Pesaro 2014, Di Domenico studia la grande alleanza: “Undici liste come risposta concreta a Ricci. Chi non partecipa è di fatto alleato del PD”

di 

16 marzo 2014

PESARO – Futura Pesaro, con il suo Candidato Alessandro Di Domenico, all’indomani del sodalizio con Siamo Pesaro, va alla ricerca delle altre forze civiche nella convinzione di aggregarle sotto il comune denominatore, cioè l’alternanza al centro sinistra di Ricci, per riequilibrare la presenza di partiti tradizionali nella coalizione.

“La Rosa di Pesaro e Solo Pesaro sono interlocutori “privilegiati” per questo progetto –  continua nella nota il Candidato Sindaco Alessandro Di Domenico – e credo che se si trovasse un interlocutore unitario, affidabile e aperto al dialogo, non si tireranno indietro. L’effetto domino poi sarebbe “travolgente; UDC e Nuovo Centro Destra in un’alleanza così ampia potrebbero sciogliere le riserve e partecipare in un’unica coalizione. A questo punto non ci sarebbe più spazio per altre “alchimie politiche”; un’alleanza di 11 liste con un unico Candidato Sindaco sarebbe la risposta più concreta e forte che si potrebbe dare a Ricci. Il tempo per ottenere questo risultato c’è”.

La nota continua: “Infatti, come è stato ribadito, le due liste civiche saranno punto di riferimento, oltre che alla coalizione Alleanza per il Cambiamento, anche per tenere sempre aperte le porte a quanti credano che la discontinuità al centro sinistra, sia possibile con una base programmatica condivisa, ma anche con un ampio schieramento alternativo.

Chi non vorrà partecipare a questa alleanza, di fatto, sarà un alleato del Pd, di Ricci e di tutta la vecchia politica pesarese.

Anche per questo, nell’accordo tra Futura Pesaro e Siamo Pesaro, non ci si è soffermati sulla scelta del Candidato Sindaco, per il semplice fatto che l’obbiettivo è vincere, e noi , tutti insieme, vorremmo scegliere il Candidato Sindaco che più esprimerà il potenziale utile per contrastare il maggiore competitor che è Matteo Ricci.

Ma prima di questa scelta non è sufficiente la “piattaforma programmatica” che abbiamo entrambi accettato, ed è già è un buon punto di partenza, ma la volontà reciproca è anche quella di presentare ai cittadini la “Squadra di Governo”, prima della data delle elezioni ed anche questa si deciderà tutti insieme. Questa è progettualità, trasparenza, partecipazione”.

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>