Come buttare via i soldi: multe per sosta vietata a pochi passi dal parcheggio gratuito

di 

14 marzo 2014

Parcheggi creativi al Tribunale

Parcheggi creativi al Tribunale

PESARO – Tempo fa, abbiamo letto un articolo dedicato ai soldi spesi peggio, soprattutto negli anni della Grande Crisi. Fra i modi peggiori per buttare via il nostro denaro ci sarebbero le sigarette, i videopoker e simili e le multe per infrazione al Codice della strada. Come non essere d’accordo. Stamattina ne abbiamo avuto la conferma passando in zona tribunale, dove i tergicristalli di quattro veicoli trattenevano il doppio ricordo del passaggio dei vigili urbani, che non fanno altro che il proprio dovere.

 

Pare che nel prossimo bilancio del Comune, una voce importante sia l’entrata rappresentata dal pagamento delle contravvenzioni. Un regalo assurdo da parte dei cittadini che, per disattenzione, menefreghismo, arroganza o disprezzo delle norme del Codice della strada, parcheggiano in zone vietate, come tra il tribunale e Via La Marca, dove sono segnalate le piste ciclabili e i relativi divieti.

 

Quattro veicoli colti in flagranza, altrettanti automobilisti che dovranno passare alla cassa, quando a soli 50 metri di distanza c’è il grande parcheggio San Decenzio, dove la sosta è libera, senza vincoli d’orario, e gratuita. E da dove parte in continuazione una navetta che conduce – gratuitamente – in centro. Meglio 50 metri, o poco più, a piedi, o trovarsi con alcune decine di euro in meno? Pensiamoci, prima di buttare via i soldi. Pensiamoci, prima di buttare via i nostri pochi soldi.

Parcheggi liberi al San Decenzio

Parcheggi liberi al San Decenzio

Un commento to “Come buttare via i soldi: multe per sosta vietata a pochi passi dal parcheggio gratuito”

  1. Matteo scrive:

    i vigili urbani faranno anche il loro dovere.. ma stamattina la vigilessa mentre scriveva la multa aveva la sua auto posteggiata in via mancini in un posto riservato ai disabili… COMPLIMENTI!!!!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>