Fenati, principe del Qatar: 1° anche oggi. “Ma attenti: gli altri sono vicini”. In moto 3 sorpresa Cortese, ma Rabat vola. Italiani, un passo indietro

di 

21 marzo 2014

Moto3, terza sessione. Romano Fenati, principe del Qatar. Se Valentino Rossi non gode per come sono andate le cose nella seconda sessione della MotoGp, di sicuro gongolerà come un matto per la magnifica prestazione del “suo” pilotino, che corre per il team SkyVR46 è che anche oggi è risultato il più veloce in pista, migliorando di poco il tempo di ieri, ma qual che basta per tenersi lontano 61 millesimi fior di campioni come Rins, Kornfeil, A. Marquez e Miller. Tutti indietro a inseguire il Principe che in Qatar corre come se fosse sulla pista di Tavullia, dove deve aver imparato a fare i traversi che gli abbiamo visto fare oggi. Fenati non è andato troppo per il sottile, ha aperto il gas da subito è ha fatto il miglior tempo a 10’ dalla fine della sessione, un tempo incredibile che solo Rins ha battuto, ma per pochi secondi, giusto il tempo per piombare sul traguardo e rimettere le cose a posto. Sentitelo a fine prove: “Sì, vabbè, sono andato forte, ma se guardate gli altri sono vicinissimi e questo non ci fa stare tranquilli. Oggi abbiamo fatto una scelta che non mi ha proprio entusiasmato, non avevo feeling con la moto. Per domani sono sicuro che tutti miglioreranno, quindi dovremo farci trovare pronti per evitare brutte sorprese”.

Romano Fenati: tre sessioni e sempre al primo posto

Romano Fenati: tre sessioni e sempre al primo posto

Chi invece non si è migliorato è stato Niccolò Antonelli, (9°) il quale però non è affatto preoccupato: “Siamo tutti lì, se guardate i tempi siamo tutti racchiusi in pochi decimi, quindi sono fiducioso e stiamo ragionando per mettere a posto la moto per domani quando in qualifica non possiamo permetterci il lusso di sbagliare nulla”.

Per Alessandro Tonucci grossi problemi di chattering

Per Alessandro Tonucci grossi problemi di chattering

Gli altri italiani, diciamo la verità, ad eccezione di Pecco Bagnaia che ha chiuso 8° dopo un inizio di prove davvero difficoltose, non hanno entusiasmato: Enea Bastianini è 20°, Tonucci addirittura 24° con una Mahindra che soffre per un chattering pazzesco che lo penalizza, mentre Locatelli e Ferrari, del team Italia, pagano lo scotto di un praticantato che porterà i risultati nel tempo, non certo in poche ore. Molto bene invece il francese Masbou che come sapete corre con il team pesarese Ongetta Rivacold di Giancarlo Cecchini: il suo 7° tempo a 3 decimi dai primi è assai proettente.