Presentato il motomondiale secondo Sky: 8 gare “in chiaro” su Cielo tv. Il commento affidato a Zoran Filicic, al Paddock la novità è Irene Saderini

di 

28 febbraio 2014

Sky tv ha presentato oggi nella sua sede milanese quello che diventerà, per gli appassionati di motociclismo, il più bello spettacolo del mondo. Già, perché se c’è qualcuno che ancora non se ne è accorto, da questa stagione la piattaforma Sky, la prima pay tv italiana,  trasmetterà tutto il Motomondiale 2014 come fa già per la Formula 1 e ovviamente per il Calcio. Subentrata a Italia 1 distribuirà su tutto il territorio nazionale le immagini, i commenti, le interviste, le novità, le curiosità, i retroscena e ovviamente le prove e le gare di MotoGp, Moto2 e Moto3, viste da mille angolazioni diverse grazie all’apporto di ogni possibile diavoleria tecnica e tecnologica frutto di anni di lavoro.

 

sky-gp

Se avete visto le gare della F1 dello scorso anno, o seguite le partite di calcio sui canali dedicati, allora capite ciò che sto dicendo; la tecnologia invaderà così tanto il vostro teleschermo da proiettarvi direttamente nel box o addirittura sulla moto di Valentino Rossi e di Marquez, Pedrosa, Lorenzo o Dovizioso, restando comodamente seduti sul divano di casa vostra.

Si comincia il 10 marzo con l’apertura del canale dedicato (il 208) che si chiamerà Sky Sport MotoGp HD dove  l’alta definizione farà il suo esordio cercando appunto di stupirvi con effetti speciali. Perché tutto il motomondiale sarà in alta definizione e per ogni Gp sono previste la bellezza di 30 ore di diretta, con i telespettatori che potranno anche personalizzare la visione con il mosaico interattivo già sperimentato in altri sport e per l’occasione denominato Super Touch MotoGP. Cinque i canali interattivi: la funzione On Board permetterà di vivere ogni giro da protagonista con due diversi punti di vista. E con il doppio audio dolby 5.1 sarà come essere in sella. Con la Fly View, si potrà seguire ogni istante di ogni gara da un punto di vista panoramico inedito ed esclusivo;  Il Race Control consentirà di gustare ogni attimo della gara da tre diverse inquadrature e di controllare i tempi dei giri mentre con il Testa a Testa si potranno confrontare le prestazioni di tre piloti a scelta del telespettatore contemporaneamente e in tempo reale.

L’amministratore delegato di Sky, Andrea Zappia, ha spiegato come “la MotoGp continui il percorso iniziato l’anno scorso con la Formula 1: due e quattro ruote formeranno così un grande campionato che durerà 35 weekend, proprio come la Serie A”.

La squadra Motori di Sky Sport. Da sinistra,  Rosario Triolo, Davide Camicioli, Mauro Sanchini, Irene Saderini, Loris Capirossi, Francesca Zambon, Sandro Donato Grosso e Zoran Filicic

La squadra Motori di Sky Sport. Da sinistra, Rosario Triolo, Davide Camicioli, Mauro Sanchini, Irene Saderini, Loris Capirossi, Francesca Zambon, Sandro Donato Grosso e Zoran Filicic. Assente giustificato perchè in Malesia, Biagio Maglienti

Oggi è stata anche presentata ufficialmente la squadra che commenterà il campionato del mondo. La nuova voce e il nuovo volto del motomondiale è quella di Zoran Filicic, sangue croato e passaporto italiano, nato a Milano e una lunga militanza nello sport. Dal 2010 è commentatore olimpico per Sky: la sua voce ha raccontato Vancouver 2010, Londra 2012 e Sochi 2014.  E sempre per Sky ha  commentato  Snowboard World Cup, Freestyle Ski, World Cup, Winter XGames, Summer XGames e Red Bull Cliff Diving. E adesso la MotoGP con il compito (ingrato) di far dimenticare un asso come Guido Meda.

 

Loris Capirossi e Zoran Filicic, le voci della MotoGp

Loris Capirossi e Zoran Filicic, le voci della MotoGp

Accanto a lui, come primo commentatore tecnico e una speciale deroga concessa dalla Dorna per la quale ancora lavora, ecco Loris Capirossi, tre volte campione del mondo in classe 125 (2, nel 90 e 91) e 250 (1998). Loris lavorerà in stretto contatto con Mauro Sanchini, ex pilota di Supersport e Superbike. Mentre Filicic ci racconterà le gesta dei piloti di MotoGp e di Moto3, al telecronista Rosario Triolo, coadiuvato da Sanchini, spetterà il commento della Moto2.

 

Due gli inviati ai box:  Biagio Maglienti  e Sandro Donato Grosso, due colleghi che abbiamo cominciato ad apprezzare negli anni passati sulle piste di mezzo mondo. Donato Grosso sarà anche il  conduttore dello studio post-gara nelle tappe extraeuropee mentre sarà impiegato ai box nelle gare continentali.

saderini

 

Il nuovo volto femminile del Motomondiale sarà invece Irene Saderini, che condurrà gli studi live dal Paddock. Da sempre con il rombo delle moto nel cuore, negli ultimi tre anni ha lavorato a La Repubblica, dove si è occupata di test drive per auto e moto per le pagine motori.  Irene è una sportiva a 360°:  ha dedicato la sua vita prima allo sport, diventando azzurra di vela, e poi al giornalismo, la passione che l’ha portata dalla carta stampata alla tv.

Per concludere, Francesca Zambon sarà inviata per il canale all news Sky Sport24 HD, mentre Davide Camicioli condurrà gli appuntamenti principali con le rubriche settimanali.

I Gran Premi. Per Sky tv inizieranno il giovedì con la conferenza stampa dei piloti. Quindi, dal venerdì mattina, saranno trasmesse integralmente prove libere, qualifiche e gare delle tre classi.  Infine gli appuntamenti settimanali: il lunedì alle 19.30 l’approfondimento di Race Anatomy MotoGP, il martedì alle 20.30 e alle 20.45 MotoGP Fast Track, il mercoledì MotoGP Fever, per rivivere i momenti salienti del weekend di gara. Inoltre, a rotazione, 100 episodi di Storie di MotoGP e gli inediti di I Signori del Motociclismo.

Pay e free. Otto delle 18 prove mondiali saranno trasmesse in  chiaro (quindi visibili a tutti e non a pagamento) su Cielo Tv (canale 26 del digitale terrestre, 126 Sky e 19 Tivùsat). Sono i gp di Qatar, Mugello, Indianapolis , Sachsenring, Brno, Misano, Aragon e Valencia. In questi casi verranno proposte integralmente sia le qualifiche delle tre classi che le gare con il commento delle voci di Sky Sport. Il valore aggiunto, sarà dato da uno studio live con la presenza di Giacomo Agostini. Per quanto riguarda le altre gare, invece, su Cielo tv verranno trasmesse in differita di circa tre ore sotto forma di sintesi.

Gli obiettivi. In termini di ascolti Sky conta di ottenere risultati simili a quelli della Formula 1, che ha avuto una media di 1 milione di spettatori a gara. Per quanto riguarda Cielo, i dirigenti stanno rivedendo le previsioni alla luce del successo ottenuto con le Olimpiadi di Sochi. Gli analisti dicono che sarebbe comunque il 29% del totale il numero di famiglie italiane potenzialmente interessate alla MotoGP. Una cifra, dicono,  seconda solo a quelle relative a Champions League e Formula 1.