Kendo, tutti i risultati del sesto Trofeo dell’Adriatico a Gradara

di 

20 febbraio 2014

GRADARA – La città di Gradara ha fatto da degna cornice di città medievale al 6° Trofeo dell’Adriatico di Kendo. Sabato 15 febbraio ha visto un centinaio di kendoka provenienti da molte città del centro nord Italia e dalla dirimpettaia Spalato a contendersi il Trofeo e ad approfondire tematiche tecniche per approfondire la conoscenza di questa disciplina sportiva estremamente completa.

Kendo, un momento dei combattimenti a Gradara

Kendo, un momento dei combattimenti a Gradara

Infatti, il Kendo mette in gioco tutte le componenti “energetiche” dei kendoka perché il gesto sia efficace e “vincente” ogni dettaglio deve essere al suo posto: conoscenza tecnica, rapidità, rispetto delle “forme” e dell’avversario, preparazione fisica.

È una disciplina sportiva a metà strada tra arte e rito con sequenze che obbligano i contendenti al gesto rispettoso e consapevole. Poi c’è anche l’accettazione del verdetto dei tre arbitri. Tutto questo si è compiuto nel palazzetto di Gradara che ha visto:

2 shiai-jo per il trofeo a squadre 3 shiai-jo per il trofeo individuale 10 Arbitri 26 dojo 30 squadre 88 iscritti totali

Dopo una lunga battaglia durata un intero pomeriggio, ecco i risultati dei due tornei:

INDIVIDUALI

1° classificato – Giulio Ongaro (Modena Kendo Club) 2° classificato – Andrea Li Causi (Okami Kendo Roma) 3° classificata – Eva Ricciuti (Okami Kendo Roma) 3° classificato – Igor Novelli (Kendo CUS Verona)

SQUADRE

1° classificata – Kendo CUS Verona (Turner, Garzonio, Novelli) 2° classificata – Modena Kendo Club (Marchiò, Sandri, Ongaro)

3° classificata – Shingen (Tabellini, Campanella, Agostini) 3° classificata – Parma Kendo Kai (Paterlini, Ghiretti, Filippi) FIGHTING SPIRIT Goran Gasparovic (Kendo Klub Marjan)

La UISP di Pesaro e Urbino desidera inoltre ringraziare di cuore gli organizzatori e I partecipanti al Trofeo: ci auguriamo che questo bellissimo sport possa diffondersi il più possibile nel nostro territorio. Per quanto ci riguarda, faremo il massimo affinché questo avvenga, statene certi.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>