“Gianni Rodari: la libertà raccontata”: appuntamento alla San Giovanni

di 

12 marzo 2014

Gianni Rodari con alcuni bambini

Gianni Rodari con alcuni bambini

PESARO – Venerdì  14 marzo, alla biblioteca San Giovanni (Sala Rossa) di Pesaro si svolgerà l’iniziativa dal titolo “Gianni Rodari: la libertà raccontata”.

Alle ore 17 si inizierà con una relazione dal titolo “L’altro Rodari” a cura della prof.ssa Maria Grazia Ferraris, scrittrice e studiosa dell’opera di Gianni Rodari, cui seguirà la presentazione del libro “Rodari e il lago” (edizioni Altre Latitudini) in cui viene raccontata un’esperienza giovanile di Rodari, maestro elementare, attraverso le testimonianze degli ex-alunni. Infine verrà proiettato il video “Il maestro e il pescatore” di Ino Lucia.

In contemporanea, al caffè letterario verrà allestita la mostra “Giochiamo con Rodari” costituita da disegni e scritti liberamente ispirati alla “Grammatica della fantasia” e realizzati dalle classi 4ª A e 4ª B  della scuola Anna Frank di Pesaro.

Un video di Ernesto Fucci che illustra il “backstage” di questo lavoro verrà proiettato nella Sala Rossa della biblioteca a conclusione dell’incontro pomeridiano.

Alle ore 21 sempre alla biblioteca verrà proiettato il film – documentario “Un sasso nello stagno” di Felice Cappa – Italia 2010 un ritratto inedito che ripercorre le tappe della formazione di Gianni Rodari e l’evoluzione del suo pensiero poetico. Il documentario è stato presentato al Festival Internazionale del Film di Roma nel 2010 e alla Mostra Internazionale d’Arte  cinematografica di Venezia nel 2011.

L’iniziativa è organizzata dal Cineclub Shining, dall’associazione Altre Latitudini, dalla biblioteca San Giovanni e dal Gruppo culturale Firmalampen ed è curata da Roberto Tilio e Marisa Silvestri per la parte relativa alla mostra.

L’ingresso è gratuito.

Per informazioni Tel. 0721.38772, mail biblioteca@comune.pesaro.pu.itwww.biblioteca.comune.pesaro.pu.it.

 

GIANNI RODARI

Gianni Rodari nasce a Omegna, sul Lago d’Orta, nel 1920 e trascorre l’adolescenza a Gavirate, in provincia di Varese; ottenne il Diploma Magistrale  nel 1938 quindi vinse nel 1941 il concorso di maestro elementare e iniziò a insegnare in alcuni paesi del varesotto. L’attenzione del libro e del video si focalizza sulla esperienza del giovane Rodari a Ranco, un grazioso borgo affacciato sulla sponda lombarda del Lago Maggiore, dove fu maestro nell’anno scolastico 1940-1941.

Maria Grazia Ferraris, varesina ex-insegnante di Letteratura italiana e Storia, si occupa da anni di critica letteraria in particolare studia il contributo della scrittura femminile del Novecento e ha vinto il primo PREMIO GIORNALISTICO per la migliore opera femminile nella provincia di Varese nel 2007. Ha studiato per anni l’opera di Gianni Rodari giornalista, scrittore  e poeta, intervenendo al Convegno del 2007, organizzato dagli Amici di Fignano, sul tema “G. Rodari e il Surrealismo”. Ha scritto diversi articoli nel  volume Ricordar Rodari (ed. Macchione 2006) e pubblicato il volume G. Rodari (a trent’anni dalla morte): un fantastico uomo di lago (2010).

 

Il film : “Un sasso nello stagno” di Felice Cappa – Italia 2010

Un ritratto inedito che ripercorre le tappe della formazione di Gianni Rodari e l’evoluzione del suo pensiero poetico, guardando soprattutto agli aspetti che hanno inciso e continuano a incidere sull’immaginario contemporaneo. Il documentario è stato realizzato a partire dall’archivio della Rai, televisivo e radiofonico, e attingendo agli scritti di Gianni Rodari, che non è stato solo uno scrittore per bambini, ma un intellettuale che ha saputo raccontare il Paese.

A questi materiali si aggiungono immagini che documentano le visite di Rodari nelle scuole e gli incontri con i bambini. Dell’autore si ripercorrono biografia e opere, giornalismo e letteratura, saggi e teatro, utilizzando solo ed esclusivamente le parole di Rodari.

Presentato al Festival Internazionale del Film di Roma nel 2010 e alla Mostra Internazionale d’Arte  cinematografica di Venezia nel 2011.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>