Volley B1 girone C, è iniziata la volata per i playoff. Le sei protagoniste a confronto: Perugia favorita dal calendario, Pesaro chiamata all’impresa

di 

12 marzo 2014

Al Volley Pesaro serve la miglior Fiesoli (dalla pagina Facebook della società)

Al Volley Pesaro serve la miglior Fiesoli (dalla pagina Facebook della società)

PESARO – Il campionato italiano di pallavolo femminile serie B1 girone C è entrato nella terza e ultima parte della stagione regolare. Mancano otto giornate alla conclusione e sono addirittura sei le squadre in lotta per la conquista di uno dei  tre posti che daranno diritto a disputare i playoff, non dimenticando che la formula premia – giustamente – la prima classificata, concedendole due opportunità per il salto di categoria.

Sei squadre tra i 42 punti della capolista Filottrano e i 36 dell’Edil Rossi Bastia, perché appare praticamente impossibile che possano rientrare in gioco Firenze e Loreto, appaiate a quota 25.

Le sei squadre hanno calendari diversi e, quindi, differenti opportunità. Le abbiamo messe a confronto partendo sia dal calendario (tutte con 4 partite in casa e altrettante fuori) sia dal totale dei punti che sommano le squadre da affrontare.

Da questo quadro emerge che Perugia, attesa solo dalla sfida con Bastia Umbra, ha il calendario migliore, con trasferte decisamente meno ostiche (solo sulla carta, lo ricordiamo), sommando 161 punti le squadre che devono ancora giocare con le ragazze di Bovari. E che la capolista Filottrano – con un calendario favorevolissimo fra le mura amiche – è quella attesa dalle maggiori difficoltà lontano da casa. Casette dovrà sfruttare il fattore campo; lo facesse, uno dei tre posti sarebbe suo.

E’ irto d’ostacoli il percorso di Bastia e Pesaro, totalizzando entrambe gli stessi punti da affrontare: 217. Ma è nelle difficoltà che emergono le squadre di carattere.

 

FILOTTRANO 42 punti, (giocate 18, vinte 14, perse 4): due scontri diretti in trasferta. Totale punti da affrontare 191 (in casa 73, fuori 118).

CASETTE (41), Rieti (20), PESARO (38), Loreto (25), FIRENZE (25), Cagliari (9), PAGLIARE (14), Todi (19).

OLBIA 41, (15 vinte, 3 perse): due scontri diretti in trasferta e il derby di Cagliari con l’Alfieri che all’andata mise in difficoltà le conterranee, perdendo il primo set solo a 28. Totale punti da affrontare 180 (in casa 79, fuori 101)

Figline Valdarno (15), TREVI 13, CASETTE 41, Rieti 20, CAGLIARI 9, Todi 19, PESARO 38, Loreto 25.

CASETTE 41, (vinte 13, perse 5): tre scontri diretti in casa, uno fuori. Totale punti da affrontare 242 (in casa 146, fuori 96).

Filottrano 42, FIGLINE VALDARNO 15, Olbia 41, BASTIA 36, RIETI 20, Pesaro 38, LORETO 25, Firenze 25.

PERUGIA 40, (vinte 13, perse 5): uno scontro diretto in casa, ma anche tre derby che, a prescindere dalla classifica, sono sempre un punto interrogativo. Totale punti da affrontare 161 (in casa 105, fuori 56).

RIETI 20, Loreto 25, CAGLIARI 9, Todi 19, PAGLIARE 14, Firenze 25, Bastia 36, TREVI 13.

 

PESARO 38, (vinte 14, perse 4): quattro scontri diretti, due in casa, altrettanti in trasferta. Totale punti da affrontare 217 (in casa 105, fuori 112)

Cagliari 9, BASTIA 36, Filottrano 42, FIGLINE VALDARNO 15, Trevi 13, CASETTE 41, Olbia 41, RIETI 20.

 

BASTIA 36, (vinte 13, perse 5): tre scontri diretti, due in casa. Totale punti da affrontare 217 (in casa 108, in trasferta 109).

FIRENZE 25, Pesaro 38, TODI 19, Casette 41, LORETO 25, Rieti  20, PERUGIA 40, Cagliari 9.

Per la cronaca, nel girone D, quello che si confronterà nei playoff con il girone C, dopo 18 giornate, la classifica è la seguente: Agrigento 44 (15 vinte, 3 perse); Marsala 41 (14 vinte, 4 perse); Caserta 38 (12 vinte, 6 perse); Cisterna di Latina 36 (14 vinte, 4 perse); Arzano Napoli 34 (vinte 12, perse 6); Maglie 33 (11 vinte, 7 perse).

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>