I sogni della generazione spotted: “A Pesaro serve turismo giovane, tanto lavoro e mentalità aperta”. Il pilota Tonucci: “Manca una discoteca”

di 

13 febbraio 2014

PESARO – La domanda, questa volta, lasciava spazio all’immaginazione più galoppante: se avessi una bacchetta magica cosa porteresti a Pesaro da un’altra città? La collaborazione tra pu24.it e Spotted Pesaro, alla scoperta di cosa pensano i giovani pesaresi, continua. Il pilota di Moto 3 e testimoniale della provincia di Pesaro e Urbino, Alessandro Tonucci, ospite di Spotted Radio, per esempio, ha raccontato che molto semplicemente porterebbe a Pesaro una bella discoteca dalle vicine città romagnole. Anche i piloti, evidentemente, al sabato sera preferiscono usare il meno possibile moto e auto. Maria Elena, invece, ha lanciato un’idea più esotica: a Pesaro sarebbe bello portare dal Giappone i “manga kissa”, ovvero dei bar con belle poltrone e una piccola stanza, compresa di doccia (se ti vuoi fermare a dormire), dove poter leggere i manga o altri libri. Non sono mancate risposte, come dire?, di autocritica pesaresità: “Cosa porterei dalle altre città a Pesaro? L’intelligenza” è il post di Michael. “Il buon senso e persone meno altezzose” incalza Andrea. “La mentalità più aperta ed espansiva” è il commento di Serena. “La statua della libertà” scrive Eric, non specificando però il motivo. Motivo semplice, invece, il sogno di Filippo: “Kevin Durant per la Vuelle”. Come si dice: magari…

Spotted

Spotted

Lavoro, lavoro, sempre lavoro: “Io porterei il turismo, quello giovane, come in Romagna, che darebbe più lavoro per tutti” scrive Cinzia. Luca vorrebbe vedere a Pesaro, invece, una grande azienda. L’emergenza che sta vivendo la generazione spotted si riflette nelle parole di Lorenzo: “Porterei l’opportunità di scegliere davvero cosa fare nella vita, senza guardare l’estero come l’opportunità migliore”. Gaia, molto più prosaicamente, chiede semplicemente una Ikea tutta pesarese.

Tanya chiede spazi di aggregazione e cultura tipo l’auditorium di Roma, Marco invece da Roma si porterebbe a Pesaro qualche monumento per puntare su turismo e cultura di livello europeo. Forse sottovaluta il nostro territorio: Pesaro, e in generale la provincia di Pesaro e Urbino, sono un’area culturale ricchissima di monumenti di livello mondiale. Probabilmente, questo sì, bisognerebbe farla conoscere ancora di più. Matteo porterebbe a Pesaro una gara di atletica di livello nazionale per valorizzare il campo di atletica immerso nel verde e valorizzarne il ritorno turistico. Manuel chiede semplicemente “parcheggi”, Elia “un autodromo di periferia”, Francesco invece segue la scia di Tonucci e sogna la “Piramide del Cocoricò”. David trasporterebbe a Pesaro i Coffee Shop di Amsterdam, anche se poi sarebbe un problema farli combaciare con l’attuale legge italiana. Netto, allora, Vittorio: “La verità è che abbiamo tutto ma non lo sappiamo utilizzare”.

Questo venerdì l’ospite di Spotted Radio sarà il doppiatore di numerosi cartoni animati, Alberto Pagnotta, mentre domenica 23 alle 21 ci sarà una puntata speciale con Matteo Ricci: il presidente della Provincia di Pesaro e Urbino, candidato sindaco, risponderà in diretta a tutte le domande che arriveranno su SPOTTED. Venerdì 28, con lo stesso format, sarà invece il turno di Rito Briglia, attuale assessore comunale a Pesaro e anche lui candidato sindaco.

Tags: ,

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>