Derby, scontri all’ingresso del settore ospiti: due tifosi della Vis al pronto soccorso

di 

23 marzo 2014

FANO – Tafferugli prima e durante il primo tempo della partita tra i tifosi della Vis e le forze dell’ordine. Dalle prime ricostruzioni risulterebbero due feriti tra i tifosi vissini (tra cui un ragazzino di 16 anni, portato poi al pronto soccorso per applicare dei punti al sopracciglio), colpiti in mischia da alcune manganellate. Anche il secondo ragazzo, ferito alla testa (10 punti di sutura sulla fronte) è stato visitato al pronto soccorso di Fano. Il caos sarebbe stato originato dal portone d’ingresso al settore ospiti,  sbarrato, e da un controllo capillare dei biglietti venduti in prevendita nominativa: di fatto la partita era iniziata da diversi minuti e i circa 600 tifosi erano ancora all’esterno. In pratica, secondo le testimonianze degli stessi tifosi, era come voler “far entrare 600 persone, a partita iniziata, attraverso un portone di casa”.  Le telecamere di sicurezza avrebbero registrato ogni singolo istante. C’è chi segnala anche un percorso lunghissimo fatto fare al corteo vissino per raggiungere lo stadio. Alcuni disagi anche al ritorno in treno: qualcuno avrebbe tirato il freno di sicurezza, bloccando per alcuni minuti il treno.

Da quanto appreso dalla Questura, in serata, si sono registrati diversi feriti anche tra la polizia: almeno una decina di forze dell’ordine si sono dovute recare al pronto soccorso per ematomi e ferite riportare durante lo scontro con i tifosi della Vis. Tra queste anche la dottoressa Santi colpita da una bottigliata in testa. Fondamentale, per calmare le acque, l’intervento del questore. In totale, per il solo ingresso del settore ospiti (circa 600 tifosi pesaresi, 400 dei quali arrivati in treno), sono stati impiegati 60 agenti.

2 Commenti to “Derby, scontri all’ingresso del settore ospiti: due tifosi della Vis al pronto soccorso”

  1. barbara scrive:

    Tutto bene fino all’ingresso allo stadio ,siamo arrivati alle 14.30.Dopo un quarto d’ora tutti ammassati e sotto il sole nn si riusciva ad entrare poiche nn solo controllavano i biglietti ma facevano perquisizioni.E stato detto alla polizia che sarebbero successi casini se si continuava cosi,ma e stato risposto di fare la fila e basta.Come fa a far entrare 500 persone da una porta di casa a partita iniziata? Davvero indecente……

  2. manuel scrive:

    Mi chiedo con che coraggio un “cellerino” prende a manganellate un ragazzino di 16 anni alto un metro per 40kg che faceva la fila per entrare mentre da dietro lo spingevano?(ALL’OSPEDALE CI É ANDATO A PIEDI!) Fate pena ma soprattutto vi auguro una vita infelice! Avrete anche il coltello dalla parte del manico ma la ruota gira gira… Buona notte…

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>