazionale ma non voglio commentare la loro risposta. La mia domanda è: quanti sfratti sono stati o saranno legali e quanti no perché, il mio non è stato di sicuro e nemmeno ho le possibilità economiche di farmi ripagare del danno che mi ha cagionato!”.

3 Commenti to ““Io sfrattata per un consiglio sbagliato del Sunia””

  1. Sindacato Inquilini scrive:

    Come mai non mette il cognome e il numero di tessera per verificare se è una iscritta al Sindacato inquilini?

  2. maria scrive:

    Perché? conoscere il mio nome ed il numero di tessera mi risarcisce dei danni che mi avete causato? o me ne vorreste causare degli altri ?
    Se vi sta bene posso far il nome “dell’avvocato” che esercita presso di voi e dire di cosa è capace?

  3. maria scrive:

    Posso sapere come si chiama lei? perché mi sembra che non ci nemmeno il suo cognome e né il nome?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>