“Memoria Viva”, il periodico dell’Anpi compie 20 anni e si apre sempre più ai giovani con nuove rubriche e collaborazioni

di 

18 febbraio 2014

 

Memoria Viva presentato numero del ventennale rivista Anpi

Memoria Viva presentato numero del ventennale rivista Anpi

PESARO – Venti anni di vita per il periodico dell’Anpi provinciale di Pesaro e Urbino “Memoria Viva”, che prosegue nell’opera di ricerca, divulgazione e proposta culturale avviata nel 1993, arricchendosi di interventi e novità sia nelle rubriche, che nella veste grafica e nel linguaggio. Il numero del ventennale è stato presentato in Provincia dall’assessore alla Cultura Davide Rossi, dal presidente provinciale Anpi Giuseppe Scherpiani, dal curatore della rivista Marco Roscetti (vice presidente Anpi “Città di Pesaro”) e dall’illustratore ed esecutore del progetto grafico Alessandro Baronciani, presenti la vice presidente provinciale Milena Rossi, il partigiano combattente Maffeo Marinelli e l’ex operaio “Organizzazione Todt” Umberto Palmetti, le cui testimonianze trovano largo spazio all’interno del periodico.

“Questo numero – ha commentato l’assessore Davide Rossi – giunge a coronamento di una collaborazione molto stretta che la Provincia ha avuto in questi anni con l’Anpi, sostenendone l’azione politica e culturale. C’è una grande vivacità intorno alle iniziative dell’associazione, un numero crescente di giovani a testimonianza della sua modernità”.

“Nel 2006 – ha spiegato Giuseppe Scherpiani – il congresso nazionale dell’Anpi ha deciso che l’associazione non doveva essere più composta solo da ex combattenti, ma allargata ai giovani, dando spazio alla memoria storica ma anche alla cultura, alla ricerca e proposta, con l’intento di divulgare il valore della nostra lotta di resistenza e liberazione, che ha significato anche un cambiamento di mentalità. Questo numero della rivista è fortemente legato al 2013, anno in cui sono scomparsi personaggi fondamentali della storia dell’Anpi: Giovanni Bischi, Claudio Cecchi, Giorgio De Sabbata.

“All’inizio – ha spiegato Marco Roscetti – volevamo dedicare il numero del ventennale ai giovani, poi ci siamo resi conto che ‘Memoria Viva’ non può essere definita dentro una categoria, oltretutto anagrafica, ma deve parlare ai suoi nuovi lettori in modo lucido e realista, né giovane né vecchio, liberandosi dal peso della retorica enfatica per usare parole adatte, equilibrate, accessibili a tutti, senza limiti anagrafici visto che la qualità principale della nostra associazione è il suo carattere intergenerazionale. Ecco perché abbiamo coinvolto nella stesura dei testi generazioni diverse, 46 collaboratori dai 20 ai 90 anni”.

“Ho realizzato con grande piacere – ha detto Alessandro Baronciani – il progetto grafico di questo numero. Con l’Anpi ho un rapporto di vecchia data, che risale al periodo del servizio civile svolto nella sede di Pesaro. Mi hanno veramente insegnato la storia, che non era quella dei libri ma una ricerca viva, con documenti, foto, insieme a persone che la storia l’avevano fatta”.

Cinque le sezioni tematiche: “Testimoni e testimonianze”, “Ricordi”, “Sezioni”, “Interviste” e “Musica”. Sfogliando le pagine, si susseguono interventi del “Collettivo Spazio Bianco”, storie del partigiano combattente Maffeo Marinelli e dell’ex operaio “Organizzazione Todt” Umberto Palmetti, il ricordo evocativo di Walkiria Terradura, lo spazio dedicato ai 9 circoli dell’Anpi presenti in provincia, l’attenzione per il cinema con interviste a Daniele Gaglianone (lungometraggio), Simone Massi (animazione) e Filippo Biagianti (documentario), la passione per la musica (con le 10 canzoni considerate i migliori esempi di musica civile in Italia tra il 2000 e il 2010).

La rivista può essere consultata anche on line sul sito www.anpi.pesarourbino.it, mentre per ricevere copie cartacee si può scrivere a: anpipesaro@gmail.com o recarsi nella sede Anpi in viale della Vittoria 127 a Pesaro (martedì, giovedì, venerdì e sabato mattina).

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>