8 marzo 2014, tutti gli appuntamenti

di 

6 marzo 2014

PESARO – Sabato 8 marzo, in occasione della Giornata Internazionale della Donna, la Biblioteca di Baia Flaminia sarà aperta l’intero pomeriggio ( 16.00 – 20.00) pronta ad accogliere le sue lettrici con buoni libri e tè caldo. Alle 17.00 maratona di lettura con le lettrici volontarie della Biblioteca di Baia Flaminia: Elisabetta, Francesca, Katia, Lella, Luciana, Marilena e Paola. L’appuntamento è dedicato a tutte le donne che sanno reagire alla violenza e ai soprusi con forza e coraggio.

 

Otto marzo 2014: Eroine. Donne non dipendenti. L’autonomia femminile da costruire tutti i giorni.

 

donna_vota_webFemminismi propone un appuntamento sul cambiamento dell’immagine di sé nelle poete americane tra anni ’60 ed oggi, ospiti Francesca Bertoni e Francesca Palazzi Arduini. Saranno inoltre in mostra i finti poster elettorali “Le Candidate”, che ironizzano sull’assenza di donne candidate Sindaca nella città. In più la mostra dell’artista e artigiana Emma Aragona con i suoi “QuaderniQuadro”. Le mostre saranno presenti anche alle aperture successive. Tutto ciò presso la mini-galleria Infoshop di via G. da Serravalle 16 a Fano, dalle ore 17.30.

In queste settimane si discute molto della visibilità di alcune donne in politica, come se questo equivalesse alla vera partecipazione delle donne alla discussione pubblica e alla costruzione di spazi politici di democrazia per donne e uomini. Così non è. In questo paese malato di leaderismo maschile le donne sono incluse dal potere politico solo se compiacenti o per ragioni di opportunità mediatica.

Se ragioniamo in termini di dipendenza o di non dipendenza possiamo capire qualcosa di più. Ci sono uomini e donne che dicono di sì per avere un posto, per avere soldi, per essere qualcuno – dicono di sì ad un potere più grande che chiede loro in cambio di non pensare più con la loro testa ma di essere puri e semplici replicanti. Ci sono poi tante donne che non dipendono da nessuno, che hanno la mente libera e la voglia di impegnarsi, di fare insieme un po’ di spazio libero per loro e per le altre donne.

Cosa vuol dire essere non dipendenti?

Lasciare che il proprio pensiero sia capace di distinguere, di scegliere, di dare spazio alla voglia di immaginarsi un futuro in cui il nostro potere non scimmiotterà quello maschile. Questo significa pensare in termini di condivisione di spazi e di redistribuzione di opportunità sulla base di regole del tutto diverse da quelle attuate oggi e percepite come democratiche.

Liberando il nostro immaginario sarebbe possibile superare ogni visione di subordinazione, anche quella capitalista, che ci vuole sempre di più legate a ruoli tradizionali del lavoro di cura e al ritorno obbligato o fortemente incentivato alla gestione della famiglia, rimasta l’unica agenzia di welfare in un panorama di desertificazione di diritti e tutele, ancora in piedi perché si basa sul lavoro gratuito delle donne. Con buon pace delle nostre attuali ministre!

mariaseria_votaIl quadro è desolante! Vediamo ora in Parlamento un susseguirsi di piccoli leader dalle “balle d’acciaio”, egocentrici che si fanno le scarpe a vicenda per distribuire quel poco che ancora trovano nelle Casse dello Stato e farsi eroi. Vediamo alleati Padri e figli maschi, uomini di diverse culture ma sempre coi piedi sulle donne. Vediamo quindi che la libertà femminile è sempre in pericolo, e in questo otto marzo ti chiediamo: l’otto marzo è una droga, una serata tra amiche senza l’occhio all’orologio dopo di che tutto torna come prima, stritolate tra i mille ruoli che ci chiedono di interpretare?

femminismi.wordpress.com

 

FESTA DELLA DONNA 2014 – Mostra: “Mozzafiato – Storia di ordinaria violenza
Inaugurazione sabato 8 marzo ore 17.30

Una mostra per parlare di un tema che colpisce allo stomaco e alla testa: «La violenza che mozza il fiato a chi la esercita e a chi la subisce».   Urbino ha scelto di celebrare la Festa della Donna  con una iniziativa culturale dai toni duri, che ha l’obiettivo di far riflettere.  La mostra si intitola  “Mozzafiato – Storia di ordinaria violenza, si tiene nella Galleria Barocci, spazio espositivo della Associazione Urbino Arte, nel Collegio Raffello (Piazza della Repubblica).   L’inaugurazione è fissata per sabato 8 marzo alle ore 17.30. L’esposizione rimarrà aperta fino al 21 marzo 2014, tutti i giorni escluso il lunedì, con il seguente orario: 10.30 – 12.30 / 17.30 -19,30.   L’iniziativa è organizzata da Urbino Arte insieme agli Assessorati comunali Pari Opportunità e Politiche Sociali, con il patrocinio  della Presidenza del Consiglio dei Ministri (Dipartimento per le Pari Opportunità), del Comune di Ferrara, del Movimento non violento, del Centro di Ascolto Uomini Maltrattanti e dell’Accademia d’Arte Città di Ferrara.

La mostra “Mozzafiato – Storie di ordinaria violenza” presenta le opere di 8 fotografi e 28 pittori e grafici.  Oltre alla qualità estetica  dei dipinti, delle incisioni e delle fotografie, l’esposizione stimola il visitatore a soffermare il pensiero su ciò che si nasconde dietro al fenomeno della violenza, in modo particolare sulla violenza nei confronti delle donne: «Le cronache dei mezzi di informazione -dicono gli organizzatori- ci raccontano infatti con grande frequenza di soprusi che avvengono dietro le porte di casa. Ci raccontano di donne maltrattate o uccise da parte di chi  diceva o dice di amarle». 

Le opere in esposizione  sono di: Vitaliano Angelini, Davide Bassi, Tiziana Bargagnati, Paola Bonora, Riccardo Bottazzi, Massimo Cavalieri, Gianni Cestari, Alessandro Falco, Luisa Denti, Nadia Fanzaga, Barbara Felisatti, Maria Paola Forlani, Flavia Franceschini, Marko, Tiziana Marzialetti, Armida Nardi, Matteo Pagnoni, Gloria Pasquesi, Alessandro Passerini, Giulia Pesarin, Alfredo Pini, Caterina Prato,  Toni Salmaso, Scotti, Monica Seksich, Sima Shafti, Giulio Serafini, Giuseppe Tassinari, Fernando Tiboni, Marco Toselli, Romolina Trentini, Giuliano Trombini, Massimo Volponi, Paolo Volta, Davide Zabbari, Luca Zampini, Gianfranco Zazzeroni,

 

VITTORIA MOSCA TOSCHI: RITRATTO DI UNA NOBILDONNA EMANCIPATA NELLA PESARO DI META’ OTTOCENTO

Nella giornata dell’8 marzo dedicata alla donna, i Musei Civici presentano un singolare ritratto della marchesa Vittoria Mosca Toschi. Attraverso la lettura di poesie e di lettere edite ed anche inedite, verrà svelato il carisma della marchesa a 200 anni dalla sua nascita. Ne emergerà il profilo di poetessa e scrittrice emancipata, il profilo di abile e sensibile collezionista e quello di sapiente donna imprenditrice.

A fare da sfondo alla conversazione, il libro di recentissima pubblicazione della studiosa Elena Bacchielli, Vittoria Mosca Toschi: amantissima delle Arti Belle. Tra intimità poetica e filantropia. Sarà presente l’autrice.

Seguirà lo speciale aperitivo ‘Mimosa’ preparato per tutte le partecipanti dalla Casetta Vaccaj.

Per tutta la giornata, infine, le donne titolari della tessera Pesaro Cult potranno visitare gratuitamente le collezioni permanenti dei Musei Civici di Palazzo Mosca e la mostra GLI ALFIERI DEL DESIGN ITALIANO dedicata alla donazione di vetri e oggetti preziosi della famiglia Vinciguerra. La tessera, valida 12 mesi, è in vendita presso la biglietteria dei Musei al costo di € 3.

I Musei saranno aperti dalle 10 alle 13 e dalle 15:30 alle 18:30.

Titolo: VITTORIA MOSCA TOSCHI: RITRATTO DI UNA NOBILDONNA EMANCIPATA NELLA PESARO DI META’ OTTOCENTO

Organizzazione: Sistema Museo
Luogo: Musei Civici Palazzo Mosca
Data: Sabato 8 marzo 2014
Ora: 11:00
Durata: 1 ora e 30 minuti circa
Costo: Ingresso libero alla conferenza.
Nella giornata dell’8 marzo l’ingresso ai Musei e alla mostra sarà gratuito per le donne titolari della tessera Pesaro Cult.
Degustazione aperitivo ‘Mimosa’: € 4,00
Per informazioni e prenotazioni:
Telefonare allo 0721 387 541 negli orari di apertura dei Musei Civici di Palazzo Mosca (dal martedì alla domenica dalle 10 alle 13; da venerdì a domenica anche dalle 15:30 alle 18:30)
Indirizzo mail: pesaro@sistemamuseo.it
Sito web: www.pesaromusei.it

 

Le donne si raccontano Acqualagna

Le donne si raccontano Acqualagna

AD ACQUALAGNA LE DONNE SI RACCONTANO

“Le donne si raccontano… ricordi e anima”. E’ questo l’appuntamento ideato dal comune di Acqualagna, Assessorato alla Cultura, per festeggiare l’8 marzo.  Appuntamento al Palazzo della Cultura alle ore 18.00, sabato 8 marzo per la presentazione di due libri, “Volo dell’Anima” di Augusta Tomassini e “Una chiacchierata di ricordi” di Rosa Serafini.

Rosa, o meglio la Maestra Rosa, è stata una colonna della scuola elementare di Acqualagna , amata da tutti i bambini e ancora oggi salutata affettuosamente con un “ciao maestra” da ‘mezza Acqualagna’, da coloro che non sono più bambini ma oramai adulti. Lei in questo libro ci racconta la sua storia, di come è diventata maestra in tempi e luoghi non favorevoli all’istruzione. E poi la grande guerra, le difficoltà e la gioia di aver realizzato un sogno, svolgendo uno dei lavori tra i più difficili e appaganti come quello dell’ insegnante. E tutto è nato dalla fiducia che ha avuto in lei una maestra, la sua amica speciale. E’ una vera chiacchierata di ricordi il libro di Rosa Serafini di Acqualagna , belli, delicati, genuini. Lei stessa ne racconterà alcuni e per tanti “grandi” sembrerà di tornar bambini nei banchi di scuola.

 

 

 

 

8 marzo all’insegna del Volontariato a Gabicce

 

 

 

Venerdì 7 marzo si è svolta la serata-incontro “Donne e Volontariato”, organizzata dall’Assessorato e Commissione alle Pari Opportunità del Comune di Gabicce Mare con il Patrocinio della Provincia di Pesaro e Urbino.

 

Durante la serata è stata consegnata una pergamena di ringraziamento alle Associazioni di Volontariato locali: Associazione “Una Voce al Silenzio”, Croce Rossa Italiana sezione di Pesaro, MASCI, Avis, AUSER, Protezione Civile.

 

 

 

Protagoniste le testimonianze di donne impegnate nel Volontariato.

 

i rappresentanti delle Associazioni di Volontariato con il Sindaco di Gabicce Mare Corrado Curti; l’Assessore alle Pari Opportunità del Comune di Gabicce Mare, Rosina Alessandri;  il Sindaco di Gradara Franca Foronchi e l’Assessore Provinciale alle Pari Opportunità  Daniela Ciaroni

i rappresentanti delle Associazioni di Volontariato con il Sindaco di Gabicce Mare Corrado Curti; l’Assessore alle Pari Opportunità del Comune di Gabicce Mare, Rosina Alessandri; il Sindaco di Gradara Franca Foronchi e l’Assessore Provinciale alle Pari Opportunità Daniela Ciaroni

Come spiega l’Assessore Rosina Alessandri “quest’anno abbiamo voluto dare visibilità e ringraziare tutte le Associazioni impegnate nel volontariato e le tante donne attive nelle situazioni in cui la solidarietà è base fondamentale per l’aiuto e il sostegno in tante situazioni di difficoltà”.

 

“Le testimonianze delle Associazioni sono la rappresentazione di ciò che sono stati questi anni di lavoro, collaborazione e impegno per la nostra comunità – ha sottolineato il Sindaco Corrado Curti – Il Comune di Gabicce Mare vuole ringraziare tutti i volontari che hanno partecipato attivamente alle tantissime iniziative di solidarietà e che sono diventati un punto di riferimento fondamentale nel nostro territorio.”

 

 

 

Nella foto: i rappresentanti delle Associazioni di Volontariato con il Sindaco di Gabicce Mare Corrado Curti; l’Assessore alle Pari Opportunità del Comune di Gabicce Mare, Rosina Alessandri; il Sindaco di Gradara Franca Foronchi e l’Assessore Provinciale alle Pari Opportunità Daniela Ciaroni

 

 

COMUNE DI FANO ASSESSORATO ALLE PARI OPPORTUNITA’ – CENTRO DOCUMENTAZIONE DONNE – TEATRO LA BUGIA – FANO

DOMENICA 9 MARZO ORE 17 – SALA VERDI TEATRO DELLA FORTUNA – FANO

DONNE DI CUORI con: Costanza De Sanctis, Maria Flora Giammarioli, Paola Magi, Elisa Pattis

Costumi: Miriam Falcioni

Scene: Matteo Angherà

Audio: Enrico Spelta

scritto e diretto dal Teatro la Bugia

Due atti per due momenti storici lontani tra loro. delle donne apparentemente molto diverse…ma in fondo uguali … uguali in quei sentimenti che oltrepassano il tempo e la storia e ritornano, sempre gli stessi, con una forza …che solo le donne hanno la capacità di sostenere. Una commedia dolce-amara sul mondo femminile

INFO BOTTEGHINO DEL TEATRO TEL. 0721 800750

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>