Gabicce Gradara, la parola d’ordine è vincere

di 

13 febbraio 2014

Mister Paolo Cangini

Mister Paolo Cangini

GABICCE MARE – Parola d’ordine in casa del Gabicce Gradara: vincere, dopo la debacle contro l’Avis Montecalvo e la “scoppola” di in quel Piobbico. Già perché quattro saranno le assenze importanti domenica in casa presso lo stadio di Gabicce Mare alle 15 contro il Peglio: otto giornate di squalifica sono infatti toccate al centrocampista Andrea Grieco, due al difensore Mattia Arduini e al mediano Filippo Guerra e una ad Elia Fabbri. Condizioni da verificare invece quelle del difensore Alberto Sabattini, che ha riportato un’infiammazione al tallone, l’attaccante William Muratori, che ha un problema ad una spalla e out ancora Alberto Bacchini. Ma è ancora presto per parlare di periodo negativo, nonostante la sconfitta di mercoledì in Coppa Marche a Fabriano, la truppa di mister Cangini ha fretta, voglia di risollevarsi e tornare a sorridere come spiega il tecnico rossoblù: “La partita di Coppa non ha pesato sul morale della squadra, abbiamo incontrato un team ben organizzato che ha meritato la vittoria, noi abbiamo preferito dare spazio ai giovani e a chi gioca meno. Il nostro obbiettivo è sempre il campionato ed è ai play-off e alla promozione che puntiamo. Queste due giornate in cui non abbiamo raccolto punti, sono solo episodi in parte dettati in un caso dal campo al limite della praticabilità e nell’altro un arbitraggio che ci ha sicuramente penalizzato. Trovo eccessive le otto giornate di fermo per Grieco. Ciò non toglie che, al di là degli assenti, proseguiremo il nostro percorso conscio di avere altrettanti validi giocatori da poter mettere in campo. Nulla è compromesso, siamo quarti in classifica a poche lunghezze dalla vetta, sappiamo che domenica incontreremo il Peglio, che essendo tra le ultime in classifica avrà fame di punti e non farà sconti. Noi siamo pronti a livello mentale, fisico e di gioco, daremo il massimo per giungere sul podio della classifica e provare a fare il salto di qualità”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>