Omicidio Lucia Bellucci, rito abbreviato per Ciccolini. La madre della vittima: “Da lui mai richieste di perdono”

di 

6 marzo 2014

Lucia Bellucci e Vittorio Ciccolini

Lucia Bellucci e Vittorio Ciccolini

TRENTO – Omicidio Lucia Bellucci, l’avvocato veronese Vittorio Ciccolini a processo con rito abbreviato. E’ stato deciso oggi a Trento, nell’udienza che si è tenuta davanti al giudice Carlo Ancona.

L’uccisione dell’estetista pergolese di 31 anni il 9 agosto scorso. Ciccolini, 46 anni, reo confesso, l’avrebbe ammazzata a coltellate in Trentino, per poi lasciarla nell’auto in garage, nella sua casa di Verona.

Il processo è stato rinviato all’8 ottobre, per valutare la consistenza del risarcimento offerto da Ciccolini alla madre della vittima, che sarebbe intorno ai 200.000 euro. “Mia figlia non tornerà mai più – ha detto la mamma come riporta l’edizione online del Corriere Adriatico – e vorrei solo giustizia, ma sembra che qua… E da Ciccolini non ho mai avuto richieste di perdono”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>