Per Ricci #unbelpo’ di contentezza: “Risultato eccezionale. E adesso lavoriamo per una città che conti. Il centrodestra? Vinceremo al primo turno”

di 

10 marzo 2014

Matteo Ricci durante il Discorso alla Città

Matteo Ricci durante il Discorso alla Città

PESARO – Ha atteso i risultati a casa Ciamaglia, “con Marcello che per me non è “solo” il capo dell’ufficio stampa della Provincia ma uno zio”. Poi, quando è stato chiaro che la vittoria si era materializzata in maniera schiacciante, è andato nella sede del Comitato, “dove abbiamo brindato tutti assieme prima di andare a mangiare una pizza al Moletto”. Domenica festante quella di Matteo Ricci, 39 anni, da 5 presidente della Provincia, da ieri ufficialmente candidato sindaco di Pesaro del centrosinistra tutto. Lo hanno certificato 3.892 voti, che costituiscono il 55,46% del popolo pesarese delle Primarie di coalizione.

“Un risultato che mi rende molto contento – spiega il giorno dopo – Era la prima volta che si facevano Primarie per il candidato sindaco e in un momento difficile come questo non era scontata una simile partecipazione popolare (nei 16 seggi allestiti nelle varie zone della città hanno votato più di 7.000 persone, ndr). E’ il frutto del lavoro di almeno 200 volontari che ringrazio, ma ci sono altri due aspetti che mi riempiono d’orgoglio”.

Quali sono?
“Beh, in primis il fatto che i pesaresi hanno valutato positivamente la mia esperienza in Provincia. Nonostante mi sia ritrovato, di fatto, a fare il curatore fallimentare di un ente in chiusura, evidentemente hanno apprezzato la mia voglia di innovare. Da una situazione come questa si esce solamente pensando in grande. Bisogna avere una città che conti di più sia a livello regionale che nazionale”.

Che si aspetta ora da Luca Pieri, Rito Briglia e Michele Gambini, cioè dai grandi sconfitti delle Primarie?
“Sono convinto che collaboreranno, da questo punto di vista penso proprio che non ci saranno problemi. Da par mio cercherò di cogliere le proposte più importanti dei loro programmi, dopo che durante questa campagna elettorale mi sono sforzato di tenere toni bassi anche quando qualcuno ha provato ad alzarli”.

C’è chi dice che i suoi impegni a livello nazionale (Ricci è vicepresidente del Pd) la potrebbero distogliere dalle mansioni di primo cittadino…
“A queste illazioni hanno risposto i pesaresi col voto di ieri. Il mio ruolo all’interno del Partito democratico nazionale è di rappresentanza e non esecutivo, e soprattutto è compatibile con quello di sindaco, nonché utile per la città”.

In che senso?
“Nel senso che quella volta ogni 15 giorni che andrò a Roma lo farò anche per perorare le cause della nostra Pesaro. Metterò a disposizione di tutti le relazioni nazionali costruite in questi anni”.

Parliamo del programma…
“L’architrave è stata espressa il primo febbraio, nel Discorso alla città. Ma prenderò, come detto, degli spunti dai programmi degli altri tre candidati alle Primarie del centrosinistra. La proposta di Pieri sulla zona produttiva a burocrazia zero mi sembra molto interessante, così come le idee di Briglia sulla scuola, sperando che si sblocchi il patto di stabilità sull’edilizia scolastica che ci darebbe una bella mano. Gambini è un ragazzo intelligente da cui prenderò spunti su urbanistica e politiche ambientali”.

Adesso inizia la campagna elettorale vera e propria. Che dice dei candidati degli altri schieramenti?
“Sinceramente non sono loro che mi preoccupano, bensì il clima di disaffezione nei confronti della cosa pubblica e la rabbia indotta da una crisi economica molto pesante. Noi continueremo a lavorare come fatto finora, mettendo cioè la sobrietà al servizio di un modo nuovo di fare politica. Adesso però voglio costruire un’alleanza molto civica. La mia proposta si riferirà, oltre che ai nostri alleati naturali di Sel e Scelta civica, a diverse liste a sostegno che auspico si formeranno. E dico di più: non è escluso che anche io faccia la mia lista civica. Questo perché a livello locale contano le persone, e in questo momento non servono divisioni ideologiche ma bisogna mettere insieme la città”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>