Altri due incidenti che hanno coinvolto ciclisti urbani a Fano. ForBici: “Non si può andare avanti così”

di 

21 febbraio 2014

Da ForBici Fano riceviamo e pubblichiamo il seguente comunicato:

 

FANO – A distanza di poche ore, nella città di Fano si sono verificati due incidenti stradali che hanno coinvolto ciclisti urbani: il primo in via Roma e il secondo in via Cairoli.

Cos’altro deve succedere per capire che così non si può andare avanti? Non bastano morti e feriti anche in pieno centro storico per cambiare finalmente rotta sulla viabilità? E invece si continua a ragionare come se fossimo in autostrada. Strade al cento per cento ad uso automobilistico, spazi ciclopedonali inesistenti o quasi, parcheggi dappertutto, alte velocità, alberi spazzati via perché “ostacolano” le manovre, polveri sottili, eliminazione di dissuasori di velocità, strade in pessimo stato di manutenzione. Manca un moderno Piano Urbano del Traffico (PUT), indispensabile per dare ordine in una mobilità caotica in cui vince il più forte. E se poi ogni tanto qualcuno ci lascia la pelle, pazienza!

Abbiamo più volte fatto proposte e segnalazioni per riequilibrare la situazione a vantaggio degli utenti deboli della strada: maggiori controlli lungo le strade; limiti di velocità a 30 chilometri orari (soprattutto in ZTL, nei quartieri residenziali e nelle aree sensibili); spazi ciclopedonali protetti; ampliamenti della ZTL; doppi sensi limitati alle biciclette; rispetto dei marciapiedi ecc.

Ad oggi, nessuna risposta!

Cos’altro deve ancora succedere?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>