Vigilia del Gp del Qatar: tutti contro Marquez. Ma a noi piace sognare e diciamo: Valentino, questo è l’anno del tuo riscatto. “Ci sei tu contro tutti!”

di 

17 marzo 2014

Tutti contro Marquez è il ritornello che campeggia nei titoli di tutti i giornali nel presentare la stagione Moto Gp che prenderà il via mercoledì in Qatar con la prima conferenza stampa dell’anno.

Ebbene anche in questo frangente noi di pu24.it vogliamo dargli un “taglio” diverso e, garantiamo, non è per fare i bastian contrari ma semplicemente perché siamo convinti che il vero titolo di presentazione sia un altro : VALENTINO CONTRO TUTTI.

Rossi contro Marquez: è la sfida che sognano gli appassionati di MotoGp

Rossi contro Marquez: è la sfida che sognano gli appassionati di MotoGp

Il  biondo, detto anche Dottore, sogna il decimo sigillo e quando Vale sogna lo fa ad occhi aperti, ovvero con la convinzione  che il sogno si può realizzare.

Ha mandato a casa Burgess e scusate, ma è indescrivibile il “gusto”  che abbiamo provato a scriverlo prima di tutti,  perché sapeva che era il momento di cambiare aria, di rinnovare, e poi quest’inverno – lui che è pigro il giusto – si è allenato come non ha mai fatto nella sua lunga carriera. Adesso è in forma, in forma smagliante e arriva in Qatar tonico fisicamente e con “la testa giusta”.

E’ conscio della sua grande potenzialità, quella che ha espresso nei test, dove nelle prove di gara ha sempre avuto il passo migliore. Non ha cercato il “tempone” ha messo a punto la sua M1 e ricordate: le gare si vincono col passo non col giro a vita persa e lui, il 46, ha il passo.

Marquez e Lorenzo ai ferri corti anche in questa stagione

Marquez e Lorenzo ai ferri corti anche in questa stagione

La sfida che Valentino lancia a Marquez è di quelle toste. Innanzitutto bisognerà vedere se lo spagnolo sarà già al top dalla prima gara in Qatar, visto che gareggiare da giovedì dopo più di un mese di stop e non essere più salito in sella per la frattura di un perone non è proprio il massimo della vita. Ma dalla sua il “cabroncito” ha la carta d’identità: 21 anni contro 35. Quindi tutto è possibile.

Pedrosa: è l'anno decisivo per l'assalto al titolo

Pedrosa: è l’anno decisivo per l’assalto al titolo

E poi Valentino, diciamo la verità, ha di fronte altri due spagnoli, Pedrosa e Lorenzo, che non gli lasceranno strada tanto facilmente. Ma a differenza di Marquez, quei due Valentino li ha già battuti parecchie volte, quindi se non altro li conosce bene e a fondo e sa dove e come può batterli.

Piuttosto l’incognita nuova della stagione e, manco a dirlo, un altro spagnolo, si chiama Aleix Espargarò ed ha mostrato ampiamente di andare forte con la Yamaha Open, che nonostante le smentite dei diretti interessati non è altro che una Yamaha 2013 con 24 litri di benzina e gomme super soft da sfruttare…

Dovizioso e Dall'Igna ai box:che stagione sarà?

Dovizioso e Dall’Igna ai box:che stagione sarà?

E poi, visto che siamo in vena di Open, ci sono pure di mezzo le Ducati che sembrano rinate dopo il periodo nero di Rossi e una stagione 2013 negativissima. Merito di Dall’Igna, responsabile del progetto e delle piccole ma significative novità che ha apportato alla Desmo Gp14 affidate a Dovizioso e Crutchlow, desiderosi di andare forte.

Le novità regolamentari già le conoscete? Non è vero niente, perché quando scriviamo stanno cambiando di ora in ora. Sapevate di due classi, le moto Factory e le moto Open. Poi è arrivata la sceneggiata delle Factory2 (che dovevano essere approvate oggi o forse domani).

Carmelo Ezpeleta, grande boss di Dorna e della motoGp

Carmelo Ezpeleta, grande boss di Dorna e della MotoGp

Ecco adesso spuntare l’ennesimo caos: Honda (e anche Yamaha) hanno chiesto di poter tranquillamente passare da Factory a Open a campionato in corso. Come a dire: se rompiamo qualche motore di troppo, invece di partire dai bx, scegliamo di passare alle Open (o factory2, vedremo) e il gioco è fatto. Insomma, giocare a carte sapendo le carte che l’avversario ha in mano non ci sembra una gran bella cosa. La correttezza è andata a farsi benedire, ma certo Ezpeleta per salvare il giochino che ha messo su da anni, accetterà qualsiasi compromesso. Il tutto con la benedizione della FMI che sull’argomento tace, non mettendo becco su nessuna delle decisioni prese. Insomma, poche idee e confuse e un caos nei regolamenti che lascia esterrefatti.

Bagnaia Rossi Guareschi e Fenati: la moto 3 e Sky pronti per l'avventura

Bagnaia Rossi Guareschi e Fenati: la moto 3 e il team Sky VR46 sono  pronti per la grande avventura

Di sicuro è il peggior servizio che la Dorna poteva fare alla new entry italiana: Sky tv. Tanto dispiego di uomini e mezzi rischia di non apportare aumenti di audience, perché sarà difficile spiegare ai telespettatori perché una squadra comincia la stagione con una moto e ne finisce con un’altra, perché la benzina scende, i pneumatici cambiano, i motori scendono di numero e si può partire dai box oppure no. Insomma, bene arrivati, ragazzi di Sky, ma di certo non avrete vita facile.

Alex De Angelis: grande attesa per il suo debutto con Tasca Racing

Alex De Angelis: grande attesa per il via con Tasca Racing

Detto questo, aggiungiamo solo quelli che, per noi, sono i grandi favoriti in moto2 e moto3. Nella classe di mezzo, ci saranno come sempre un nugolo di spagnoli (Rabat, Salom, Vinales, Terol e Torres) ma attenti al giapponese Nakagami, che va fortissimo, allo svizzero Luthi e al finlandese Kallio. I nostri? Corsi e De Angelis saranno della partita solo se troveranno nella stagione una continuità che è loro mancata sinora.

Alessandro Tonucci: da lui ci si aspetta una stagione con i fiocchi

Alessandro Tonucci: anno nuovo, nuova Mahindra

Per quanto riguarda le “piccole”, da segnalare pochi spagnoli e… tanti italiani, finalmente. Da Antonelli a Ferrari, da Bagnaia a Fenati, da Tonucci a Bastianini, per chiudere con Locatelli. Soprattutto Antonelli, Fenati Bagnaia e Tonucci saranno in grado di mettere il sale sulla coda al grande favorito, per noi, che risponde al nome di Jack Miller, che ha la stessa carica che aveva Valentino nel 2006 ed anche la stessa grinta. Staremo a vedere.

Detto questo un ultimo sguardo ai pesaresi doc: di Alessandro Tonucci abbiamo già detto, della sua Mahindra molto meno, ma promette faville; c’è poi il team Ongetta-Rivacold di Giancarlo e Mirko Cecchini con Masbou e Kairhudin in più di una occasione saranno tra i protagonisti forti anche dell’appoggio ufficiale della Hrc che ha fornito al team pesarese due delle sei Honda “buone” presenti in Moto 3. E sempre in questa categoria il Team Sky Racing by VR 46 farà faville con Fenati e Bagnaia.

Insomma: la MotoGp, nonostante Dorna e i suoi allucinanti regolamenti, ci farà divertire anche quest’anno. E il merito, come sempre, sarà dei piloti, gli unici vero, autentici, protagonisti. In pista, grazie a Dio, ci sono loro.

 

2 Commenti to “Vigilia del Gp del Qatar: tutti contro Marquez. Ma a noi piace sognare e diciamo: Valentino, questo è l’anno del tuo riscatto. “Ci sei tu contro tutti!””

  1. giorgio scrive:

    Finalmente si comincia, forza raggazzi fate bvedre quanto è grande Pesaro nel mondo senza dimenticare Franco Morbidelli un grande, grandissimo giovane tirato su da Guido Mancini

  2. massimo scrive:

    Pienamente d’ accordo con te Brusco e grazie per aver sintetizzato tante questioni in modo così chiaro. Veramente un bell’ articolo di inizio campionato. Sarà un grande spettacolo e vedrai che il risultato finale nelle 3 categorie resterà incerto sino alla fine. E’ vero anche per me: la “sorpresa” sarà Valentino! Potrà dare filo da torcere su ogni pista e saranno altri a correre preoccupati.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>