Carolina Costagrande e Fürst alle Final Four di Champions League, ma che rabbia per Centoni e Partenio. In semifinale di Coppa Cev sfida tra Abbondanza e Vercesi

di 

13 febbraio 2014

PESARO – Carolina alle Final Four. Quelle che aveva perso con Pesaro, contro Bergamo che aveva in panchina Lorenzo Micelli e Matteo Bertini, oggi alla guida del Volley Pesaro, e che contava di conquistare con la Dinamo Mosca, che invece fu eliminata dalla Scavolini.

 

Un muro turco contro le francesi del Cannes (dal sito web della Vakifbank Istanbul)

Un muro turco contro le francesi del Cannes (dal sito web della Vakifbank Istanbul)

Finalmente, Carolina Costagrande può puntare alla Champions League. Ma quanta sofferenza prima di ricevere il visto. Cannes, che si era mostrata avversaria ostica nella gara di andata, si è confermata nel ritorno, vincendo 3-1 (19-25; 25-17; 25-22; 25-22) e portando le campionesse d’Europa in carica, anzi le due volte regine continentali, al Golden Set, dove ha vinto la Vakifbank di Giovanni Guidetti e, appunto, di Carolina Costagrande e Chistiane Fürst, le due ex colibrì.

 

Ma che rabbia per le altre ex della partita, per un’altra giocatrice con un passato pesarese, Nadia Centoni, e per la fresca ex urbinate Laura Partenio. Sono andate a un passo dalla sorpresa dell’anno. Avevano già fatto il check-in per il volo diretto a Baku, ma si sono bloccate sul più bello. Eppure, per tutta la partita avevano dimostrato che lo slogan obamiano che campeggia nell’arena della città della Mostra del Cinema non era per niente campato in aria: “Yes We Cannes”.

 

Centoni ha chiuso con 25 punti nei 4 set della gara di ritorno, con 24/54 (44%), decisamente la migliore delle transalpine. Per le turche, degna di nota la prova di Brakočević, autrice anche del muro che ha chiuso il Golden Set (12-15). Per la serba, 23 punti (4 muri). Carolina si è fermata a 12 (8/31, 3 muri e 1 ace). Per Fürst, abbonata ai successi in Champions League, 12 punti con 3 muri (uno di platino nel Golden Set).

 

Già alle Final Four in programma a Baku il 15 e 16 marzo, la Rabita Baku, che ha organizzato l’appuntamento e – come insegna la peggiore legge legata allo sport – si è qualificata pagando; la Dinamo Kazan di un’altra ex pesarese, Antonella Del Core, che ha superato con un doppio 3-1 il Volero Zurigo, e, appunto la Vakifbank Istanbul. La quarta verrà fuori dall’ultimo quarto di finale tra Eczacibaşi Istanbul e Omicka Omsk, la cui gara di ritorno si gioca giovedì alle ore 19,30 italiane (diretta su laola1.tv). La squadra allenata dall’urbinate Lorenzo Micelli e dell’ex pesarese Senna Ušić ha vinto in trasferta 3-1 ed è la grande favorita. Una semifinale opporrà Rabita Baku a Dinamo Kazan, l’altra dovrebbe essere il derby turco.

 

A proposito di ex: la semifinale di Coppa Cev vedrà di fronte il Fenerbahce di Marcello Abbondanza e l’Azerayol Baku di Angelo Vercesi e Luis Carlos Caetano, per tutti semplicemente Carlinho.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>