Codice a Cuore, la polizia scientifica per decifrare il manoscritto censurato del XVI secolo conservato all’Oliveriana

di 

14 febbraio 2014

ANCONA – Serviranno le tecniche di polizia scientifica per decifrare un testo censurato del XVI secolo. E’ il “Codice a cuore” di Guglielmo Ebreo da Pesaro, un manoscritto su pergamena con copertina in legno e rilegatura in pelle: una raccolta di sonetti e musiche per liuto, conservato nella Biblioteca Oliveriana di Pesaro, attualmente all’esame del Gabinetto di Polizia scientifica delle Marche. Si tenterà di ricostruire le parti rimosse con l’impiego delle luci forensi. L’annuncio è stato dato oggi, nella Giornata di San Valentino, in questura, ad Ancona.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>