Pieri chiede parità di trattamento per tutti i candidati alle Primarie

di 

2 marzo 2014

PESARO – Luca Pieri sindaco e Noi chiedono al sindaco della città di Pesaro Luca Ceriscioli e alla città stessa come possa essere moralmente corretto utilizzare gli spazi pubblici del Comune per promuovere iniziative a favore di uno dei candidati alle primarie. “Ci riferiamo all’iniziativa promossa in Pescheria – scrivono – luogo pubblico e appartenente alla pubblica amministrazione, venerdì 7 marzo, a favore del candidato Matteo Ricci, simile al precedente incontro all’interno dei Musei Civici. Nelle Primarie il confronto e le iniziative private di ogni candidato devono essere condotte con parità di diritti e con i mezzi dei rispettivi soggetti. In questo caso è stata addirittura utilizzata la mailing-list appartenente alla struttura pubblica che ospita l’evento. I luoghi culturali e i beni comuni ad essi connessi non possono essere asserviti ai partiti e tanto meno ai singoli. Chiediamo pertanto che sia mantenuta una correttezza di fondo che non riguarda solo la competizione ma l’idea stessa di cultura in una città come Pesaro. Non accetteremo mai l’idea della cultura asservita al potere privata della sua autonomia, gestita dalla politica con tale arroganza. Una cultura che invece deve essere libera, creativa e autonoma. Quello che sta accadendo è una cosa gravissima mai vista prima in una città come la nostra segno di una degenerazione politica davvero preoccupante. Mai come in questo caso si capisce il senso del nostro essere dentro le scelte e fuori dagli schemi: ci sentiamo fuori e molto lontani da questo tipo di decisioni prese ancora una volta da pochi e sopra la testa dei cittadini”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>