Fradelloni la chiama la rivoluzione dei cinque stelle

di 

14 marzo 2014

Igor Jason Fradelloni*

PESARO – Questi giorni io come altri abbiamo constatato quanto sia gravosa la responsabilità affidataci da tantissimi cittadini nelle ultime elezioni politiche.

Il MoVimento 5 Stelle ha la pretesa di costituire una valida alternativa al sistema partitico che ha colpevolmente accentuato, quando non addirittura direttamente provocato, le difficoltà socio-economiche del popolo italiano; occorre però serenamente riconoscere che noi stessi attivisti pentastellati rischiamo a volte di cadere esattamente negli stessi meccanismi cui ci opponiamo.

Si impone una profonda riflessione poiché non è possibile promuovere nessuna rivoluzione se prima non si parte dalla propria persona; altrimenti il rischio, storicamente confermato con una ciclicità disarmante, è quello di fare danni ancora maggiori del sistema precedente.

Trovo estremamente significativo il passo fatto proprio questi giorni da Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio a favore di un ripensamento sugli allontanamenti, vedi anche la ribalta nazionale data al caso della nostra parlamentare marchigiana Serenella Fucksia e della supposta sfiducia nei suoi confronti dei Meet up territoriali; i fondatori del M5S stanno cercando di dare una svolta importante a gravi errori compiuti nel passato. In particolare Casaleggio incontrando personalmente la deputata si è espresso aprendo al dialogo ed escludendo qualsiasi processo espulsivo.

Anche la stampa nazionale, oltre quella locale, quasi quotidianamente si sta occupando della faida ormai dilagata in tutto il territorio della provincia pesarese. In data 12-03-14 il gruppo di Fermignano 5 Stelle ha diffuso un comunicato stampa, sottoscritto anche da qualche altro Meet up, infarcito delle stesse menzogne tante volte diffuse dal consigliere comunale Mirko Ballerini e dal candidato sindaco Fabrizio Pazzaglia (rappresentanti di una lista civica certificata per le amministrative 2009 ma non ancora per quelle del 2014). Male informati che fanno mala informazione: queste persone dichiarano di essere estranei a me ed alla lista civica di cui sono portavoce/sindaco. Dovrebbero sapere quindi che così si dichiarano piuttosto estranei ai principi del M5S. Tutti sanno che la corretta informazione ne è uno dei capisaldi.

Mirko Ballerini e Fabrizio Pazzaglia hanno fatto approvare in data 14/12/13, con la complicità di altri, un regolamento illegittimo per poi trasgredirlo loro stessi al fine di mettere in atto la mia espulsione dalla loro lista civica (affermazioni basate su prove documentali inoppugnabili). Hanno avuto anche l’imprudenza di richiedere la certificazione allo staff di Beppe Grillo per le prossime amministrative; stante le loro innumerevoli infrazioni allo statuto del M5S depositato con atto notarile il 12/03/13, gli venissa concessa sarebbe un vero e proprio furto ed in effetti niente di scandaloso visto l’andazzo generale.

Il PD di Matteo Ricci “gongola”, ecco come la stampa nazionale ha correttamente definito la nostra situazione dopo il gentile diniego di Fabrizo Pazzaglia alla nostra proposta di un incontro pubblico al fine di verificare anche eventuali possibilità di una riunificazione pacifica tra gli attivisti pentastellati.

*Portavoce/sindaco Cittadini 5 Stelle Pesaro
cittadini5stellepesaro@gmail.com

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>