A Jerez si chiude: gli italiani non brillano. Solo Baldassarri in moto 2 e Fenati in moto3 in evidenza. E adesso tutti in Qatar!

di 

13 marzo 2014

Il giapponese Nakagami il più veloce in assoluto a Jerez

Il giapponese Nakagami il più veloce in assoluto a Jerez

Attenzione al pericolo giallo, urlavano le nostre nonne per incutere paura ai nipotini riottosi e poco propensi ad ascoltare. Attenti al pericolo giallo anche nel motomondiale, e dato che ci siamo anche attenti agli australiani in moto3. Già, perché da tre giorni a questa parte ci sono un giapponese e un australiano che vanno a mille mentre gli italiani chiudono non certo soddisfatti questi ultimi test prima del mondiale. Dicevamo cge c’è un pilota che sta facendo faville in Moto2 e le suona a tutti di santa ragione. Il suo nome? Takaaki Nakagami che infila il terzo miglior crono consecutivo in altrettante giornate di test. Nella prima sessione di questo giovedì, il nipponico di adozione italiana ha fatto segnare uno strabiliante 1’42”206, tempo che gli ha permesso di lasciare l’Andalusia da dominatore assoluto.

Gli tiene testa l’italo tedesco Sandro Cortese: ha infatti migliorato la posizione conquistata ieri sempre alle spalle del giapponese.

“Scende” di una posizione rispetto alla seconda giornata Thomas Luthi, che anche quest’oggi conquista tutto sommato il podio virtuale di questa tre giorni di prove, con il miglior tempo maturato durante la sessione della mattina. Lo svizzero  è già in forma mondiale e il passo gara con cui ha girato ne è la piú evidente dimostrazione.

Lorenzo Baldassarri, il migliore degli italiani in moto2

Lorenzo Baldassarri, il migliore degli italiani in moto2

Per quanto riguarda gli italiani, Baldassarri è risultato il migliore, chiude con il 7° tempo davanti a  De Angelis, con Corsi 10° e un ottimo Franco Morbidelli che chiude 14°. Da segnalare che la bellezza di 18 piloti (l’ultimo è Pasini) sono tutti racchiusi entro il secondo di distacco dal primo, segno di un grande livellamento delle prestazioni.

Se in moto2 c’è un giapponese che fa faville, in moto 2 la sorpresa si chiama “Jackass”, che non si ferma più. Risolti i piccoli inconvenienti tecnici che hanno interessato la sua moto martedì, Jack Miller è stato il più veloce in ogni sessione di prove. L’australiano, costantemente sul passo del 46” basso, si presenta ai nastri di partenza della stagione con l’etichetta dell’uomo da battere.

Bel salto in avanti per Alex  Marquez, come il 3° solido posto di Karel Hanika. Il campione uscente della Rookies Cup sbalordisce ancora per le sue prestazioni, chiudendo il terzo giorno di test andalusi con un gap di appena 55 millesimi dal proprio compagno di squadra.

Romano Fenati non ha entusiasmato in questi test spagnoli

Romano Fenati non ha entusiasmato in questi test spagnoli

Primo degli italiani, e unico nei primi dieci, è Romano Fenati. L’ascolano ha ottenuto il 9° posto, con un distacco molto contenuto, appena 0”333.  Si è invece un po’ perso, dopo l’avvio bruciante nei test invernali, Niccolò Antonelli, 14° a poco più di mezzo secondo. Alle sue spalle (16° di giornata e 17° assoluto) c’è Francesco Bagnaia a 0”715.

Per Tonucci prima esperienza con il motote nuovo

Per Tonucci prima esperienza con il motote nuovo

Ventunesimo tempo, invece, per Alessandro Tonucci, sulla Mahindra come i due piloti del Team Italia Andrea Locatelli e Matteo Ferrari (che oggi hanno potuto provare il nuovo motore) rispettivamente 26° e 27°. Davanti a loro Enea Bastianini (25°) ancora dolorante alla mano infortunata nei test precedenti.